Luca Zaia, nuova ordinanza: «Scuole superiori chiuse fino al 1 febbraio»

di Beatrice Mani,  Il Gazzettino, 4.1.2021.

Il caso dei positivi “fantasma”.

Luca Zaia in diretta alle 12.30: Covid in Veneto, tutte le ultime notizie
 Luca Zaia torna in diretta dopo una “pausa” a cavallo del nuovo anno. Il presidente della Regione Veneto presenta tutte le notività sulla pandemia da Covid sul nostro territorio, i numeri e le misure. Su ogni decisione gravita l’incognita della decisione che prenderà Roma in merito al colore da assegnare al Veneto dopo il 7 gennaio: il rischio arancione sembra sempre più concreto, ma eventualmente per quanto e per quali ragioni? Già, perché i 21 parametri hanno sempre garantito al nostro territorio il colore giallo, e bisognerà capire, nel caso, quali indici sono così cambiati da giustificare il passaggio da una fascia all’altra. E il governatore, difatti, ha oggi annunciato che il Governo intende modificare proprio il parametro fondamentale per calcolare il colore, vale a dire l’Rt, l’indice di trasmissibilità del virus.

Covid, in Veneto, Friuli e Trentino record di mortalità in Italia

Intanto diventa sempre più dirimente il nodo scuola: sempre dal 7 si dovrebbe ripartire, ma sarà davvero così? Stamani il presidente del Friuli Venezia Giulia Massimiliano Fedriga ha annunciato: tutto fermo fino al primo febbraio, scuole superiori chiuse fino a quella data. La stessa decisione è stata presa da Luca Zaia per il Veneto con una nuova ordinanza che rimanda alla stessa data il rientro in classe.

Zaia in diretta oggi

 

Il bollettino

3 milioni 300mila tamponi molecolari fatti ad oggi, 1 milione e 900mila test rapidi. Positivi 1.682 in più nelle ultime 24 ore (12,69% perentuale sui tamponi fatti), positivi 266mila 946 da inizio pandemia, 3.459 ricoverati in totale (400 in terapia intensiva, 3059 in area non critica). 6813 (+50 nelle 24 ore) i decessi.

 

 

Vaccini: quanti ne ha fatti il Veneto?

Alle ore 12.00 di oggi in Veneto sono stati somministrati 16.748 vaccini, pari al 43,1% dei 38 mila in magazzino. Lo ha annunciato il presidente della Rwegione Luca Zaia. «Questo – ha commentato – sta a significare l’efficienza della nostra macchina. Facciamo vaccinazioni fino alle 22.00. Sperando che arrivino le 38 mila dosi settimanali, questa settimana ne somministriamo 70 mila», ha concluso.

Veneto atipico

«Ieri è stata una giornata in videoconferenza, conclusa con una nottura con governatori e Governo, con Boccia e Speranza – ha spiegato Zaia -. Il tema è quello della preoccupazione per l’Italia che è in ritardo di 2 settimane sulla curva epidemiologica europea. E questo nonostante le restrizioni: i contagi aumentano, ad esempio in Germania, e i nuovi positivi sono molti, la Gran Bretagna è balzata a 60mila nuovi infetti al giorno. Siamo obbligati a non sottovalutare la situazione, noi in Veneto abbiamo una situazione atipica: le curve non stanno crescendo, siamo in un altopiano, ma le curve, parimenti, non stanno calando nonstante questi 20 giorni di restrizioni che avremo al 7 gennaio».

«Qualcosa non torna»

Restrizioni, zone rosse, regole, divieti: eppure il virus continua a circolare. Per il governatore Zaia qualcosa sfugge: «Noi il virus inglese ce lo abbiamo, ne abbiamo la certezza, lo abbiamo trovato in più casi: non ha sintomi più gravi ma è molto più contagioso. Qualcosa non torna, le restrizioni servono ma nonostante questo i contagi non calano. Dobbiamo fare squadra, ridurre al minimo le occasioni di contagio», ha spiegato. Ma dove si contagiano i cittadini? «Focolai familiari fra parenti non conviventi: in Veneto abbiamo molti casi di questo genere, e ricordare che se non si è conviventi, dal punto di vista sanitario si è degli estranei».

Modifica dei parametri

«Il Governo vuole modificare alcuni parametri in previsione dell’arrivo di una terza ondata – ha affermato Luca Zaia -, se si fa deve essere incontrovertibile, e un istante dopo non ci siano obiezioni. Deve essere chiaro che non si deva dar atto alle migliaia di discussioni alle quali abbiamo assistito per settimane. Noi governatori abbiamo detto che servono scelte con un fondamento scientifico, punto. Con questi dati epidemiologici nazionali serve intervenire con una formula che dia tranquillità per le prossime settimane perché le previsioni non sono rosee. Davanti a questa epidemia non ci sono decisioni dei politici, ma degli scienziati. Abbiamo sempre accettato le classificazioni del Governo, questo è quanto».

Rt sopra 1 per la zona arancione

Cambio dei parametri per decidere le fasce regionali: nel dettaglio si parla dell’Rt, ossia l’indice di trasmissibilità del Covid. «Saranno gli scienziati a decidere, si parla dell’indicatore Rt a 1 per far scattare la zona arancione, ma sarebbero una decina a ricadere in questo parametro, ma va detto che l’Rt nazionale è già sopra l’1», ha detto Zaia.

Zona arancione oggi, rossa domani: cosa si può fare? Spostamenti, amici, bar, negozi. Dal 7 nuova stretta

Nuova ordinanza

Scuole chiuse in Veneto fino a febbraio

Niente scuola fino a febbraio per i ragazzi delle superiori del Veneto. «Viste le previsioni della situzione epidemiologica, non ci sembra prudente lasciarle aperte, la didattica a distanza è procrastinata fino al 1 febbraio. Il 7 non sappiamo che classificazione avremo, rischiamo di aprire le scuole giovedì e dover richiudere il venerdì quando escono le fasce. L’ordinanza riguarda solo le scuole superiori, non è una contrapposizioni rispetto al ministro Azzolina, noi tutti vorremmo le scuole aperte ma in questo momento non mi sembra prudente.

 

Video

 

Positivi “fantasma”

Positivi in isolamento “fantasma”: saputo del contagio, isolati a casa ma non contattabili. Questi soggetti non rispondono al telefono, a volte danno direttamente un numero sbagliato. «Abbiamo persone in quarantena che si danno alla macchia, che danno numeri di telefono sbagliati, che non si fanno trovare a casa – ha sottolineato Luca Zaia -: rispettate le regole, è una preghiera, la velocità di uscita dalla pandemia è direttamente proporzionale all’impegno dei cittadini. Io credo che sia cambiata la percezione del virus nei cittadini, rispetto alla prima fase. Abbiamo raggiunto una sorta di familiarità con il Covid, sempre rispetto a marzo, quando tutto era una incognita. Non stiamo vivendo, stiamo sopravvivendo in questi 10 mesi. Dopodiché si parla del senso civico dei cittadini». Il dottor Luciano Flor ha aggiunto: «Nella prima fase dell’epidemia le persone isolate a casa erano contattate 2 volte al giorno, trovavamo tutti. Oggi non chiamiamo più 2 volte al giorno, oggi contattiamo tutti i giorni o a giorni alterni, abbiamo una percentuale di persone che non risponde al telefono, in altri casi i numeri forniti risultano inesistenti. Sono centinaia i casi di questo tipo accumulati nelle ultime settimane. Non rispondere alla chiamata ripetutamente o aver dato il numero sbagliato temo comporterà la segnalazione di queste persone», ha spiegato il medico.

 

La situazione in Veneto

«In Veneto la situazione degli ospedali è importante, prendiamo in carico tutti i cittadini, e ringrazio uomini e donne della Sanità», ha precisato Zaia cedendo la parola all’ospite del giorno, il dottor Luciano Flor, direttore Generale della Sanità della Regione Veneto, intervenuto in diretta: «Il provvedimento, la nuova ordnanza del Veneto che rimanda l’apertura delle scuole superiori, coinvolge 117mila studenti e 18mila docenti e tecnico amministrativi». Il tema degli ospedali: «Da quasi un mese siamo in una situazione di stabilità per i ricoveri in area non critica, ci siamo stabilizzati, tanti pazienti dimettiamo e guariamo, tanti entrano come nuovi ammalati, e negli ultimi 15 giorni, nonostante le chiusure il dato non si è modificato. Avremo anche nuovi ricoveri in rianimazione, perché finché non cala il numero in area non critica non cala neppure quello in rianimazione. 330 sono i pazienti in terapia sub intensiva, con respiratore e monitoraggio, sono malati impegnativi, di questi 170 sono malati appena usciti dalla rianimazione. Questo è il quadro generale».

Altre notizie

 

 

.

.

.

.

.

.

.

 

Luca Zaia, nuova ordinanza: «Scuole superiori chiuse fino al 1 febbraio» ultima modifica: 2021-01-04T16:00:04+01:00 da Gilda Venezia
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com

GILDA VENEZIA - Associazione Professionale GILDA degli INSEGNANTI - Federazione Gilda Unams

webmaster: Fabio Barina



Sito realizzato da Venetian Navigator 2 srl