Riapertura scuole 7 gennaio, Governo conferma

Orizzonte Scuola, 30.12.2020.

Si riparte almeno al 50%. “Le famiglie non si fidano”.

Riapertura scuola il 7 gennaio per il 50% degli studenti: il governo non intende rimandare l’avvio delle lezioni in presenza subito dopo l’Epifania. Più critici i sindacati. Nel frattempo si completano i documenti con i piani operativi per la ripartenza.

La posizione del governo sul rientro in presenza dei ragazzi delle secondarie di secondo grado non cambia: a scuola dal 7 gennaio per metà degli studenti.

Il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, durante la conferenza stampa di fine anno ha ribadito che sarà “un ritorno in classe dal 7 gennaio delle scuole secondarie di secondo grado con una didattica in presenza di almeno al 50%, ma nel segno della flessibilità”.

E così la ministra dell’Istruzione Lucia Azzolina – ricorda la decisione del Cts: “Le scuole superiori vanno riaperte anche in considerazione delle ultime valutazioni dell’Unione europea, secondo cui gli istituti scolastici non costituiscono un luogo pericoloso per il contagio”.

Se dal governo non sembrano esserci dubbi sulla ripartenza in sicurezza, non è lo stesso per i sindacati. “I messaggi incerti, 50% prima, 75% dopo una settimana, influenzano negativamente il rapporto con l’opinione pubblica”, avverte la segretaria generale della Cisl Scuola, Maddalena Gissi. Per questo, secondo la sindacalista “le famiglie stanno scegliendo l’educazione parentale proprio perché si fidano meno dell’organizzazione scolastica”.

“Abbiamo perso un’altra settimana per fare ciò che serve: aprire le scuole in presenza e in sicurezza”, denuncia il segretario generale della Uil Scuola, Pino Turi, “basta con la retorica e si faccia e non si dica”.

Regioni e Città si stanno organizzando per il rientro: Campania ripartirà per gradi, Milano cambierà gli orari non solo della scuola ma delle attività, il Lazio ha pubblicato una serie di FAQ per offrire ulteriori indicazioni sul piano scelto, il Piemonte va verso lo screening di docenti e studenti.

Più critico invece il governatore del Veneto, Luca Zaia – “l’apertura delle scuole superiori al 50% ma lo si potrà fare se ci saranno le condizioni e la valutazione dovrà essere stabilita dal dipartimento prevenzione. Se non ci fossero le condizioni allora sarebbe meglio aspettare un attimo”

Anche Firenze è pronta. Il sindaco Dario Nardella -afferma che “con la città metropolitana ci siamo attrezzati per garantire un piano di ripartenza al 75%. Ora il Governo non ci deluda, ma soprattutto non deluda i ragazzi. Noi non possiamo deludere questa generazione”.

.

.

.

.

.

.

.

.

 

Riapertura scuole 7 gennaio, Governo conferma ultima modifica: 2020-12-31T04:16:02+01:00 da Gilda Venezia
Gilda Venezia

Leave a Comment

Recent Posts

Il ministero dell’istruzione nel pallone

dalla Gilda degli insegnanti di Venezia, 22.4.2021. Draghi e Bianchi si sono arresi dopo l'intervento delle…

7 ore fa

Nuovo decreto Covid, le novità

di Alessandro Giuliani,  La Tecnica della scuola, 22.4.2021. Arrivano certificazioni verdi, novità su vaccinazioni, alunni…

7 ore fa

Decreto Covid, alunni alle superiori almeno al 70%: il Governo alza la quota nelle zone gialle e arancioni

di Alessandro Giuliani,  La Tecnica della scuola, 21.4.2021. Cambio dell’ultimo momento nella percentuale di presenza…

7 ore fa

Recalcati: “basta parlar male della Dad”!

di Gabriele Ferrante,  La Tecnica della scuola, 21.4.2021. “Basta parlar male della didattica a distanza!…

8 ore fa

Supplenze e maternità: illegittimo escludere dall’assunzione la lavoratrice madre in gravidanza

Obiettivo scuola, 21.4.2021. Il congedo di maternità è il periodo di astensione obbligatoria dal lavoro riconosciuto alla lavoratrice durante…

8 ore fa

Perdenti posto, chi arriva a domanda condizionata non deve andare in coda

di Lucio Ficara,  La Tecnica della scuola, 21.4.2021. Una nostra lettrice che insegna in Sardegna ci…

8 ore fa

Questo sito contiene cookie tecnici, analitici e terze parti per la migliore fruizione dei contenuti del sito anche mediante tracciamento delle attività nel sito. Per visualizzare la cookie policy e disabilitare i cookie diversi da quelli tecnici, clicca sul link sotto. Chiudendo questo banner e navigando sulla pagina, acconsenti all'uso dei cookie.

Clicca qui per visualizzare la cookie policy