La riapertura del 7 gennaio barattata con biciclette e monopattini

di Vincenzo Rizzo, il Sussidiario, 31.12.2020.

Non ci sono le condizioni di sicurezza necessarie per riaprire il 7 gennaio, scrive un docente. Perché non aspettare al fine del quadrimestre?

Caro direttore,
la riapertura delle scuole prevista il 7 gennaio pone delle questioni che necessitano di un confronto serio, leale e a tutto campo. Innanzitutto è doverosa una domanda di partenza: è una buona idea riaprire le scuole quando la fine del primo quadrimestre è ormai vicina?

Prendere tempo per riorganizzarsi in modo più efficace, a mio avviso, può essere una scelta decisamente più valida. Ormai da giorni si parla, infatti, di una variante inglese del virus, particolarmente contagiosa e pericolosa. Le misure ad oggi intraprese possono effettivamente costituire un efficace mezzo di contrasto rispetto a una situazione inedita e potenzialmente più grave? Mi sembra lecito avviare, perciò, un dibattito costruttivo, comunicando a tutti gli operatori della scuola la validità effettiva delle azioni volte alla riapertura.

Ritengo, a tal proposito, che al personale scolastico più anziano d’Europa debbano essere date in dotazione, in tempi stretti, mascherine FFP2 e non mascherine chirurgiche. Tutti sanno che le prime sono più efficaci e proteggono meglio. È vero che i costi sono più alti, ma non si capisce, allora, perché siano stati elargiti ingenti bonus per biciclette, monopattini, ecc. (220 milioni) anziché tutelare meglio la salute degli operatori scolastici.

E d’altro canto le recenti affermazioni del noto microbiologo Andrea Crisanti, docente all’Università di Padova, destano preoccupazione: “Ancora oggi non sappiamo quanto le scuole contribuiscano alla trasmissione e questo penso sia inaccettabile. I dati non sono stati resi pubblici, non sono stati analizzati dalla comunità scientifica”, e ancora: “Abbiamo il dogma che dentro la scuola non ci sia trasmissione ma non c’è nessuna prova a riguardo. Forse la cosa giusta da fare sarebbe aprire un distretto scolastico in una zona gialla, arancione e rossa e vedere cosa succede”.

Tali dichiarazioni dovrebbero essere prese seriamente in considerazione o confutate con dati alla mano, per rassicurare tutta la comunità scolastica. Vengono, invece, totalmente ignorate e disattese, lasciando l’opinione pubblica sconcertata e confusa. E d’altro canto il prof. Roberto Battiston, fisico sperimentale, in un’intervista al Corriere della Sera ha prospettato il serio rischio di una terza ondata, vista la situazione attuale. A una specifica domanda sulla ripartenza della scuola a settembre ha risposto: “Si poteva fare di più. Pensiamo all’uso facoltativo delle mascherine nelle scuole. Non si è pensato a metterle obbligatorie e da quando hanno riaperto l’Rt ha cominciato a salire e il 23 ottobre era schizzato a 1,75. Ma la mascherina non è l’unica cosa importante, pensiamo agli ingressi differenziati, all’impiego del medico scolastico”.

A quanto pare, la riapertura della scuola sembra, dunque, frutto di azioni politiche indiscutibili, non soggette a dibattito o a progetto condiviso o a critica presa in considerazione. Tutto ciò genera un clima di incertezza che non aiuta. In un momento così grave la dogmatica impositiva dovrebbe cedere il passo all’ascolto dell’altro, all’elaborazione di azioni condivise, alla rassicurazione del personale attraverso tutti i mezzi e le possibilità attuabili: dispositivi di protezione FFP2 per tutti, aiuto e sostegno psicologico agli operatori logorati dalla situazione, coinvolgimento attivo del medico scolastico, ascolto dei drammi esistenziali in atto, migliore tutela del personale con patologie, azioni specifiche a favore dei disabili, ecc.

Il macroproblema che ci sta affliggendo richiede l’uso della ragione secondo tutti i fattori, in primis quello del bene comune e della tutela dei deboli, non la sua riduzione a urgenza di autoaffermazione politica.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

La riapertura del 7 gennaio barattata con biciclette e monopattini ultima modifica: 2020-12-31T07:25:51+01:00 da Gilda Venezia

Gilda Venezia

Leave a Comment

Recent Posts

Il ministero dell’istruzione nel pallone

dalla Gilda degli insegnanti di Venezia, 22.4.2021. Draghi e Bianchi si sono arresi dopo l'intervento delle…

7 ore fa

Nuovo decreto Covid, le novità

di Alessandro Giuliani,  La Tecnica della scuola, 22.4.2021. Arrivano certificazioni verdi, novità su vaccinazioni, alunni…

7 ore fa

Decreto Covid, alunni alle superiori almeno al 70%: il Governo alza la quota nelle zone gialle e arancioni

di Alessandro Giuliani,  La Tecnica della scuola, 21.4.2021. Cambio dell’ultimo momento nella percentuale di presenza…

7 ore fa

Recalcati: “basta parlar male della Dad”!

di Gabriele Ferrante,  La Tecnica della scuola, 21.4.2021. “Basta parlar male della didattica a distanza!…

7 ore fa

Supplenze e maternità: illegittimo escludere dall’assunzione la lavoratrice madre in gravidanza

Obiettivo scuola, 21.4.2021. Il congedo di maternità è il periodo di astensione obbligatoria dal lavoro riconosciuto alla lavoratrice durante…

7 ore fa

Perdenti posto, chi arriva a domanda condizionata non deve andare in coda

di Lucio Ficara,  La Tecnica della scuola, 21.4.2021. Una nostra lettrice che insegna in Sardegna ci…

8 ore fa

Questo sito contiene cookie tecnici, analitici e terze parti per la migliore fruizione dei contenuti del sito anche mediante tracciamento delle attività nel sito. Per visualizzare la cookie policy e disabilitare i cookie diversi da quelli tecnici, clicca sul link sotto. Chiudendo questo banner e navigando sulla pagina, acconsenti all'uso dei cookie.

Clicca qui per visualizzare la cookie policy