Mobilità: non firmiamo contratto con ambiti e chiamata diretta

Gilda_logo-zeroB

dall’ufficio stampa della Gilda degli insegnanti, 21.1.2016.  

Le prove di dialogo con il Miur sono finite: condizioni inaccettabili.  

“Le prove di dialogo con il Miur sulla mobilità sono finite: non firmeremo il contratto”. E´ quanto dichiara Maria Domenica Di Patre, vice coordinatrice nazionale della Gilda degli Insegnanti, al termine dell´incontro che si è svolto questa mattina a viale Trastevere.

“La proposta dell´Amministrazione – spiega Di Patre – resta incardinata sugli ambiti territoriali e sulla chiamata diretta da parte del dirigente scolastico, due aspetti della legge 107 ai quali ci siamo sempre dichiarati contrari e su cui continuiamo a ribadire il nostro netto no. Inoltre persistono le inique disparità di trattamento tra le varie categorie di docenti, vecchi e nuovi assunti. Per la Gilda non esiste alcuna possibilità di intesa a queste condizioni. Prendiamo dunque atto della inconciliabilità delle posizioni e siamo pronti – conclude la vice coordinatrice della Gilda – a ricorrere a tutte le vie legali fino ad arrivare al referendum abrogativo”.

Roma, 21 gennaio 2016

Ufficio stampa Gilda degli Insegnanti

Allegati:

Mobilità: non firmiamo contratto con ambiti e chiamata diretta ultima modifica: 2016-01-21T16:33:37+01:00 da Gilda Venezia
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com

GILDA VENEZIA - Associazione Professionale GILDA degli INSEGNANTI - Federazione Gilda Unams

webmaster: Fabio Barina



Sito realizzato da Venetian Navigator 2 srl