Lavare e cambiare i bambini: nessun obbligo per i docenti

Reginaldo Palermo,  La Tecnica della scuola  3.6.2016

– Sulla questione dei compiti dei collaboratori scolastici in materia di cura degli alunni disabili c’è ora la sentenza della Corte di Cassazione.

I collaboratori che non ottemperano all’obbligo di curare l’igiene degli alunni disabili (ma anche dei bambini che non sono in grado di provvedere da soli, come esempio i più piccoli della scuola dell’infanzia) possono essere denunciati e condannati per il reato di “rifiuto di atti d’ufficio”.
Il caso di cui si è occupato la Corte era accaduto due tre anni fa in Sicilia dove esiste anche una specifica normativa regionale in materia, ma il principio generale è ormai chiaro: la cura delle condizioni igieniche degli alunni disabili o non in grado di prevvedere in modo autonomo è un preciso obbligo contrattuale dei collaboratori scolastici.
E, poichè i collaboratori scolastici sono incaricati di un pubblico servizio pur non potendo essere considerati “pubblici ufficiali”, il mancato adempimento di un obbligo contrattuale sconfina facilmente nel “rifiuto di atti d’ufficio”.
A questo punto la questione dovrebbe essere risolta una volta per tutte, anche se – per la verità – nella pubblica ammiistrazione le regole fanno spesso fatica ad affermarsi.
In moltissime scuole dell’infanzia, per esempio, il problema della pulizia dei bambini crea spesso contrasti fra insegnanti e collaboratori scolastici la soluzione che viene praticata si richiama al classico modello italico dell’ “un colpo al cerchio e uno alla botte”: in pratica quando un bambino ha bisogno di essere lavato, pulito, cambiato il collaboratore sorveglia la classe e l’insegnante si occupa del bambino stesso.
E’ una soluzione che tiene tutti più o meno tranquilli e che serve a non far esplodere il problema, ma non è certamente una soluzione corretta e rispettosa della legge e del contratto nazionale.

.

 

Lavare e cambiare i bambini: nessun obbligo per i docenti ultima modifica: 2016-06-04T05:02:55+02:00 da Gilda Venezia
Gilda Venezia

Leave a Comment
Share
Pubblicato da
Gilda Venezia

Recent Posts

Le modifiche al Dl Rilancio su scuola e università

di Amedeo Di Filippo, Il Sole 24 Ore, 7.7.2020. Personale, finanziamenti e didattica in presenza. Diverse le…

6 ore fa

Gilda Venezia. Orari estivi

dalla Gilda degli insegnanti di Venezia,  giugno 2020. La Gilda degli insegnanti di Venezia informa…

6 ore fa

L’autonomia scolastica eterodiretta covid 19

dalla Gilda degli insegnanti di Venezia, 7.7.2020. Le indicazioni per la riapertura delle scuole nel…

6 ore fa

Ora la Fondazione Agnelli ci spiega pure come deve essere la scuola del futuro

di Angelo Cannatà, Il Fatto Quotidiano,  6.7.2020. Sul giornale della Fca, Andrea Gavosto, direttore della Fondazione…

6 ore fa

Decreto Rilancio: classi ridotte ma senza ulteriori finanziamenti

di Reginaldo Palermo, La Tecnica della scuola, 6.7.2020. Inizia il 6 luglio l’esame nell’aula della Camera…

7 ore fa

Assunzione costante di nuovi docenti e formazione iniziale: l’idea di Ascani (PD)

di Fabrizio De Angelis, La Tecnica della scuola, 6.7.2020. Stop con gli anni infiniti di precariato…

7 ore fa

Questo sito contiene cookie tecnici, analitici e terze parti per la migliore fruizione dei contenuti del sito anche mediante tracciamento delle attività nel sito. Per visualizzare la cookie policy e disabilitare i cookie diversi da quelli tecnici, clicca sul link sotto. Chiudendo questo banner e navigando sulla pagina, acconsenti all'uso dei cookie.

Clicca qui per visualizzare la cookie policy