Categorie: PensioniStampa

Pensioni, i moti di Francia riaccendono le proteste in Italia

diAlessandro Giuliani,  La Tecnica della scuola, 14.12.2019

– Pure noi via a 62 anni e addio alla Fornero –

Anche la politica italiana si occupa delle proteste ad oltranza condotte in Francia, da dieci giorni consecutivi, contro il Governo che per superare i favoritismi di alcune categorie vorrebbe introdurre un nuovo sistema uniforme e a “punti”. In pratica, anche se i 62 anni per andare in pensione non si toccano, l’esecutivo transalpino vorrebbe fissare – per il 2027 – l’entrata in vigore di “un’età di equilibrio” a 64 anni, il minimo per ottenere la pensione a tasso pieno: largo, quindi, ad un sistema di bonus-malus in cui si può andare via a 62 ma senza tasso pieno, si può restare fino a 67 accumulando ancora di più, con 64 che diventa “l’età pivot”, il perno del sistema.

Acerbo (Prc): anche da noi via a 62 anni senza penalizzazioni

Il divario rispetto all’Italia, in ogni caso, dove si lascia a 67 anni o con almeno 41 anni e 10 mesi (12 mesi in più gli uomini), e le uscite anticipate sono limitate e sempre con un onere da pagare non indifferente, rimarrebbe alto. E più di qualcuno lo fa notare.

“Facciamo come in Francia. La legge Fornero va abolita e va garantito anche a italiane e italiani il diritto di poter andare in pensione entro i 62 anni senza penalizzazioni”, ha tuonato Maurizio Acerbo di Prc.

“In Francia – continua – si va in pensione a 62 anni e il governo vuole alzare l’età a 64. I sindacati chiedono di abbassarla a 60 e di mantenere sistema retributivo”

“Ai lavoratori italiani sono state raccontate un sacco di balle”

Ancora Acerbo: “la lotta francese dimostra che ai lavoratori italiani sono state raccontate un sacco di balle. Non sta scritto da nessuna parte che non si possa dire no a pseudo-riforme sbagliate. E invece di indirizzare la propria rabbia verso immigrati, bisogna mobilitarsi per difendere i propri diritti”.

Acerbo ricorda che “a partire dal 5 dicembre Rifondazione Comunista” ha lanciato una “campagna sociale distribuendo un milione di volantini in tutta Italia. Tra i punti che proponiamo l’abolizione di legge Fornero e Jobs Act sono al primo posto”.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

Pensioni, i moti di Francia riaccendono le proteste in Italia ultima modifica: 2019-12-15T04:39:36+01:00 da Gilda Venezia
Gilda Venezia

Share
Pubblicato da
Gilda Venezia

Recent Posts

Concorso straordinario secondaria, cosa studiare per superare la prova

di Fabrizio De Angelis,  La Tecnica della scuola, 22.1.2020 - C’è attesa per il concorso scuola 2020riservato alla scuola secondaria:…

6 ore fa

Pensioni, dal 1° settembre potrebbero lasciare la scuola più di 33.000 docenti

Orizzonte Scuola, 22.1.2020 - Chiusa la fase di presentazione delle domande per le pensioni, i primi dati parlando di circa…

6 ore fa

Il Consiglio di Classe, non valuta la possibilità di recupero dell’alunno: può imporlo il giudice?

Orizzonte Scuola, 22.1.2020 - Le valutazioni degli alunni della scuola media devono essere fatte su scala biennale ogni volta in cui non…

12 ore fa

Sciopero scuola e servizi minimi: nuova fumata nera

Tuttoscuola, 21.1.2020 - L’ennesimo incontro all’Aran per definire eventuali nuove regole per i servizi minimi nella scuola in caso di…

13 ore fa

Alunni disabili: la scuola deve garantire ore di sostegno indicate dal GLOH e docente specializzato

di Rosalba Sblendorio, Reti di Giustizia, 21.1.2020 Non basta attribuire a ciascun alunno disabile un numero di ore di sostegno corrispondente a quanto…

13 ore fa

Diplomati magistrali. Depennamenti

USR  per il Veneto, Ufficio I, A.T. di Venezia,  211.2020 - Depennamento Gae Sentenza Tar 10969/2019 RG 10617/2016 – Diplomati…

14 ore fa

Questo sito contiene cookie tecnici, analitici e terze parti per la migliore fruizione dei contenuti del sito anche mediante tracciamento delle attività nel sito. Per visualizzare la cookie policy e disabilitare i cookie diversi da quelli tecnici, clicca sul link sotto. Chiudendo questo banner e navigando sulla pagina, acconsenti all'uso dei cookie.

Clicca qui per visualizzare la cookie policy