di Fabrizio De Angelis,  La Tecnica della scuola, 14.12.2018

Una lettrice ci chiede in quali casi è possibile usufruire dei permessi brevi.Rispondiamo riprendendo la normativa di riferimento per fare chiarezza sull’istituto dei permessi brevi.

Quando posso prendere il permesso breve?

L’ARAN ricorda tramite un orientamento applicativo che l’art.16 del CCNL del 29.11.2007, articolo ripreso per esteso nel nuovo contratto scuola, come il dipendente può usufruire dei permessi brevi per esigenze personali che richiedono di assentarsi dal luogo di lavoro.

Per quanto riguarda i motivi personali, il dipendente non deve rendere conto al DS o attendere l’ok da parte di questo per usufruire del permesso. L’unica differenza, rispetto agli altri permessi retribuiti, sta nel fatto che il dirigente non può contestare o valutare le motivazioni dell’assenza, ma può intervenire se l’assenza del lavoratore arreca problemi al servizio, tanto è vero che, l’attribuzione di tali permessi per il personale docente è subordinata alla possibilità di sostituzione con il personale in servizio.

Questi permessi devono essere recuperati attraverso supplenze o lo svolgimento di interventi didattici integrativi, con precedenza nella classe dove avrebbe dovuto prestare servizio il docente in permesso.

Nulla dice il contratto nel caso de quo, cioè nel caso di un permesso fruito durante le attività collegiali, che sono attività funzionali all’insegnamento ai sensi dell’art. 29 del CCNL su citato, non fungibili con le attività di insegnamento.

La normativa dei permessi brevi

La normativa di riferimento, ovvero il già citato art. 16 del CCNL del 29.11.2007 prevede: “Compatibilmente con le esigenze di servizio, al personale con contratto a tempo indeterminato e con contratto a tempo determinato sono attribuiti per esigenze personali e a domanda brevi permessi di durata non superiore alla metà dell’orario di lavoro giornaliero individuale di servizio e comunque per il personale docente fino ad un massimo di due ore. Per il personale docente i permessi brevi si riferiscono ad unità minime che siano orarie di lezione”.

Si badi bene: questi permessi fruiti non possono eccedere le 36 ore nel corso dell’anno scolastico per il personale ATA, mentre per il personale docente il limite corrisponde al rispettivo orario settimanale di insegnamento.

.

.

.

.

Permessi brevi, quando possono essere utilizzati ultima modifica: 2018-12-15T03:57:38+01:00 da Gilda Venezia
Gilda Venezia

Leave a Comment
Share
Pubblicato da
Gilda Venezia

Recent Posts

Scuola, due ipotesi per maturità e terza media

Rai News, 6.4.2020 - Tutti ammessi a esame - Allo studio anche un piano per una ripresa…

10 ore fa

Ammessi per legge al mini esame 1,1 milioni di studenti italiani

di Eugenio Bruno e Claudio Tucci, Il Sole 24 Ore, 6.4.2020 - Ammissione maxi per esami sempre…

11 ore fa

Così rischiamo di avere in classe studenti meno motivati

di Andrea Gavosto, Il Sole 24 Ore, 6.4.2020 - Dopo le prime settimane, in cui ha prevalso…

11 ore fa

Riapertura scuole, decidono i politici o i virologi? Di certo, non si può sbagliare

di Alessandro Giuliani, La Tecnica della scuola, 6.4.2020 - Chi deciderà quando si tornerà a scuola,…

11 ore fa

Coronavirus, niente pigiama né screenshot: ecco le regole dei presidi per le lezioni online

di Alex Corlazzoli, Il Fatto Quotidiano,  5.4.2020 - Anche da casa, bisogna rispettare qualche norma di…

12 ore fa

Azzolina: “Fino a quando non ci sarà sicurezza non si tornerà in classe. Due scenari per la maturità”

di Andrea Carlino, La Tecnica della scuola, 5.4.2020 - La ministra dell’Istruzione, Lucia Azzolina, interviene a…

12 ore fa

Questo sito contiene cookie tecnici, analitici e terze parti per la migliore fruizione dei contenuti del sito anche mediante tracciamento delle attività nel sito. Per visualizzare la cookie policy e disabilitare i cookie diversi da quelli tecnici, clicca sul link sotto. Chiudendo questo banner e navigando sulla pagina, acconsenti all'uso dei cookie.

Clicca qui per visualizzare la cookie policy