Pensioni, quale è la situazione odierna e come si andrà se passa la riforma

di Andrea Carlino, La Tecnica della scuola, 7.6.2018

– Uno dei temi più dibattuti in questo primo scorcio di nuova legislatura è il tema delle pensioni. M5S e Lega sono compatte: bisogna superare l’attuale legge Fornero, dunque attuare una contro-riforma. Il via libera a quota 100, così come già segnalato da La Tecnica della Scuola, si confermerebbe con il vincolo dei 64 anni.

Allo stesso modo, si conferma anche l’uscita con 41 anni e mezzo di contributi, ma escludendo dal computo i contributi figurativi oppure includendo al massimo due o tre anni.

Un dossier sulla riforma è già allo studio dei tecnici dei due partiti di maggioranza. L’aspetto più inaspettato riguarda la possibilità di “portare ad un’uscita più lontana nel tempo le donne e coloro che hanno avuto lunghi periodi di disoccupazione e cassa integrazione”.

Come si va in pensione oggi?

Attualmente, però, come si va in pensione? Quanti anni di contributi servono?

Con le attuali regole per la pensione di vecchiaia sono richiesti 66 anni e 7 mesi di età (più 20 anni di anzianità contributiva) che dal prossimo anno aumenteranno a 67 anni a causa dell’adeguamento con l’aumento delle aspettative di vita rilevato dall’Istat

Per la pensione anticipata, invece, non viene indicata alcuna età anagrafica poiché è sufficiente aver maturato 42 anni e 10 mesi di contributi (per gli uomini) o 41 anni e 10 mesi (per le donne). Anche il requisito contributivo della pensione anticipata subirà una variazione dal 1° gennaio 2019 quando per smettere di lavorare bisognerà aver maturato 43 anni e 3 mesi (uomini) o 42 anni e 3 mesi (donne).

La circolare dell’Inps con requisiti per la pensione

Il 4 aprile 2018 l’Inps ha pubblicato la circolare n.62 che fissa l’adeguamento dei requisiti di accesso al pensionamento agli incrementi della speranza di vita.

PENSIONE DI VECCHIAIA

PENSIONE ANTICIPATA

PENSIONE ANTICIPATA PER I LAVORATORI PRECOCI

PENSIONE DI ANZIANITA’ CON IL SISTEMA “QUOTE”

Per il biennio 2019-2020, i soggetti per i quali continuano a trovare applicazione le disposizioni in materia di requisiti per il diritto a pensione con il sistema delle c.d. quote possono conseguire tale diritto ove in possesso di un’anzianità contributiva di almeno 35 anni e di un’età anagrafica minima di 62 anni, fermo restando il raggiungimento di quota 98, se lavoratori dipendenti pubblici e privati, ovvero di un’età anagrafica minima di 63 anni, fermo restando il raggiungimento di quota 99, se lavoratori autonomi iscritti all’Inps

Si può andare in pensione anche con meno anni di lavoro

Ad oggi si può andare in pensione anche con meno anni di lavoro: per la pensione di vecchiaia sono sufficienti 20 anni di contributi versati, ma a fronte di un’età anagrafica di 66 anni e 7 mesi (67 anni dal 2019).

Ape Sociale

L’Ape Sociale permette a disoccupati, invalidi civili al 74% e persone che assistono parenti di primo grado, se disabili gravi, di smettere di lavorare dopo 30 anni (ma con almeno 63 anni compiuti). Per i lavori gravosi, invece, sono richiesti 36 anni di contributi.

Ape Volontario

Con l’Ape Volontario, invece, si finisce di lavorare con 20 anni di contributi, purché si sia a meno di 3 anni e 7 mesi dal raggiungimento della pensione di vecchiaia.

Con l’Ape Volontario però non si va subito in pensione: nei 3 anni e 7 mesi che precedono la pensione, infatti, il lavoratore percepirà un prestito erogato da un istituto di credito che poi verrà ripagato con decurtazione sulla successiva pensione.

Come si andrà in pensione

Si punta all’abolizione della riforma Fornero, prevede la possibilità di uscire dal lavoro quando la somma dell’età e dei contributi del lavoratore è almeno pari a 100 o con il raggiungimento dell’età pensionabile con 41,5 anni di anzianità contributiva. Quanto costa sostituire la Fornero? Per l’Inps 15 miliardi il primo anno, 20 miliardi a regime, secondo M5S-Lega 5 miliardi all’anno per 10 anni.

.

.

.

.

Pensioni, quale è la situazione odierna e come si andrà se passa la riforma ultima modifica: 2018-06-07T15:19:40+00:00 da Gilda Venezia

GILDA VENEZIA - Associazione Professionale GILDA degli INSEGNANTI - Federazione Gilda Unams

webmaster: Fabio Barina



Sito realizzato da Venetian Navigator 2 srl