Quota 100 a scuola, 8.500 richieste di uscita. A settembre 45mila cattedre vuote

di Claudio Tucci, Il Sole 24 Ore, 22.2.2019

– A meno di una settimana dalla chiusura delle domande di pensionamento con quota 100 , nella scuola già si viaggia a poco più di 8.525 istanze presentate, tra professori e personale tecnico-amministrativo. Che si aggiungono ai 27mila docenti e Ata che hanno già utilizzato la finestra ordinaria (entro il 12 dicembre) sulla base dei requisiti generali validi fino al 2018. Considerando che c’è tempo fino al 28 febbraio per utilizzare l’uscita con 62 anni di età e 38 di contributi, si stima, complessivamente, un turn-over, a settembre, tra le 40 e le 45mila unità.

I dati
Ai ieri, 20 febbraio, sono giunte all’Inps 7.047 domande di quota 100 da parte di insegnanti, 1.290 da parte del personale Ata, 188 da parte di presidi, per un totale quindi di 8.525 istanze.

Le mosse della maggioranza
Il tema è delicato, e a settembre con la riapertura dell’anno scolastico si deve tamponare l’emergenza. Il Miur è a lavoro per far partire, al più presto, i concorsi (serve l’autorizzazione di Mef e Funzione pubblica). Anche la maggioranza giallo-verde in Parlamento, conscia del problema, si sta muovendo. È pronto un emendamento, primo firmatario il presidente della commissione Istruzione del Senato, Mario Pittoni (Lega), al decretone che attribuisce un punteggio aggiuntivo ai precari storici di terza fascia. In pratica, nel prossimo concorso, le graduatorie di merito dovranno essere predisposte attribuendo ai titoli posseduti un punteggio fino al 40 per cento di quello complessivo. Tra i titoli valutabili è particolarmente valorizzato il servizio svolto presso le istituzioni scolastiche del sistema nazionale di istruzione, al quale è attribuito un punteggio fino al 50 per cento del punteggio attribuibile ai titoli.

Una mossa che, secondo la maggioranza, avrà l’effetto da una parte di favorire l’assorbimento di vaste fasce di precariato e dall’altra di assicurare l’immediata copertura dei posti vacanti con personale esperto e professionalmente motivato. Ovviamente, l’incognita sono i tempi. Per avere gli assunti in cattedra il 1° settembre bisognerà svolgere e concludere una selezione in una manciata di mesi (nessun ministro dell’Istruzione c’è mai riuscito, ndr). L’alternativa è assegnare le cattedre libere ai supplenti, che è molto probabile il prossimo settembre raggiungeranno un nuovo picco record.

.

.

.

.

Quota 100 a scuola, 8.500 richieste di uscita. A settembre 45mila cattedre vuote ultima modifica: 2019-02-22T06:25:01+01:00 da Gilda Venezia
Gilda Venezia

Share
Pubblicato da
Gilda Venezia

Recent Posts

Susanna Tamaro: i genitori non educano, hanno delegato tutto. La scuola, così, esplode

Oggiscuola, 16.2.2020 - “La Scuola? ha smesso di essere il luogo dell’educazione”.  Non usa mezzi…

4 ore fa

La fine della libertà d’insegnamento

di Anna Angelucci, Medicina & società, 15.2.2020 - Dall’Atto di indirizzo politico-istituzionale del Ministro dell’Istruzione…

7 ore fa

Come ti sistemo il concorso ispettivo

di Mario Maviglia, Educazione & Scuola, 14.2.2020 - Attenzione: questo è un intervento volutamente polemico e politicamente…

13 ore fa

Formazione docenti, Gilda boccia Azzolina: “Non si lavora gratis”

di Fabrizio De Angelis, La Tecnica della scuola, 15.2.2020 - Si pensi a periodi sabbatici per…

14 ore fa

Anticipo Tfs fino a 45 mila euro, il lavoratore dovrà pagare alle banche un tasso d’interesse: sarà agevolato

di Alessandro Giuliani, La Tecnica della scuola, 15.2.2020 - Continua a trascinarsi nel tempo l’applicazione della norma…

15 ore fa

Abrogazione chiamata diretta, Bianca Granato (M5S) continua a crederci

di Reginaldo Palermo, La Tecnica della scuola, 15.2.2020 - Sulle difficoltà che il ddl sulla chiamata…

15 ore fa

Questo sito contiene cookie tecnici, analitici e terze parti per la migliore fruizione dei contenuti del sito anche mediante tracciamento delle attività nel sito. Per visualizzare la cookie policy e disabilitare i cookie diversi da quelli tecnici, clicca sul link sotto. Chiudendo questo banner e navigando sulla pagina, acconsenti all'uso dei cookie.

Clicca qui per visualizzare la cookie policy