Categorie: PensioniStampa

Pensioni, i moti di Francia riaccendono le proteste in Italia

diAlessandro Giuliani,  La Tecnica della scuola, 14.12.2019

– Pure noi via a 62 anni e addio alla Fornero –

Anche la politica italiana si occupa delle proteste ad oltranza condotte in Francia, da dieci giorni consecutivi, contro il Governo che per superare i favoritismi di alcune categorie vorrebbe introdurre un nuovo sistema uniforme e a “punti”. In pratica, anche se i 62 anni per andare in pensione non si toccano, l’esecutivo transalpino vorrebbe fissare – per il 2027 – l’entrata in vigore di “un’età di equilibrio” a 64 anni, il minimo per ottenere la pensione a tasso pieno: largo, quindi, ad un sistema di bonus-malus in cui si può andare via a 62 ma senza tasso pieno, si può restare fino a 67 accumulando ancora di più, con 64 che diventa “l’età pivot”, il perno del sistema.

Acerbo (Prc): anche da noi via a 62 anni senza penalizzazioni

Il divario rispetto all’Italia, in ogni caso, dove si lascia a 67 anni o con almeno 41 anni e 10 mesi (12 mesi in più gli uomini), e le uscite anticipate sono limitate e sempre con un onere da pagare non indifferente, rimarrebbe alto. E più di qualcuno lo fa notare.

“Facciamo come in Francia. La legge Fornero va abolita e va garantito anche a italiane e italiani il diritto di poter andare in pensione entro i 62 anni senza penalizzazioni”, ha tuonato Maurizio Acerbo di Prc.

“In Francia – continua – si va in pensione a 62 anni e il governo vuole alzare l’età a 64. I sindacati chiedono di abbassarla a 60 e di mantenere sistema retributivo”

“Ai lavoratori italiani sono state raccontate un sacco di balle”

Ancora Acerbo: “la lotta francese dimostra che ai lavoratori italiani sono state raccontate un sacco di balle. Non sta scritto da nessuna parte che non si possa dire no a pseudo-riforme sbagliate. E invece di indirizzare la propria rabbia verso immigrati, bisogna mobilitarsi per difendere i propri diritti”.

Acerbo ricorda che “a partire dal 5 dicembre Rifondazione Comunista” ha lanciato una “campagna sociale distribuendo un milione di volantini in tutta Italia. Tra i punti che proponiamo l’abolizione di legge Fornero e Jobs Act sono al primo posto”.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

Pensioni, i moti di Francia riaccendono le proteste in Italia ultima modifica: 2019-12-15T04:39:36+01:00 da Gilda Venezia
Gilda Venezia

Leave a Comment
Share
Pubblicato da
Gilda Venezia

Recent Posts

Decreto 5 agosto. Non sono stati rispettati i criteri

dalla Gilda degli insegnanti di Venezia, 10.8.2020. Vi sono regioni che hanno visto accettate tutte…

29 minuti fa

Ruoli con procedura telematica. Come funziona

dalla Gilda degli insegnanti di Venezia, 10.8.2020. Come si inoltrano le domande. Presentazione Istanza Informatizzazione Nomine…

52 minuti fa

Supplenze. Le fasi delle nomine da GPS

dalla Gilda degli insegnanti di Venezia, 10.8.2020. Come avvengono le nomine da GPS? Quali sono…

5 ore fa

I banchi per la scuola secondo Renzo Piano: la proposta dell’archistar

QuiFinanza, 9.8.2020 Il noto architetto interviene nel dibattito del ritorno in classe e lo fa…

6 ore fa

Spazi scolastici: in mancanza di teatri si farà lezione negli hotel e nei B&B

di Reginaldo Palermo, La Tecnica della scuola, 9.8.2020. Mano a mano che ci si avvicina alla…

6 ore fa

Flora Frate: Dire che verranno assunti 85mila docenti precari non significa nulla

InfoDocenti.it, .8.2020. L’on. Flora Frate del Gruppo Misto, insegnante, da sempre molto vicina al mondo della…

13 ore fa

Questo sito contiene cookie tecnici, analitici e terze parti per la migliore fruizione dei contenuti del sito anche mediante tracciamento delle attività nel sito. Per visualizzare la cookie policy e disabilitare i cookie diversi da quelli tecnici, clicca sul link sotto. Chiudendo questo banner e navigando sulla pagina, acconsenti all'uso dei cookie.

Clicca qui per visualizzare la cookie policy