Lezioni via web obbligatorie dopo la prima media

di Claudio Tucci e Laura Virli, Il Sole 24 Ore, 27.11.2020.

Con la ripresa dell’emergenza sanitaria, da inizio ottobre, si è assistito a un’avanzata, un po’ in tutt’Italia, della didattica a distanza, che, tra provvedimenti del governo e quarantene più o meno estese, sta interessando circa 4 milioni di studenti. In pratica, per un alunno su due la scuola si è spostata dagli edifici scolastici alle case.

La fotografia, al momento, è questa: per i 2,6 milioni di ragazzi delle superiori le lezioni online sono tornate obbligatorie con l’ultimo Dpcm del governo Conte di metà ottobre, almeno fino al 3 dicembre. Nelle zone cosiddette rosse (che cambiano a seconda di dati e indicatori) la didattica integrata digitale interessa, obbligatoriamente, anche seconda e terza media. Poi, ci sono i provvedimenti delle autorità locali, regionali o comunali, che possono allargare le restrizioni e portare da remoto, per un determinato periodo, le lezioni anche a infanzia, primaria e prima media.

A tutto questo, si aggiungono le quarantene, in caso di contagio di studenti, docenti, personale Ata. E, dunque, la chiusura della classe, del plesso e dell’istituto.  Con conseguente avvio delle lezioni da remoto.

I professori da remoto

Secondo l’ultimo monitoraggio della rivista specializzata Tuttoscuola hanno, conseguentemente, ripreso a lavorare online anche circa 400mila docenti, con un’età media di 51 anni, che potranno operare da casa, anziché da scuola, previa autorizzazione del capo d’istituto, come precisato da una nota ministeriale applicativa del recente contratto integrativo sulla didattica digitale integrata. Di questi circa 70-80mila sono precari con contratto a tempo determinato. Quasi tutti hanno conosciuto i loro alunni solo poche settimane fa, e avranno quindi una difficoltà in più. Dovranno inoltre operare, se lavorano da remoto e la scuola non provvede con il comodato d’uso del device, utilizzando una dotazione tecnologica acquistata a proprie spese, visto che, a differenza dei colleghi di ruolo, non possono fruire della carta del docente per acquisti (il bonus di 500 euro annui riservato per i docenti a tempo indeterminato).

Le lezioni online

Ma come si sta tornando a fare lezione da casa? Esistono due tipi diversi di attività integrate digitali che concorrono in maniera sinergica al raggiungimento degli obiettivi di apprendimento e allo sviluppo delle competenze personali e disciplinari: le attività sincrone, che si svolgono con la connessione simultanea online di studenti e docenti, e le attività asincrone, che prevedono la condivisione di materiali didattici da parte dell’insegnante, l’assegnazione di compiti o approfondimenti, lo svolgimento e la consegna di essi da parte degli studenti tramite piattaforme digitali. La didattica digitale è rivolta all’intero gruppo classe o a gruppi o a singoli, e può anche essere utile per approfondimenti disciplinari, per personalizzare i percorsi (specialmente in caso di Dsa e Bes) e recuperare gli apprendimenti, per sviluppare le competenze legate ai percorsi di scuola-lavoro e all’insegnamento dell’educazione civica.

Nel caso di didattica digitale integrale al 100% la programmazione delle attività in modalità sincrona deve seguire un quadro orario settimanale delle lezioni di almeno 20 ore al secondo ciclo. Al primo ciclo si scende a 10 ore minime per la primaria, classe prima, e 15 ore per le restanti classi di primaria e medie.

La pause si recuperano

Il docente ha facoltà di introdurre momenti di pausa nel corso della lezione sincrona, È consigliata l’adozione di unità orarie inferiori ai 60 minuti. Questo in funzione della valorizzazione della capacità di attenzione degli alunni e anche per salvaguardare la salute e il benessere sia degli studenti, sia del personale docente, per analogia alle regole sull’uso dei videoterminali dei lavoratori in smartworking.

Nel caso di unità orarie inferiori a 60 minuti, il docente è tenuto al recupero delle frazioni orarie perse secondo modalità previste dal piano sulla didattica digitale. Ogni docente annota sul registro elettronico le attività svolte con gli studenti ed i relativi compiti; rileva, all’inizio del meeting, la presenza degli studenti e le eventuali assenze, segnandole nell’apposito spazio del registro elettronico; comunica in anticipo quali, tra i prodotti realizzati durante le attività di lezione on line, sono oggetto di verifica.

Adattamenti caso per caso

La valutazione tiene conto anche della partecipazione alla scuola da remoto (che è obbligatoria) e delle caratteristiche della materia; si privilegia l’aspetto formativo della valutazione a distanza, in considerazione dell’eccezionalità del momento, secondo criteri di valutazione degli apprendimenti stabiliti nel Ptof. In ogni caso, per fare lezione a distanza, non esiste la soluzione migliore, ma tante soluzioni che si adattano alle necessità, ai diversi contesti e alla tipologia di materia.

Ad esempio, l’insegnamento della matematica e della fisica non può prevedere solo una lezione parlata. È necessario scrivere formule e svolgere esercizi. In questo caso, viene in aiuto la creazione di classroom, ossia classi “virtuali” in cui assegnare e correggere i compiti, o l’uso di tavolette grafiche per scrivere formule, espressioni o, ancora, la realizzazione di video (webinar) da caricare su youtube. Ma anche l’educazione fisica, la più pratica tra le materie, deve essere riadattata dando più spazio all’approfondimento delle tematiche su salute e benessere oltre che suggerire esercizi fisici da fare a casa spiegando in videoconferenza la sequenza e la giusta tecnica di esecuzione.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

Lezioni via web obbligatorie dopo la prima media ultima modifica: 2020-11-26T06:31:18+01:00 da Gilda Venezia

Gilda Venezia

Leave a Comment

Recent Posts

Fine ingloriosa della DAD, da salvifica a “gravemente dannosa”

di Anna Maria Bellesia,  La Tecnica della scuola, 21.1.2021. Nata con il lockdown della primavera 2020…

2 ore fa

Maturità 2021: date, novità, prove, commissioni e come si calcola il voto

di Laura Pellegrini, Money.it, 21.1.2021. Tutto quello che occorre sapere sulla Maturità 2021: data di…

3 ore fa

L’ordine del giorno degli organi collegiali

Avv. Marco Barone, Orizzonte Scuola, 21.1.2021. Norma, scopo, trasparenza, quando si rischia procedura penale. È uno…

7 ore fa

Graduatorie di Istituto, II fascia: no a equipollenza dottorato di ricerca e abilitazione all’insegnamento

di Rosalba Sblendorio, Reti di Giustizia, 19.1.2021. Si torna a discutere sulla questione del mancato riconoscimento del titolo…

10 ore fa

Scuola obbligatoria a 5 anni, se ne parla da molto tempo ma per ora non si muove nulla

di Carmelina Maurizio,  La Tecnica della scuola, 20.1.2021. In Italia si discute da tempo sull’inizio dell’obbligo…

11 ore fa

Scuola digitale, ecco la piattaforma del Ministero per la formazione sulla DDI

di Lara La Gatta,  La Tecnica della scuola, 20.1.2021. È on-line la nuova piattaforma del Ministero…

11 ore fa

Questo sito contiene cookie tecnici, analitici e terze parti per la migliore fruizione dei contenuti del sito anche mediante tracciamento delle attività nel sito. Per visualizzare la cookie policy e disabilitare i cookie diversi da quelli tecnici, clicca sul link sotto. Chiudendo questo banner e navigando sulla pagina, acconsenti all'uso dei cookie.

Clicca qui per visualizzare la cookie policy