Mobilità al buio per fasi B e C

Gilda_logo-zeroB

dall’ufficio stampa della Gilda degli insegnanti,   16.5.2016

 Per di più sequenza contrattuale in alto mare: era attesa entro l´8 maggio

miur-luce

E´ una domanda di mobilità “al buio” quella che in questi giorni stanno presentando i neo assunti nelle fasi B e C.

A sottolinearlo è la Gilda degli Insegnanti che spiega: “Per questi docenti la richiesta di trasferimento è un salto nel vuoto perché non sanno minimamente in quale dei 100 ambiti indicati saranno inseriti né a quali posti verranno assegnati poiché non c´è una definizione chiara e precisa delle disponibilità”.

“Ad aggravare la situazione – incalza la Gilda – è il ritardo con cui procede la sequenza contrattuale che era attesa entro 30 giorni dalla firma del CCNI, cioè entro l´8 maggio. Secondo quanto emerge dagli incontri al Miur, sembra che da parte dell´Amministrazione non ci sia alcuna intenzione di definire criteri oggettivi in grado di arginare la discrezionalità della chiamata diretta da parte dei dirigenti scolastici. Una chiusura – commenta la Gilda – più che prevedibile perché per viale Trastevere cedere su questo punto significherebbe demolire i pilastri principali su cui si fonda la legge 107/2015.
Si confermano, dunque, le ragioni per cui a febbraio abbiamo deciso di non firmare il contratto sulla mobilità e di percorrere la strada del referendum”.

Roma, 16 maggio 2016
Ufficio stampa Gilda degli Insegnanti

Mobilità al buio per fasi B e C ultima modifica: 2016-05-16T21:50:02+02:00 da Gilda Venezia
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com

GILDA VENEZIA - Associazione Professionale GILDA degli INSEGNANTI - Federazione Gilda Unams

webmaster: Fabio Barina



Sito realizzato da Venetian Navigator 2 srl