Categorie: Precari

Per diventare insegnanti non basterà la sola laurea, torneranno i percorsi abilitanti

 Orizzonte Scuola, 14.10.2019

– Trasformati dal PD, aboliti dal precedente Governo, in via di definizione un disegno di legge che istituirà nuovamente i percorsi universitari per l’abilitazione all’insegnamento nelle secondarie, dopo aver conseguito la laurea

Nuovo Governo nuovo sistema di reclutamento

Dopo l’abolizione del percorso per accedere all’insegnamento elaborato dal Partito Democratico ad opera del governo Lega-M5S, arriverà a breve una novità sul reclutamento dei docenti. La notizia era già stata anticipata dalle componenti politiche ministeriali durante la contrattazione per il decreto salva-scuola contenente misure per il precariato.

Attualmente, per diventare docenti, dopo le ultime modifiche presenti nella legge finanziaria 2019, basta una laurea e la partecipazione ad un concorso a cattedra, quindi un anno di prova (più formale che sostanziale) per la conferma al ruolo.

Sembrano, quindi, un ricordo lontano i percorsi abilitanti come il TFA (abolito dal PD), o i tre anni di formazione previsti dal PD dopo il concorso a cattedra (aboliti dalla Lega e dal M5S).

Il ritorno dei percorsi abilitanti

Per l’attuale Ministro, secondo quanto riporta il quotidiano “La Repubblica“, il sistema ha necessità di una ulteriore riforma”, perché, dice Fioramonti “Di certo non può bastare una laurea per diventare insegnanti: serve essere formati”.

Pare, quindi, che i percorsi abilitanti potranno essere nuovamente istituiti con regolarità, dopo il tentativo dei Bussetti di avviare dei percorsi PAS per quanti con esperienza non avevano ancora l’abilitazione.

Non saranno, però, assicura Fioramonti, dei percorsi ad ostacoli, riferendosi probabilmente al tortuoso percorso elaborato dal PD. Di certo è che la materia sarà ripresa a marzo, probabilmente con il lancio di un disegno di legge.

Nuovi concorsi

Nel frattempo, i docenti non abilitati potranno partecipare a due concorsi, uno ordinario e uno straordinario (per quanto hanno esperienza ma non abilitazione). Una operazione da 70mila assunzioni (compreso il concorso per Infanzia e Primaria che porterà le supplenze da 170mila a 100 mila.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

Per diventare insegnanti non basterà la sola laurea, torneranno i percorsi abilitanti ultima modifica: 2019-10-14T10:04:00+01:00 da Gilda Venezia

Gilda Venezia

Share
Pubblicato da
Gilda Venezia

Recent Posts

Graduatorie di istituto. Valutazione del servizio specifico e aspecifico in II e III fascia

di Linda Tramontano, Professionisti Scuola Network, 17.11.2019 - Regole differenti - A quanti stanno lavorando o incominceranno il loro percorso…

3 ore fa

Le sanzioni quando si lascia una supplenza

di Aldo Domenico Ficara, Regolarità e Trasparenza nella Scuola, 17.11.2019 - Nell’art. 8 comma 1 D.M. del 13 giugno 2007. si evidenziano…

6 ore fa

Docenti di Religione, 15 mila supplenti sperano nell’assunzione ma manca l’accordo

di Alessandro Giuliani,  La Tecnica della scuola, 16.11.2019 - Per i docenti precari di religione forse qualcosa si muove. La categoria,…

7 ore fa

Rinnovo contratto insegnanti, aumento stipendio inadeguato: importi svelati dai sindacati

di Antonio Cosenza, Money.it, 16.11.2019 - Nuovo contratto Scuola, difficile che MIUR e sindacati arrivino ad un accordo: le cifre dell’aumento…

15 ore fa

Permesso per motivi familiari o personali: il docente può assentarsi anche se il dirigente lo nega

 Orizzonte Scuola, 16.11.2019 - I permessi per motivi personali e familiari e le ferie allo stesso titolo possono essere negati?…

15 ore fa

Questo sito contiene cookie tecnici, analitici e terze parti per la migliore fruizione dei contenuti del sito anche mediante tracciamento delle attività nel sito. Per visualizzare la cookie policy e disabilitare i cookie diversi da quelli tecnici, clicca sul link sotto. Chiudendo questo banner e navigando sulla pagina, acconsenti all'uso dei cookie.

Clicca qui per visualizzare la cookie policy