Professoressa sanzionata, Il ripensamento e il pasticcio

dal blog di Gianfranco Scialpi, 22.5.2019 

– Professoressa sanzionata, la vicenda si è trasformata in un boomerang politico. A questo aggiungo la parzialità del provvedimento che dimentica i ragazzi e i genitori, incapaci questi ultimi a impartire un’adeguata educazione!

Professoressa sanzionata, è diventato un problema

Sicuramente la vicenda della professoressa sanzionata ha ricompattato il personale scolastico. Meglio di tanti scioperi che non riescono più a coinvolgere una percentuale significativa del personale scolastico! E questo dato arriva nelle redazioni dei giornali.  Nella migliore delle ipotesi le percentuali degli scioperi occupano lo spazio di un trafiletto! Un esempio: lo sciopero del 17 maggio è sfuggito ai radar mediatici.
Situazione diversa per la vicenda della professoressa sanzionata.  Se ne sono accorti anche la grande stampa, i talk show. Sicuramente ha contribuito l’intento di andare contro una parte politica ( la lega), percepita, insieme al M5s, come inadatta a governare  Questo rumore mediatico ha indubbiamente posto qualche problema alla parte politica e amministrativa coinvolta. Se consideriamo che fra qualche giorno si voterà, la vicenda costituisce un pessimo spot pubblicitario. In prossimità di un appuntamento elettorale regna la bonaccia. Tutto è fermo! Le dichiarazioni si fanno soft, rassicuranti. I provvedimenti scomodi sono lasciati in un cassetto.  Da qui il correre ai ripari, tentando di limitare i danni, tentando di circoscrivere la tempesta imprevista.
Ecco spiegati i dietrofront! Scrive V. Pascuzzi ” Salvini è per un solo giorno di sanzione in meno, Bussetti due, Giuliano addirittura tre” Aggiungo: ora tutti vogliono incontrare la professoressa (Salvini, Bussetti…), nel tentativo di limitare i danni. Pessimo segnale che rischia di trasformarsi in un boomerang per la Lega.

La vicenda è un pasticcio!

Scrive L. Garofalose l’imputazione ascritta alla docente è quella di aver impedito un “reato”, vale a dire la diffamazione di un ministro, in seguito ad una sorta di “reductio ad Hitlerum” di Salvini, io mi chiedo come mai non siano stati puniti o perseguiti anche gli allievi ed i loro genitori per i medesimi motivi. Invece, mi risulta che sia stata penalizzata soltanto l’insegnante, in quanto responsabile della vigilanza in aula.”
Osservazione acuta che riesce a focalizzare l’attenzione sulla parzialità di un provvedimento. Non si comprende questa scelta di colpire solo la docente. A mio parere il caso ha tutti gli elementi per portare i ragazzi ultraquattordicenni davanti a un giudice (art. 97) e coinvolgere i genitori, in quanto incapaci a educare (“Culpa in educando”) i propri figli al pensiero unico! E’  risaputo che il potere non ama le teste ben fatte (Morin).
Concludendo la vicenda è nata male, gestita peggio e carente dal punto di vista dell’individuazione delle responsabilità. Fra qualche giorno capiremo il suo peso elettorale.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

Professoressa sanzionata, Il ripensamento e il pasticcio ultima modifica: 2019-05-23T06:03:41+01:00 da Gilda Venezia
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com

GILDA VENEZIA - Associazione Professionale GILDA degli INSEGNANTI - Federazione Gilda Unams

webmaster: Fabio Barina



Sito realizzato da Venetian Navigator 2 srl