Maturità 2020: i due piani del Miur. Tutte le novità nel decreto scuola

di Teresa Maddonni, Money.it, 9.4.2020

– Maturità 2020, novità: sono due i piani del Miur per portare a casa l’ultimo anno scolastico della scuola secondaria di secondo grado.

A prevedere i due scenari il decreto scuola ufficiale pubblicato l’8 aprile in Gazzetta Ufficiale e da oggi ufficialmente in vigore.

Il decreto scuola viene pubblicato con il decreto liquidità che prevede misure per le imprese. I due piani del Miur per la Maturità 2020 prevedono due modalità di svolgimento dell’Esame di Stato a seconda che si rientri o meno a scuola entro il 18 maggio.

Vediamo quali sono le novità nei piani del Miur per la Maturità 2020 anche se uno dei due rischia di sfumare per il no al rientro del comitato tecnico-scientifico ancora in attesa di conferma.

Maturità 2020, novità: i due piani del Miur nel decreto scuola

Maturità 2020: novità i due i piani del Miur nel decreto scuola che tengono conto del giorno in cui si rientrerà e se mai si dovesse rientrare tra i banchi prima del termine dell’anno scolastico.

Come sappiamo gli esami, sulla base del calendario già stabilito, dovrebbero iniziare il 17 giugno quindi fra poco più di due mesi ed è precisamente un mese ormai che docenti e alunni svolgono lezione online con la cosiddetta didattica a distanza che nel nuovo decreto diventa obbligatoria. Come si legge nel decreto le prospettive, i piani per la Maturità 2020 sono due:

  1. rientro a scuola entro il 18 maggio: esame con commissione interna. La prima prova, Italiano, sarà preparata dal Ministero. La seconda, quella diversa per ciascun indirizzo, sarà predisposta dalle commissioni. Poi ci sarà l’orale;
  2. se non si rientra a scuola: un solo esame orale.

Nel comunicato del Miur che ha anticipato il decreto si legge che anche in questa seconda ipotesi “resta ferma la necessità di raggiungere almeno il punteggio di 60/100 per ottenere il diploma”.

Vediamo a questo punto, dal momento che abbiamo illustrato le novità del Miur per la Maturità 2020, come cambia la valutazione.

Maturità 2020: tutti ammessi

Per la Maturità 2020 l’altra novità del decreto scuola ufficiale è che tutti i ragazzi verranno ammessi alla prova conclusiva fermo restando il raggiungimento del punteggio per superare l’ultima prova della scuola dell’obbligo. In particolare, lo ricordiamo, nel decreto è stabilito che la modifica della Maturità, come anche degli esami di terza media, sarà definita poi da specifiche ordinanze emanate dal Miur. Nel comunicato del Ministero dell’Istruzione con a capo Lucia Azzolina si legge che:

“il 96% dei ragazzi viene ammesso, in media, ogni anno, all’Esame finale. Quest’anno tutti avranno la possibilità di sostenere le prove, tenuto conto del periodo dell’emergenza. Ma i crediti di accesso relativi alla classe V e il voto finale saranno comunque basati sull’impegno di tutto l’anno.

Dunque una novità importante è che tutti potranno accedere alla Maturità 2020 tenuto conto dell’emergenza salvo poi la necessità da parte dell’alunno di dimostrare la reale preparazione che come ha più volte ribadito Azzolina tiene conto di un percorso che dura cinque anni.

Per avere novità ulteriori sulla Maturità 2020 e capire quale dei due piani previsti dal decreto scuola verrà realizzato bisognerà aspettare la decisione ufficiale del governo a seguito del parere del comitato tecnico-scientifico.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

 

Maturità 2020: i due piani del Miur. Tutte le novità nel decreto scuola ultima modifica: 2020-04-10T06:50:40+02:00 da Gilda Venezia
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com

GILDA VENEZIA - Associazione Professionale GILDA degli INSEGNANTI - Federazione Gilda Unams

webmaster: Fabio Barina



Sito realizzato da Venetian Navigator 2 srl