Categorie: Stampa

La laurea dipende dai genitori

di Emanuela Micucci, ItaliaOggi  2.3.2021

Anticipazioni dall’Inapp: avvantaggiate le famiglie più istruite, ascensore sociale rotto.

Solo il 12% dei giovani arriva alla laurea se i genitori hanno la licenza media. In Italia l’ascensore sociale sembra essersi fermato. A certificarlo i risultati dello studio «Istruzione e mobilità intergenerazionale: un’analisi dei dati italiani», pubblicato nel nuovo numero di Sinappsi, la rivista dell’Inapp (istituto nazionale per l’analisi delle politiche pubbliche), che verrà presentato il 4 marzo con il ministro dell’istruzione Patrizio Bianchi. A differenza di altri che prendono come parametro di confronto il reddito dei genitori, lo studio si focalizza sui dati riguardanti il livello di istruzione che, sottolinea la ricerca, «forniscono informazioni altamente valide e stabili sulla scolarizzazione completata». Nonostante a seguito dell’innalzamento dell’obbligo scolastico e del libero accesso all’università, ci sia stato un aumento del livello di istruzione dei figli rispetto ai genitori, in Italia «esiste una relazione diretta tra il titolo di studio dei genitori e quello dei figli», spiega il presidente dell’Inapp Sebastiano Fadda. Un figlio di genitori con la laurea ha il 75% di probabilità di laurearsi, uno proveniente da una famiglia con al massimo il diploma il 48%, uno con genitori con la licenza media il 12%, scendiamo poi al 6% nel caso di individui i cui genitori non hanno alcun titolo di studio (in riferimento ad una classe di individui nati tra il 1977 e il 1986). Non solo. Per i figli delle famiglie più istruite la probabilità di ottenere lo stesso titolo di studio è in progressivo aumento: dal 60% dei nati nel 1947-1956 si passa al 75% dei nati nel 1977-1986.

Le riforme, quindi, hanno ampliato l’accesso a tutti i livelli di istruzione, ma, essendo rimaste immutate le differenze socioeconomiche e i loro effetti, dalla nuove opportunità hanno trovato vantaggio tutte le classi indistintamente, anche quelle superiori. La liberalizzazione dell’accesso all’università avvenuta nel 1969 sembra, infatti, aver favorito soprattutto i figli delle famiglie più istruite. Eppure, osserva Fadda, «generalmente i genitori desiderano per i propri figli un tenore di vita più elevato e con esso una vita migliore di quanto non abbiano avuto loro stessi. E la maggior parte delle persone aspira ad avere l’opportunità di raggiungere posizioni più elevate rispetto a quelle della famiglia di origine. Invece, lo studio Inapp dimostra che «in Italia l’ascensore sociale sembra essersi fermato. Sia per un problema legato alle risorse economiche che per un aspetto culturale: le evidenze dimostrano che un genitore poco istruito sarà meno propenso a investire nell’istruzione del proprio figlio». Del resto, il rendimento degli investimenti nell’istruzione è uno dei più bassi: le persone con titolo di studio universitario guadagnano in media solo il 40% in più rispetto a quelli con istruzione secondaria superiore, rispetto al 60% in più della media Ocse (2018).

Né livelli di istruzione elevati garantiscono maggiore probabilità di occupazione. «Sono necessarie», osserva Fadda, «politiche pubbliche volte a superare le diseguaglianze di origine non solo offrendo agli individui “capaci e meritevoli” ma “privi di mezzi” le risorse necessarie a proseguire gli studi, ma anche garantendo che le istituzioni di istruzione sappiano assicurare a tutti processi di apprendimento validi, incisivi e profondi». Non solo, quindi, ridurre le tasse d’iscrizione all’università o calibrarle sulla base del reddito. Ma anche, commenta Fadda, «superare il disallineamento tra domanda e offerta di competenze e stimolare processi produttivi innovativi capaci di assorbire forza lavoro altamente qualificata per indurre anche le famiglie meno istruite a investire maggiormente nel capitale cognitivo dei figli in vista di sicuri rendimenti futuri».

.

.

.

.

 

La laurea dipende dai genitori ultima modifica: 2021-03-02T06:41:57+01:00 da Gilda Venezia
Gilda Venezia

Leave a Comment
Share
Pubblicato da
Gilda Venezia

Recent Posts

Coprifuoco e scuola, l’ira delle Regioni. Fedriga: «Grave cambiare in Cdm accordi già presi»

di Carlotta De Leo, Il Corriere della sera, 22.4.2021. Il presidente del Friuli Venezia Giulia convoca una…

46 minuti fa

Docente lavora anche per attività private, giudice lo condanna per danno erariale

Orizzonte Scuola, 22.4.2021. Per svolgere incarichi a favore di privati quando si esercita l’attività presso…

2 ore fa

Il ministero dell’istruzione nel pallone

dalla Gilda degli insegnanti di Venezia, 22.4.2021. Draghi e Bianchi si sono arresi dopo l'intervento delle…

8 ore fa

Nuovo decreto Covid, le novità

di Alessandro Giuliani,  La Tecnica della scuola, 22.4.2021. Arrivano certificazioni verdi, novità su vaccinazioni, alunni…

8 ore fa

Decreto Covid, alunni alle superiori almeno al 70%: il Governo alza la quota nelle zone gialle e arancioni

di Alessandro Giuliani,  La Tecnica della scuola, 21.4.2021. Cambio dell’ultimo momento nella percentuale di presenza…

8 ore fa

Recalcati: “basta parlar male della Dad”!

di Gabriele Ferrante,  La Tecnica della scuola, 21.4.2021. “Basta parlar male della didattica a distanza!…

8 ore fa

Questo sito contiene cookie tecnici, analitici e terze parti per la migliore fruizione dei contenuti del sito anche mediante tracciamento delle attività nel sito. Per visualizzare la cookie policy e disabilitare i cookie diversi da quelli tecnici, clicca sul link sotto. Chiudendo questo banner e navigando sulla pagina, acconsenti all'uso dei cookie.

Clicca qui per visualizzare la cookie policy