La scuola fuori dalla realtà

corriere-mezzogiorno_logo2

di Beatrice Carillo, il Corriere del Mezzogiorno, 2.2.2018

– I ragazzi e l’insegnamento.

 Lo studente che ha colpito la collega che, dopo averlo rimproverato per i voti non ottimi, si era offerta di interrogarlo per tentare di fare salire la media, poteva essere un mio alunno; la docente, forse, era in procinto di chiudere le valutazioni del primo quadrimestre o forse voleva semplicemente accertarsi di un giudizio precedente, verificare se le conoscenze relative ad una tematica affrontata nelle aule avessero colto nel segno e fossero state apprese dal ragazzo di 17 anni.

Questo è il nostro mestiere: trasmettere il sapere e cercare di farlo nel migliore dei modi, conquistando l’interesse, la fiducia, l’attenzione di ragazzi ai quali, spesso, non interessa nulla della poetica di Pascoli o delle cause della prima guerra mondiale perché sono immersi in una realtà della quale la scuola, la scuola come è oggi, non fa più parte. Insegno da molti anni e sono convinta che la scuola sia perdente nei confronti della funzione educativa che deve svolgere. I tempi dell’apprendimento sono lunghi e richiedono lentezza e riflessione, mentre là fuori si corre e la sintesi è la modalità di comunicazione imperante, ma non la sintesi intesa come punto d’arrivo di un processo di rielaborazione critica, ma la sintesi e basta, intesa come linguaggio che ha espulso una serie di passaggi nei quali il pensiero si modella e prende forma.

Non adeguata, quindi, la modalità di trasmissione del sapere e, spesso, non interessante e utile il contenuto del sapere e, pertanto, privi di considerazione e di rispetto i trasmettitori del sapere, cioè noi, i docenti. Certamente questa situazione, che è paradigmatica, si aggrava in contesti sociali violenti, risente di dinamiche educative familiari, si acutizza con utenze difficili, ma denuncia comunque un dato di fatto: la distanza tra la scuola e la società e quanto più la prima tenta di adeguarsi alla seconda perde di vista la funzione che le è propria.

Forse la scuola dovrebbe recuperare la consapevolezza della propria funzione educativa, rifiutando la logica mercantile dell’alternanza scuola-lavoro, l’intromissione ossessiva di tematiche e obblighi che nulla hanno a che fare col mondo di adolescenti che essa ospita; dovrebbe porsi come una comunità educante, consapevole che nelle aule si declinano valori, contenuti e linguaggi che sono altro dal mondo che è fuori, ma proprio per questo sono necessari alla sua identità.

.

.

.

La scuola fuori dalla realtà ultima modifica: 2018-02-02T10:16:44+00:00 da Gilda Venezia

GILDA VENEZIA - Associazione Professionale GILDA degli INSEGNANTI - Federazione Gilda Unams

webmaster: Fabio Barina



Sito realizzato da Venetian Navigator 2 srl