Pensioni quota 100, ecco il testo del decreto in Gazzetta Ufficiale…

di Andrea Carlino,   La Tecnica della scuola, 28.1.2019

– Dopo la firma del presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ecco la pubblicazione dell’atteso decreto legge su quota 100 e sul reddito di cittadinanza.

CLICCA QUI per il provvedimento

CLICCA QUI per la versione in PDF per la stampa.

L’entrata in vigore del decreto legge scatta da martedì 12 febbraio.

All’articolo 14, comma 7, ai fini del conseguimento della pensione quota 100 per il personale del comparto scuola ed AFAM si applicano le disposizioni di cui all’articolo 59, comma 9, della legge 27 dicembre 1997, n. 449.

In sede di prima applicazione, entro il 28 febbraio 2019, il relativo personale a tempo indeterminato può presentare domanda di cessazione dal servizio con effetti dall’inizio rispettivamente dell’anno scolastico o accademico.

Quanti aderiranno a quota 100?

Quanti saranno coloro che andranno in pensione con il meccanismo di quota 100? Le indiscrezioni sono molteplici: da 70mila a 10mila, passando per 50mila che si aggiungerebbero ai 25mila che già hanno effettuato la domanda. Non si sa ancora, è bene precisare, il numero preciso di coloro che inoltrerà istanza di messa a riposo.

A scoraggiare molto, purtroppo, l’assegno più basso e l’assegnazione ritardata di buona parte del Tfr, visto che solo 30 mila euro verrebbero corrisposti subito.

Secondo quanto segnala lo Snals, ci sarà un assegno ridotto tra i 200 euro per i collaboratori scolastici e di 330 euro per i docenti. Ma anche di un importo che va dai 10 mila e i 15 mila euro in meno di Tfr.

Il calcolo riguarda docenti e Ata con 62 anni di età e 38 di contributi e viene messo a confronto con il pensionamento previsto con le regole della legge Fornero (quindi a 67 anni).

Agli articoli 14 e 15 il Decreto legge prevede che il personale scolastico e Afam a tempo indeterminato possa presentare, entro il 28 febbraio istanza di cessazione dal servizio con effetti dall’inizio rispettivamente dell’anno scolastico o accademico (per Afam, ndr) (vale a dire, nel caso degli insegnanti, con uscita al 1° settembre 2019).

In arrivo la circolare Miur-Inps

A disciplinare modi e termini della riapertura dei pensionamenti
nella scuola sarà una circolare congiunta del ministero dell’Istruzione e dell’Inps.

L’Inps ha già preallertato le strutture territoriali in vista della mole di pratiche che si troveranno con tutta probabilità a gestire sin dalle prossime settimane.

Il carico di lavoro supplementare graverà sulle segreterie scolastiche chiamate a verificare il possesso dei requisiti, gli eventuali servizi dichiarati, e a procedere alla ricostruzione di carriera.

A Il Sole 24 Ore, interviene il segretario della Uil Scuola, Pino Turi: “Abbiamo chiesto al Miur un confronto urgente. La sensazione è che si stia sottovalutando il problema. Il rischio, molto concreto, è quello di iniziare il nuovo anno con un esercito di precari in cattedra”.

Importi pensionamento quota 100

.

.

.

.

.

Pensioni quota 100, ecco il testo del decreto in Gazzetta Ufficiale… ultima modifica: 2019-01-28T22:05:47+01:00 da Gilda Venezia
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com

GILDA VENEZIA - Associazione Professionale GILDA degli INSEGNANTI - Federazione Gilda Unams

webmaster: Fabio Barina



Sito realizzato da Venetian Navigator 2 srl