Categorie: MiurPrecariRuolo

Precari, addio a corsi di abilitazione. Bussetti: soldi buttati

di Alessandro Giuliani,  La Tecnica della scuola, 15.1.2019

– Il ministero dell’Istruzione ha detto basta con i corsi abilitanti, i corsi-concorsi e i corsi vari che non portano a nulla: a ribadirlo, sostenendo che la parola d’ordine adesso è quella dei concorsi pubblici, unico canale di selezione che porta all’immissione in ruolo, è stato il ministro dell’Istruzione Marco Bussetti.

Un salasso e un impegno inutile

Intervenendo al congresso della Confsal, il titolare del Miur ha detto che è giunto il momento di “dare spazio ai giovani docenti: prima erano necessari tre anni per diventare insegnante, ora si vince il concorso e si entra in ruolo. Chi non lo vince ma non lo supera resta abilitato. Eliminiamo i corsi che erano un salasso e anche un impegno”.

Il costo dei corsi, in effetti, non era da poco, sia per i partecipanti (circa 3 mila euro), sia per lo Stato che in tali occasioni deve reperire commissari e presidenti di commissione, oltre che incaricare una serie di esperti per sovraintendere il concorso, più le spese vive per svolgerlo.

Le nuove modalità

Con le nuove modalità di reclutamento, introdotte con la Legge di Bilancio 2019, approvata due settimane fa, ha sottolineato il ministro dell’Istruzione “chi supera il concorso, da abilitato, fa un anno di prova e entra in ruolo. I concorsi vengono banditi in base ai posti disponibili e sono nazionali”.

“Infine – ha concluso Bussetti -, una volta scelto il posto dove insegnare, è necessario rimanerci per un minimo di cinque anni”.

A rimanere in vita, comunque, saranno i corsi specializzanti per diventare insegnante di sostegno: sono previsti tre bandi nel prossimi tre anni, per complessivi 40 mila posti da mettere a bando, di cui 16 mila nel 2019.

Cambia tutto, a rimetterci i precari con oltre 36 mesi di supplenze

Le misure che il Governo sta predisponendo cambieranno, quindi, in modo notevole l’attuale sistema di selezione per diventare insegnante: va ricordato, infine, che la riforma Buona Scuola dell’ex premier Matteo Renzi anche su questo ambito non ha mi visto pienamente la luce.

In particolare, a non essere mai bandito è stato il concorso per i precari non abilitati con oltre 36 mesi di servizio. I quali, a ragione, in questi mesi hanno alzato la voce in più occasioni.

.

.

.

.

.

Precari, addio a corsi di abilitazione. Bussetti: soldi buttati ultima modifica: 2019-01-16T04:37:01+01:00 da Gilda Venezia
Gilda Venezia

Leave a Comment
Share
Pubblicato da
Gilda Venezia

Recent Posts

Carta del docente, fino al 31 luglio è possibile acquistare anche webcam, scanner e hotspot portatili

di Andrea Carlino, La Tecnica della scuola, 10.4.2020 - È stato prorogato fino al 31 luglio…

2 ore fa

Esame di Stato, tutti ammessi ma come si recupera chi resta indietro?

di Filomena Zamboli, il Sussidiario, 7.4.2020 - Il Consiglio dei ministri nel decreto liquidità ha adottato…

13 ore fa

Esame terza media, novità: ecco come cambia nel decreto

di Teresa Maddonni, Money.it, 9.4.2020 - Esame di terza media, novità: la prova cambia. A prevederlo…

14 ore fa

Maturità 2020: i due piani del Miur. Tutte le novità nel decreto scuola

di Teresa Maddonni, Money.it, 9.4.2020 - Maturità 2020, novità: sono due i piani del Miur per…

14 ore fa

Concorsi scuola annullati? Possibili “nuove forme di reclutamento docenti”

di Antonio Cosenza, Money.it, 9.4.2020 - Scuola: il sottosegretario al MIUR, Giuseppe De Cristofaro, chiede l’annullamento…

14 ore fa

Azzolina: il prossimo anno gli organici restano invariati

di Cl. T.  Il Sole 24 Ore, 10.4.2020 - C’è l’accordo con il ministero dell’Economia sugli…

14 ore fa

Questo sito contiene cookie tecnici, analitici e terze parti per la migliore fruizione dei contenuti del sito anche mediante tracciamento delle attività nel sito. Per visualizzare la cookie policy e disabilitare i cookie diversi da quelli tecnici, clicca sul link sotto. Chiudendo questo banner e navigando sulla pagina, acconsenti all'uso dei cookie.

Clicca qui per visualizzare la cookie policy