La didattica a distanza richiede agli insegnanti fatica superiore rispetto alle lezioni tradizionali

Orizzonte Scuola, 12.12.2020.

La didattica a distanza, nonostante non possa supplire a quella in presenza, richieda una fatica superiore a quella delle lezioni tradizionali. E’ questa uno degli argomenti affrontati dal sindacato Gilda durante un’assemblea sindacale svolta in contemporanea in tutte le province di Italia.

Data questa constatazione, “gli insegnanti – si legge in un comunicato –  trovano avvilente, dunque, che il loro impegno sia misconosciuto da parte di chi, invece, ha addirittura parlato di recupero del tempo perso”.

Il riferimento è alla prospettiva di lezioni in classe anche nel mese di giugno, per recuperare eventuali giorni di lezione non svolti nel corso dell’anno scolastico a causa dell’emergenza Coronavirus. Una possibilità della quale ha parlato qualche settimana fa il Ministro Azzolina, che proprio ieri ha chiarito “Non è stato deciso nulla ancora. Serve un confronto e una riflessione. Su eventuali azioni da compiere per assicurarci che nessuno resti indietro. Il calendario scolastico è deciso dalle Regioni”.

Certamente non potrà essere considerato da “recuperare” il tempo trascorso in modalità di didattica a distanza, modalità che dal DPCM del 3 novembre (e per qualche regione già prima) ha coinvolto al 100% gli studenti della scuola secondaria di II grado. Discorso a parte per infanzia, primaria  e secondaria I grado, che hanno subito in questi mesi  chiusure ad intermittenza, in base al colore della regione e all’aggravarsi della situazione epidemiologica.

Ma certamente non sarà da mettere in discussione l’impegno profuso dagli insegnanti in questi mesi.

Un impegno e un ripensamento del modo di fare didattica che è già iniziato lo scorso anno durante il lockdown. Per questo motivo purtroppo l’indagine pubblicata da INDIRE in base ad un sondaggio svolto nel mese di giugno su un campione limitato di docenti che hanno risposto in maniera volontaria alle domande, sembra non rendere giustizia del grande lavoro svolto fin qui dalla dagli insegnanti.

Didattica a distanza in lockdown, online report Indire: risultano meno ore di lezioni sincrone per i docenti. Non conteggiato tutto il lavoro asincrono

Va inoltre messo in evidenza che dal 7 gennaio (così come all’apertura delle scuole a settembre) le scuole adotteranno la didattica digitale integrata, dato che a fare rientro nelle aule sarà il 75% della popolazione scolastica.

E la didattica digitale integrata comporta anch’essa una rimodulazione delle attività didattiche, se non anche degli orari settimanali.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

La didattica a distanza richiede agli insegnanti fatica superiore rispetto alle lezioni tradizionali ultima modifica: 2020-12-12T19:31:03+01:00 da Gilda Venezia
Gilda Venezia

Leave a Comment
Share
Pubblicato da
Gilda Venezia

Recent Posts

Nuovo Dpcm Draghi, cosa accadrà nelle scuole zona arancione?

di Carla Virzì,  La Tecnica della scuola, 2.3.2021. Il nuovo Dpcm, il primo del Governo…

54 minuti fa

Lavoratori fragili, proroga al 30 aprile 2021 sorveglianza sanitaria eccezionale

Orizzonte Scuola, 2.3.2021. Nota Inail – Sono state prorogate fino alla data di cessazione dello…

4 ore fa

Mancano docenti di sostegno/1: migliaia di posti restano non assegnati

Tuttoscuola,  2.3.2021. Questa stagione concorsuale che sta procedendo faticosamente a causa della pandemia e che,…

5 ore fa

Stipendio, importo di Marzo 2021 già visibile su NoiPA: ecco come visualizzarlo

di Giuseppe de Tullio, InfoDocenti.it, 2.3.2021. Lo stipendio di marzo 2021 è già visibile su NoiPA, nella…

8 ore fa

Il vincolo dei 5 anni è a rischio

di Carlo Forte, ItaliaOggi  2.3.2021 Nei prossimi giorni la proposta ai sindacati, che poi dovrà essere…

11 ore fa

Covid, scuole osservate speciali

di Alessandra Ricciardi, ItaliaOggi  2.3.2021 Oggi il dpcm sulle misure. Salgono i contagi nella fascia 13-19.…

11 ore fa

Questo sito contiene cookie tecnici, analitici e terze parti per la migliore fruizione dei contenuti del sito anche mediante tracciamento delle attività nel sito. Per visualizzare la cookie policy e disabilitare i cookie diversi da quelli tecnici, clicca sul link sotto. Chiudendo questo banner e navigando sulla pagina, acconsenti all'uso dei cookie.

Clicca qui per visualizzare la cookie policy