Quando uno studente rischia la sospensione a scuola?

LeggePerTutti_logo15

di Carlos Arija Garcia, La legge per tutti, 5.11.2022.

I motivi per cui è previsto l’allontanamento del ragazzo dall’istituto e la severità del provvedimento in base alla gravità dei fatti.

Gilda Venezia

Scherzo pesante o atto di bullismo? A volte è difficile conoscere la vera intenzione del ragazzo che, volendo fare troppo lo spiritoso, rischia di fare seriamente del male ad un compagno oppure tiene un atteggiamento che definire poco educato è fin troppo riduttivo. Così, il Consiglio di istituto o, comunque, l’autorità scolastica si vede in dovere di intervenire in modo determinato con una decisione drastica: l’allontanamento del ragazzo dalla struttura per un periodo di tempo. Ma quando uno studente rischia la sospensione? Che cosa deve combinare per meritare un provvedimento del genere?

La legge, da una parte, consente la punizione esemplare per chi esagera con il proprio comportamento ma pone anche dei limiti sia nella sostanza sia nella forma: la sospensione del ragazzo non può durare più di un determinato numero di giorni e deve essere emanata da una certa figura, non da un qualsiasi insegnante. Ecco, allora, quando uno studente rischia la sospensione e in che cosa può consistere il provvedimento.

Indice

  • 1 Quali sanzioni per lo studente?

    • 1.1 Sospensione fino a 15 giorni
    • 1.2 Sospensione per più di 15 giorni
    • 1.3 Sospensione fino alla fine dell’anno scolastico
  • 2 Sospensione dello studente e validità dell’anno scolastico

  • 3 Sospensione dello studente: quando viene escluso da esami o scrutini?

Quali sanzioni per lo studente?

Le sanzioni disciplinari nei confronti degli studenti sono regolamentate da due provvedimenti normativi:

  • lo statuto delle studentesse e degli studenti [1];
  • la circolare del ministero dell’Istruzione mirata a contrastare i fenomeni di bullismo [2].

Sospensione fino a 15 giorni

La sospensione dello studente può essere di tre tipi. Il primo, l’allontanamento temporaneo dalla scuola per un periodo fino a 15 giorni. Deve essere adottato dal Consiglio di classe e solo per gravi o reiterate infrazioni. Prevede dei contatti con lo studente e con i genitori o chi ne fa le veci per preparare il rientro a scuola nel modo più adeguato ed efficace.

Sospensione per più di 15 giorni

Il secondo tipo di sospensione è quello che ha una durata maggiore, cioè che supera i 15 giorni di allontanamento dalla scuola. In questo caso deve essere decisa dal Consiglio di istituto e quando si danno insieme queste circostanze:

  • per reati che violano la dignità e il rispetto della persona umana (ad esempio, violenza privata, minaccia, percosse, ingiurie, molestie sessuali ecc.) oppure per azioni che comportano una concreta situazione di pericolo per l’incolumità delle persone (ad esempio, dar fuoco o allagare la classe o i corridoi);
  • la gravità del fatto richiede un provvedimento sanzionatorio che non può essere circoscritto all’allontanamento di durata inferiore ai 15 giorni.

Sospensione fino alla fine dell’anno scolastico

C’è, poi, un’ulteriore tipologia di sospensione dello studente che è quella adottata nei casi più gravi e che si protrae fino alla fine dell’anno scolastico. Anche qui è chiamato a intervenire il Consiglio di istituto quando si verificano insieme queste circostanze:

  • situazioni di recidiva, nel caso di reati che violino la dignità e il rispetto per la persona umana, oppure atti di grave violenza o connotati da una particolare gravità tali da determinare seria apprensione a livello sociale;
  • non è possibile individuare degli interventi per un reinserimento responsabile e tempestivo dello studente nella scuola durante l’anno scolastico.

Sospensione dello studente e validità dell’anno scolastico

Appare evidente che nell’ultimo caso citato, cioè quello della sospensione definitiva dello studente, l’anno scolastico per lui è ormai definitivamente andato. Nelle altre due ipotesi, invece, cioè quelle delle sospensioni fino e oltre 15 giorni, la normativa chiede di evitare che le sanzioni superino l’orario minimo di frequenza richiesto affinché l’anno scolastico venga ritenuto valido.

Sospensione dello studente: quando viene escluso da esami o scrutini?

Nei casi più estremi, non si parla più di sospensione dello studente ma di esclusione dagli scrutini finali o dagli esami che concludono l’anno scolastico.

Il Consiglio di istituto può decidere nelle ipotesi di maggiore gravità rispetto a quelle già citate di non ammettere il ragazzo all’esame di Stato (terza media o Maturità) e nemmeno agli scrutini che potrebbero consentirgli di essere promosso all’anno successivo.

Per queste come per tutte le altre sanzioni, è necessario che il provvedimento specifichi in modo chiaro e comprensibile i motivi per i quali la punizione si è resa necessaria, in particolare quando la sanzione è di particolare severità.


Note

[1] DPR n. 294/1998 e DPR n. 235/2007.

[2] Circ. Miur n. 3602/2008.

 

.

.

.

.

.

.

.

 

Quando uno studente rischia la sospensione a scuola? ultima modifica: 2022-11-06T05:11:45+01:00 da
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com

GILDA VENEZIA - Associazione Professionale GILDA degli INSEGNANTI - Federazione Gilda Unams

webmaster: Fabio Barina



Sito realizzato da Venetian Navigator 2 srl