Mobilità 2022/23, Sindacati convocati il 16 novembre per il rinnovo del CCNI triennale

Trasferimenti docenti e Ata 2022, cosa ci dobbiamo aspettare: tempi, domande e vincoli.

Gilda Venezia

Parte il confronto che dovrà regolare tutte le procedure della mobilità per docenti, personale educativo e personale ATA per il prossimo triennio.

Il MI ha infatti convocato in videoconferenza le organizzazioni sindacali per martedi 16 novembre 2021 per aprire la trattativa sul rinnovo del CCNI triennale sulla mobilità del personale della scuola. Quello precedente è scaduto con le ultime operazioni relative all’a.s. 2021/22.

Nodi cruciali saranno ovviamente le questioni concernenti i vincoli, triennale per i docenti e quinquennale dei DSGA sulle sedi di immissione in ruolo.

Come abbiamo già riportato, martedì 16 novembre, alle ore 11, i sindacati rappresentativi della Scuola – Flc Cgil, Cisl Scuola, Uil Rua, Snals, Fgu e Anief  – alle ore 11.00 saranno convocati per il rinnovo del CCNI sulla mobilità  del personale docente, educativo e ATA. Il Contratto sarà triennale e riguarderà la mobilità per gli anni scolastici 2022/23, 2023/24 e 2024/25, dopo che il precedente contratto integrativo è scaduto con la mobilità 2021/22.

I tempi: O.M e domande

Circa i tempi della durata della contrattazione, si prevedono essere nell’ordine di un mese, un mese e mezzo. A dicembre, massimo inizio gennaio 2022, il contratto integrativo dovrà essere firmato.

Poi sarà emanata un’O.M. con l’indicazione delle procedure e la documentazione da allegare alle domande di trasferimento e di passaggio e con le date di scadenza della presentazione delle domande, della revoca delle stesse, della data della chiusura della funzione Sidi per l’acquisizione i posti vacanti per i movimenti 22/23 e della data della pubblicazione dei movimenti stessi che si prevede in anticipo rispetto al precedente anno scolastico 21/22.

Secondo alcune fonti, le domande di trasferimento del personale della scuola quest’anno dovrebbero essere presentate entro il mese di febbraio 2022.

I vincoli per i neo-assunti

Di non poco conto sarà al tavolo contrattuale il problema dei vincoli nella mobilità, che trova l’ostilità  di tutti i sindacati,  soprattutto ad invarianza del quadro normativo e cioè  dei vincoli così  come essi sono delineati dalla legge 159/2019 così come integrata con la legge 106/2021 di conversione in legge del DL 73 ( Decreto sostegni bis)

In pratica, si tratta del vincolo triennale dei docenti neo immessi in ruolo dal 2020/21 che per tre anni non possono presentare domanda di mobilità  in uscita dalla scuola ottenuta come  scuola di titolarità  all’atto dell’immissione in ruolo,  tranne la deroga per quei docenti beneficiari dei commi 3 e 6 dell’art. 33 della legge  104/92, purché la fruizione di tali benefici siano sopravvenuti dopo i bandi dei concorsi  o dopo la compilazione delle graduatorie provinciali  di immissione in ruolo.

Oppure, nel caso che il docente sia in esubero o in soprannumero rispetto all’organico per cui si dispongono i trasferimenti.

Il vincolo per tutti

Ma accanto a questo vincolo, i sindacati si troveranno sul tavolo un altro vincolo che questa volta non riguarda solo i neo immessi in ruolo dal 2020/21 ma tutti i docenti che presenteranno domanda di mobilità (trasferimento e/o passaggio) per l’a.s. 22/23.

Infatti, con l’entrata in vigore della legge 106/2021, tutti i docenti che chiederanno un trasferimento o un passaggio di cattedra o un passaggio di ruolo dal 2022/23 qualsiasi sia la tipologia di preferenza richiesta (scuola, distretto, comune, provincia per i soli trasferimenti interprovinciali), ottenuta la sede dovranno rimanervi per tre anni. Anche se potranno comunque presentare domanda di utilizzazione e assegnazione provvisoria.

In tanti desisteranno

Per il prossimo anno questa disposizione scoraggerà molti a presentare domanda di trasferimento e creerà difficoltà, soprattutto a chi chiede il trasferimento interprovinciale o il passaggio di ruolo , movimenti che avvengono su aliquote, e in questo caso l’aspirante è  costretto a usare preferenze sintetiche indicando solitamente  anche zone disagiate pur di ottenere il trasferimento o il passaggio.

La partita tra sindacati e Ministro si giocherà sui vincoli e non solo, noi di Tecnica della Scuola seguiremo la contrattazione e vi terremo costantemente aggiornati.

Serve una legge, non basta il contratto

Tuttavia, per quanto riguarda i vincoli questi ormai sono “riserva di legge”  e non sono derogabili con i  contratti di categoria: a nostro parere, il contratto oltre ad apportare qualche deroga, non potrà  né  modificare né sospendere la validità dei vincoli, perché per fare questo sarà necessaria una norma primaria: non basta un contratto integrativo, come quello che disapplicò alcuni commi della 107/2015 che riguardavano gli ambiti territoriali, la chiamata per competenze, e la fusione della mobilità comunale e intercomunale dei trasferimenti.

.

.

.

.

.

.

.

.

Mobilità 2022/23, Sindacati convocati il 16 novembre per il rinnovo del CCNI triennale ultima modifica: 2021-11-12T06:28:38+01:00 da Gilda Venezia
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com

GILDA VENEZIA - Associazione Professionale GILDA degli INSEGNANTI - Federazione Gilda Unams

webmaster: Fabio Barina



Sito realizzato da Venetian Navigator 2 srl