M.Gelmini, da quale pulpito parte la predica!

dal blog di Gianfranco Scialpi, 14.6.2020.

M. Gelmini rilascia una dichiarazione non autorevole. Occorre ricordarle quello che ha fatto nel 2008-09.

Gilda Venezia

M.Gelmini ha rilasciato una lunga dichiarazione ripresa da  “Il Foglio”. Imbarazzante e sconcertante. Dimentica i guai procurati alla scuola. A lei aggiungo chi ha fatto un’apologia indiretta alle classi pollaio.

M. Gelmini, la lunga intervista al foglio

M. Gelmini ha rilasciato una lunga dichiarazione e ripresa da  “Il Foglio” . Riporto alcuni passaggi. “La scuola è la fucina di futuro della nostra società e mai come in questo momento il livello del dibattito pubblico su queste tematiche è apparso così drammaticamente inadeguato. I nostri giovani hanno perso – causa Covid – metà anno scolastico; molti di loro vivranno come una pura formalità gli esami di fine ciclo; tappe importanti del processo formativo sono venute meno e non torneranno.
Una stagione in parte menomata a fronte della quale la mitica società civile – che è composta anche dai genitori – è apparsa indifferente, più attenta alla ripartenza del campionato di calcio che della scuola…L’emergenza Coronavirus dunque ha messo a nudo anche la scarsa rilevanza che collettivamente il Paese attribuisce al nostro sistema educativo.

Alcuni memo all’On. M. Gelmini

Da quale pulpito arriva la predica. L’on. Gelmini non ha autorevolezza per parlare di scuola. Nel biennio 2008-09 contribuì a devastarla con la sua Riforma che porta anche il nome di G. Tremonti.
Alcuni memo. Il progetto divenuto legge (133/08) e D.P.R. 81/09 operò un prelievo forzoso di 8 miliardi di €. Gli effetti furono devastanti: L’inclusione, infatti, fu significativamente depotenziata. L’obiettivo fu realizzato, attraverso l’abolizione delle compresenze, del tempo pieno (L.820/71), il superamento dei moduli didattici ( L.148/90) e soprattutto con l’introduzione dell’ obbrobrio organizzativo  delle classi pollaio (D.M.81/09). E altri provvedimenti.
La scuola vanta, inoltre,  un credito di 2.400 milioni di € che Maria Stella Gelmini aveva promesso di restituire alla scuola. Mai pervenuti!

Purtroppo sono responsabili indirettamente anche…

Qualche anno fa la Gelmini dichiarò ad una trasmissione di La7: “Tutti sono contro le classi pollaio, ma nessuno le abolisce” Ha ragione! E quindi l’on. Gelmini è in buona compagnia. L’elenco inizia con la sinistra  che a parole ha attaccato decisamente l’obbrobrio organizzativo. Poi però, quando ha potuto non ha presentato (Governi Letta, Renzi) alcun provvedimento  abrogativo, certificando di fatto la bontà del progetto gelminiano. Il filosofo marxiano D. Fusaro definisce questo atteggiamento con l’espressione “apologia indiretta”,
Purtroppo questo elenco deve essere aggiornato con l’inserimento di L. Azzolina che invece di ridurre le classi a 15 alunni e di stanziare  miliardi per l’assunzione di nuovo personale (Spagna), pensa a gestire l’emergenza con soluzioni temporanee.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

 

M.Gelmini, da quale pulpito parte la predica! ultima modifica: 2020-06-15T05:24:08+02:00 da Gilda Venezia
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com

GILDA VENEZIA - Associazione Professionale GILDA degli INSEGNANTI - Federazione Gilda Unams

webmaster: Fabio Barina



Sito realizzato da Venetian Navigator 2 srl