Permessi e ferie docenti e ATA 2019: differenze tra supplenti e personale di ruolo

di Claudia Scalia, Scuola in Forma, 10.5.2019 

– Per i permessi e le ferie del personale della scuola, anche per l’anno scolastico2018/19, c’è una differenza tra chi è di ruolo e chi è assunto invece a tempo determinato. La normativa è diversa, almeno fino ad ora. Nulla toglie che con il rinnovo del contratto questo punto possa essere modificato.

Permessi e ferie personale di ruolo, a tempo indeterminato

Per il personale di ruolo della scuola, la normativa di riferimento dei permessi è l’art.15 del CCNL 2007. In base a tale disposizione, il personale assunto a tempo indeterminato ha diritto a permessi retribuiti per:

  • 8 giorni complessivi per anno scolastico per partecipazione a concorsi o esami, incluso il viaggio;
  • 3 giorni per motivi personali o familiari, documentati anche mediante autocertificazione;
  • per gli stessi motivi e con le stesse modalità, sono fruiti i 6 giorni di ferie durante i periodi di attività didattica di cui all’art. 13, comma 9 (i 6 giorni di ferie possono essere richiesti come permessi per motivi familiari e personali e si aggiungono ai 3 già previsti).
Potrebbe interessarti:  Graduatorie III fascia ATA, cosa sapere sul loro aggiornamento

I permessi possono essere richiesti nel corso di ogni anno scolastico, non riducono le ferie e sono valutati per l’anzianità di servizio.

Normativa per supplenti, o personale a tempo determinato

I permessi per il personale assunto a tempo determinato, ovvero i supplenti,sono disciplinati dall’art. 19 che dispone siano senza retribuzione: “Al personale docente, educativo ed ATA assunto a tempo determinato sono concessi permessi non retribuiti, per la partecipazione a concorsi od esami, nel limite di otto giorni complessivi per anno scolastico, ivi compresi quelli eventualmente richiesti per il viaggio. Sono, inoltre, attribuiti permessi non retribuiti, fino ad un massimo di sei giorni”, per i motivi personali e familiari. Essendo non retribuiti, interrompono la maturazione dell’anzianità di servizio.

Sono retribuiti, invece:

Il personale a tempo determinato può fruire di tutto ciò che gli spetta, nei limiti della durata del rapporto di lavoro.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

 

 

Permessi e ferie docenti e ATA 2019: differenze tra supplenti e personale di ruolo ultima modifica: 2019-05-11T04:39:06+02:00 da Gilda Venezia
Gilda Venezia

Leave a Comment
Share
Pubblicato da
Gilda Venezia

Recent Posts

Ruoli. Tutti i numeri

dalla Gilda degli insegnanti di Venezia, 8.8.2020. Immissioni in ruolo 2020/21, le tabelle dei contingenti…

2 ore fa

Graduatorie provinciali supplenze, 753.750 domande: boom in Lombardia, Lazio e Campania

di Alessandro Giuliani, La Tecnica della scuola, 8.8.2020. Non hanno superato le attese, superiori al milione…

2 ore fa

Veneto penalizzato nella assegnazione di nuovi docenti e ata?

di Gianni Zen, La Tecnica della scuola, 8.8.2020. “Chiedete ma non troppo”. Questa la sintesi fatta…

5 ore fa

Immissioni in ruolo 2020/21, il contingente per provincia e classe di concorso

di Vittorio Borgatta, InfoDocenti.it, 8.8.2020. Ecco la distribuzione dei posti per provincia per le immissioni in ruolo…

7 ore fa

Scuola, da CdM via libera a 97mila assunzioni (ma molte cattedre resteranno vuote)

di Claudio Tucci, Il Sole 24 Ore,  8.8.2020 Disco verde dal governo ad assumere a tempo indeterminato…

7 ore fa

Immissioni in ruolo docenti 2020/21, ecco come si compila la domanda

Orizzonte Scuola, 8.8.2020 Presentazione Istanza Informatizzazione Nomine In Ruolo a.s. 2020/21: come si scelgono le…

9 ore fa

Questo sito contiene cookie tecnici, analitici e terze parti per la migliore fruizione dei contenuti del sito anche mediante tracciamento delle attività nel sito. Per visualizzare la cookie policy e disabilitare i cookie diversi da quelli tecnici, clicca sul link sotto. Chiudendo questo banner e navigando sulla pagina, acconsenti all'uso dei cookie.

Clicca qui per visualizzare la cookie policy