Precari 36 mesi, Miur: proficuo l’incontro con i sindacati

Orizzonte_logo14

Orizzonte Scuola, 6.5.2019

– Svoltosi al Miur il tavolo tecnico su reclutamento e precariato, frutto dell’accordo tra Governo e sindacati stipulato nella notte tra il 23 e il 24 aprile 2019. Il tavolo dovrà individuare misure e agevolazioni per i docenti precari con almeno 36 mesi di servizio (verosimilmente 3 annualità), ai fini della loro stabilizzazione.

Tavolo tecnico: tematiche

Quello di oggi è il primo incontro, al quale ne seguiranno altri, al fine di declinare quanto previsto nel summenzionato accordo.

Il punto di partenza è rappresentato da quanto scritto nel testo dell’intesa:

  1. in prima attuazione saranno individuate le più adeguate e semplificate modalità per agevolare l’immissione in ruolo del personale docente che abbia una pregressa esperienza di servizio pari ad almeno 36 mesi;
  2. in via transitoria, il Governo si impegna a prevedere percorsi abilitanti e selettivi riservati al personale docente che abbia una pregressa esperienza di servizio pari ad almeno 36 mesi finalizzati all’immissione in ruolo.

Miur: incontro proficuo

Il Miur ha diramato un comunicato sull’incontro, in cui ha affermato quanto segue:  “Oggi abbiamo avviato il primo tavolo tecnico, l’incontro è stato molto proficuo. A breve il gruppo si riunirà nuovamente per definire un’azione condivisa…”.

Concorso

Il MIUR, come riferiscono i sindacati, ha ribadito quanto precedentemente affermato, ossia di voler esonerare dalla preselettiva il personale docente con 3 annualità di servizio, prevedendo anche un aumento della quota di posti attualmente riservati (al momento il 10%).

Qualora le succitate misure diventassero legge, i docenti precari con 3 annualità di servizio, nell’ambito del concorso ordinario, avrebbero le seguenti agevolazioni:

  • partecipazione con la sola laurea e senza i 24 CFU (già previsto);
  • riserva posti (attualmente 10% + aumenti);
  • supervalutazione servizio (già previsto);
  • esonero preselettiva.

Percorsi abilitanti selettivi

I percorsi abilitanti selettivi rientreranno nella cosiddetta fase transitoria e condrranno all’assunzione in ruolo dei summenzionati docenti.

Così scrivono i sindacati:

Tale percorso dovrà comunque garantire a tutti i docenti in possesso del requisito del servizio dei 36 mesi la partecipazione al percorso abilitante. 

Sui percorsi, diversamente da quanto detto sul concorso, Miur e sindacati sono in disaccordo relativamente alla selezione: per i sindacati eventualmente a conclusione del percorso, per il Miur in ingresso.

Proposte definitive

Le proposte definitive, da trasformare in legge, potranno essere presentate soltanto dopo una ricognizione relativa alle disponibilità di posti e classi di concorso, suddivisi per regione. Questo alla luce dell’elevato numero dei precari con tre annualità di servizio, che ammonta a 55.604 unità.

Altri tavoli

L’accordo suddetto non ha riguardato soltanto i precari con 36 mesi di servizio, ma anche il rinnovo contrattuale e l’aumento degli stipendi, i dirigenti scolastici, l’Università e l’Afam.

Pertanto si svolgeranno altri tavoli tecnici. Questo il calendario dei primi incontri:

  • 14 maggio tavolo tecnico dedicato ai dirigenti scolastici;
  • 20 maggio tavolo tecnico sul rinnovo contrattuale;
  • 28 maggio tavolo tecnico su Università, Ricerca e Alta Formazione Artistica, Musicale e Coreutica (AFAM).

Il comunicato Miur

Il comunicato unitario del 6 maggio 2019

Il comunicato dei sindacati
Sindacati: PAS per tutti i 55.604 docenti con 36 mesi

.

.

.

.

.

.

.

.

.

 

Precari 36 mesi, Miur: proficuo l’incontro con i sindacati ultima modifica: 2019-05-06T21:32:42+01:00 da Gilda Venezia
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com

GILDA VENEZIA - Associazione Professionale GILDA degli INSEGNANTI - Federazione Gilda Unams

webmaster: Fabio Barina



Sito realizzato da Venetian Navigator 2 srl