Categorie: Riforma-News

Per il nuovo governo solo 3 compiti per la scuola

di Pasquale Almirante,  La Tecnica della scuola, 16.9.2019

– Si può essere d’accordo o meno, ma forse la riflessione più corretta che occorre fare è la seguente: in Italia tutti i tentativi di riforma dell’istruzione si scontrano con fortissime resistenze da parte del mondo della scuola.

E a suggerirlo sono anche molti politologi, secondo i quali “i docenti sono un corpo sociale piuttosto conservatore, molto focalizzato sui propri interessi e al tempo stesso capace di esercitare un’enorme pressione sulla politica: in Italia, il solo personale della scuola statale supera il milione e influenza le famiglie di circa 8 milioni di studenti”. Ma poi ci sono familiari, parenti e amici: un esercito.

Partendo da queste premesse Lavoce.info propone tre temi sulla scuola, su cui il futuro governo dovrebbe agire.

Selezione e formazione dei docenti

  • Il meccanismo di reclutamento è oggi fallimentare: la prova sta nella mancanza di docenti di ruolo di diverse materie e serviranno quasi 200 mila supplenti annuali. Che fare? Onde evitare un ulteriore degrado qualitativo, occorrerebbe un meccanismo di accesso continuo alla professione (come concorsi regolari), una valutazione stringente delle competenze disciplinari e soprattutto didattiche dei nuovi assunti (e magari anche di quelli in ruolo) e una voce in capitolo dei singoli istituti nella scelta di chi serve loro davvero.

Carriera degli insegnanti.

  • Entrati in ruolo, i docenti non hanno alcuna vera progressione salariale (solo sei scatti per anzianità) e di carriera, caso unico nel comparto pubblico. Senza un riconoscimento della qualità del lavoro, si attira nella professione chi è meno disponibile a impegnarsi e assumere responsabilità organizzative. Non dunque aumenti di stipendio distribuiti a pioggia, ma scatti di carriera legati al merito e un orario di lavoro più ampio che potrebbero invece rappresentare un incentivo per i buoni laureati a entrare nella scuola.

Tempo Prolungato

  • Sappiamo che più ore trascorse a scuola (non solo a lezione) rappresentano un antidoto all’abbandono, purtroppo di nuovo in crescita. Permettono, inoltre, di fare didattica innovativa e sostenere chi ha maggiori difficoltà. In Italia, la scuola al pomeriggio esiste solo alla primaria, tipicamente al Nord: andrebbe estesa almeno alla media e su tutto il territorio nazionale.

.

.

.

.

.

.

.

.

Per il nuovo governo solo 3 compiti per la scuola ultima modifica: 2019-09-17T06:13:47+02:00 da Gilda Venezia
Gilda Venezia

Share
Pubblicato da
Gilda Venezia

Recent Posts

L’ossessione meritocratica

 di Marco Meotto, Doppio zero, 9.10.2019 - La celebrazione della “meritocrazia” è radicata nel discorso pubblico. Non ne è certo…

2 ore fa

Analisi UE sui docenti italiani: carriera e stipendi inadeguati

TuttoscuolaNews, n. 923 del 21.10.2019 Oltre ai dati sugli obiettivi attesi per il 2020, “Education and Training – Monitor 2019”…

6 ore fa

130 mila quindicenni non competenti: quasi 50 mila in più rispetto all’obiettivo europeo

TuttoscuolaNews, n. 923 del 21.10.2019 - I quindicenni italiani di dieci anni fa erano in media scarsamente competenti in lingua,…

6 ore fa

Consigli di classe, fare il Coordinatore non è obbligatorio

di Lucio Ficara,  La Tecnica della scuola, 20.10.2019 - È tempo dei primi Consigli di classe. Le funzioni di Segretario verbalizzante…

6 ore fa

Azienda scuola-lavoro, Fioramonti promette agli studenti: basta con gli stage nei fast food

di Alessandro Giuliani,  La Tecnica della scuola, 20.10.2019 - VIDEO INTERVISTA - Basta con esperienze degli studenti in azienda poco formative,…

7 ore fa

Alunno caduto dalle scale, quanta imprevedibilità nell’evento?

dal blog di Gianfranco Scialpi, 20.10.2019 - Alunno caduto dalle scale, sarà l’imprevedibilità dell’evento il criterio orientativo per i magistrati.…

7 ore fa

Questo sito contiene cookie tecnici, analitici e terze parti per la migliore fruizione dei contenuti del sito anche mediante tracciamento delle attività nel sito. Per visualizzare la cookie policy e disabilitare i cookie diversi da quelli tecnici, clicca sul link sotto. Chiudendo questo banner e navigando sulla pagina, acconsenti all'uso dei cookie.

Clicca qui per visualizzare la cookie policy