La scuola è responsabile per la caduta del bimbo in cortile

Tecnica_logo15B

Andrea Carlino, La Tecnica della scuola  9.2.2017

– Il Tribunale di Treviso, con sentenza 2615 del 25 ottobre scorso, ha deciso che i genitori del bimbo caduto nel cortile di scuola devono essere risarciti.

Il risarcimento è d’obbligo se né scuola né insegnante provano che l’infortunio è dipeso da causa loro non imputabile. Al danneggiato basterà dimostrare che il fatto sia accaduto in orario e luogo scolastici. Lo riporta “Il Sole 24 Ore”.

A promuovere la causa, sono i genitori di una bimba scivolata, durante la ricreazione, nel cortile dell’asilo. Dell’incidente – avvenuto mentre girava con una bicicletta senza rotelle di sicurezza – erano responsabili, secondo l’avvocato della coppia, sia la maestra che la scuola.

La famiglia della bambina ha fatto ricorso chiedendo un ristoro economico. I giudici del tribunale della città veneta hanno dato loro ragione allineandosi alla sentenza della Cassazione del 2015 (20475) per cui, in tema di responsabilità dei soggetti obbligati alla sorveglianza di minori, il regime probatorio non muta. Riconosciuto, così, per i genitori, il risarcimento di circa 20mila euro.

.

La scuola è responsabile per la caduta del bimbo in cortile ultima modifica: 2017-02-10T05:10:43+01:00 da Gilda Venezia
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com

GILDA VENEZIA - Associazione Professionale GILDA degli INSEGNANTI - Federazione Gilda Unams

webmaster: Fabio Barina



Sito realizzato da Venetian Navigator 2 srl