Mobilità 2022, i sindacati disertano l’incontro col MI

All’incontro previsto questa mattina tra sigle sindacali e ministero dell’istruzione, relativo alla mobilità 2022, non si sono presentati Flc Cgil, Uil Scuola, Snals-Confsal e Gilda degli insegnanti. Presente dunque solo la Cisl Scuola. La protesta è da inquadrare nello stato di agitazione proclamato dalle stesse organizzazioni sindacali relativamente al comparto istruzione e ricerca.

Come annunciato dal comunicato condiviso dalle quattro sigle che hanno proclamato lo stato di agitazione, i punti sono riferiti al rinnovo del contratto scuola 2019-2021 sotto il profilo contributivo e retributivo, gli organici e la stabilizzazione dei precari, come la proroga al 30 giugno 2022 dei contratti docenti e Ata sugli organici Covid, la riduzione del numero di alunni per classe, il sistema di abilitazioni nella scuola ai fini della stabilizzazione del precariato in favore dei precari con almeno tre anni di servizio, apertura del confronto sulla mobilità per superare i vincoli imposti al personale docente e dirigente.

Altri punti poi riguardano il personale Ata con la richiesta di concorso per gli assistenti amministrativi facenti funzione DSGA con tre anni di servizio, l’incremento dell’organico Ata e il superamento del blocco quinquennale ai fini della mobilità dei Dsga neo assunti.

Infine la sburocratizzazione del lavoro snellendo i procedimenti amministrativi e limitare all’essenziale la documentazione relativa ai processi didattici e amministrativi.

Oggi 16 novembre a partire dalle ore 11 del mattino la Cisl ha incontrato il Ministero dell’Istruzione per arrivare a una definizione condivisa del prossimo contratto nazionale triennale sulla mobilità 2022-2025, per docenti, personale educativo e personale ATA. Gli altri sindacati, invece, hanno disertato l’incontro.

Il CCNI precedente, infatti, è scaduto con le ultime operazioni relative all’a.s.2021/22.

Dunque cosa c’è da attendersi nel nuovo contratto triennale sula mobilità? Quali tempistiche e chi potrà fare domanda? Infine, non ultima per importanza, la questione deidocenti vincolati che più volte abbiamo trattato in redazione. Ricordiamo che il vincolo nasce con la legge 159/2019 nella formula quinquennale, poi ridotta a tre anni dal Dl Sostegni bis. Nel prossimo CCNI si farà in modo che il vincolo decada per tutti o si continuerà sulla stessa strada percorsa negli ultimi due anni?

Ne parliamo nella diretta della Tecnica della scuola Live, oggi 16 novembre alle ore 16. Ospiti: Rosa Maria Di Giorgi, deputata Pd, membro della commissione cultura e istruzione alla Camera; Maria Grazia Frilli, centro nazionale Flc Cgil, dipartimento contrattazione e mobilità; Libero Tassella, gruppo Scuola bene comune, esperto di mobilità.

SEGUI LA DIRETTA, RISPONDEREMO ALLE TUE DOMANDE

.

.
.
.
.
.
.
Mobilità 2022, i sindacati disertano l’incontro col MI ultima modifica: 2021-11-17T04:13:14+01:00 da Gilda Venezia
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com

GILDA VENEZIA - Associazione Professionale GILDA degli INSEGNANTI - Federazione Gilda Unams

webmaster: Fabio Barina



Sito realizzato da Venetian Navigator 2 srl