Categorie: InsegnantiStampa

Riapertura scuole, decidono i politici o i virologi? Di certo, non si può sbagliare

di Alessandro Giuliani, La Tecnica della scuola, 6.4.2020

– Chi deciderà quando si tornerà a scuola, quando non ci sarà più il pericolo di contagio da Coronavirus? Il Governo o gli epidemiologi? Sono molti gli italiani che se lo chiedono. Il dubbio si è ampliato dopo lo scambio di battute, durante la trasmissione Che tempo che fa, andata in onda domenica 6 aprile su Rai Due, tra la ministra dell’Istruzione Lucia Azzolina e lo scienziato e divulgatore scientifico Roberto Burioni.

Il botta e risposta Azzolina-Burioni

La titolare del ministero dell’Istruzione ha confermato che per decidere quando torneranno otto milioni di alunni in classe e oltre un milione tra docenti, Ata e presidi, sarà decisivo “quello che le autorità sanitarie diranno”.

Il medico, accademico e divulgatore scientifico ha replicato che su un possibile ritorno a scuola degli alunni italiani “la scienza dice ‘prudenza’, ma poi tocca alla politica scegliere”.

Lucia Azzolina, ha quindi ribadito che “la politica sarà ancora più prudente e si assumerà tutte le responsabilità, mai e poi mai metteremo a rischio la vita degli studenti”.

Chi ha ragione?

Quindi, come se ne esce? Ha ragione Matteo Renzi, quando dice che non bisogna commettere l’errore di far scegliere alla scienza, ma è la politica a tenere in mano l’economia del Paese? Si può pensare che in una condizione di reale pericolo di contagio si possa davvero, dopo Pasqua, riaprire le fabbriche e, a seguire, le librerie, le messe,negozi e le scuole?

Ha ragione il virologo milanese Fabrizio Pregliasco, quando sostiene che “le misure devono restare stringenti fino a dopo Pasqua” e “ritardando l’ingresso a scuola dei piccoli, che possono essere veicolo del virus”?

Un ritorno a breve è improponibile

A sentire gli italiani, probabilmente no. A sentire, il popolo della scuola, certamente no.

Negli ultimi giorni, alla nostra redazione sono giunte indicazioni – lettere, e-mail, commenti agli articoli e altro – tutti connotati dallo stesso pensiero: tornare a scuola in queste condizioni, con centinaia di persone che ogni giorno perdono la vita e i tanti contagi ancora in atto, è una richiesta improponibile.

L’opposizione dei genitori

Moltissimi genitori, ad esempio, hanno detto chiaro e tondo che non manderebbero i figli a scuola per pochi giorni e qualche settimana di lezione.

E non c’è da biasimarli. Pensare, infatti, che a breve la situazione di pericolo possa cambiare radicalmente è auspicabile. Ma non si può andare oltre alla speranza.

Se anche se i contagi “interni” si dovessero azzerare, infatti, chi può garantire che non via siano ritorni di contagio, come sta accadendo in Cina proprio in queste ore?

Pensare che anche uno degli oltre otto milioni di alunni e studenti possa ritrovarsi ricoverato in ospedale per avere preso il Coronavirus a causa di un ritorno affrettato a scuola, sarebbe imperdonabile.

Ma c’è anche la particolare condizione riguardante la mission della scuola che propende per un ritorno tutt’altro che affrettato: tornarci tra due settimane, due mesi o cinque mesi non comporterebbe alcun danno produttivo.

L’eccesso di prudenza va apprezzato

Su questo punto, ha ragione Azzolina quando dice che le scuole dovranno riaprire quando non sarà alcun rischio: l’eccesso di prudenza è da apprezzare.

Siamo invece meno d’accordo con la ministra dell’Istruzione, quando dice che il via libera dovranno darlo gli scienziati. Il ritorno in classe, quando si realizzerà, lo decideranno i politici. Certamente sulla scorta delle indicazioni dei virologi. Ma la responsabilità ultima sarà di chi firmerà i decreti. E di certo, quella decisione dovrà essere corretta.

.

.

.

.

 

.

.

.

.

 

.

.

.

.

 

 

Riapertura scuole, decidono i politici o i virologi? Di certo, non si può sbagliare ultima modifica: 2020-04-06T05:31:00+02:00 da Gilda Venezia
Gilda Venezia

Leave a Comment
Share
Pubblicato da
Gilda Venezia

Recent Posts

Esami di Stato nel 1 e 2 grado. Come si svolgono

dalla Gilda degli insegnanti di Venezia, 6.6.2020. Proponiamo due schede normative predisposte dall'USR per la Campania sullo svolgimento…

3 ore fa

Dietro lo schermo del Pc i problemi della nostra scuola nella didattica a distanza

di Monica Mincu e Rita Locatelli,  La Voce.info, 4.6.2020. Le difficoltà della didattica a distanza…

5 ore fa

Ferie docenti, il Ds non può negarle per i mesi di luglio e agosto

di Lucio Ficara, La Tecnica della scuola, 5.6.2020. Una docente ci chiede se è legittimo il…

5 ore fa

Barriere di plexiglass a scuola, il parere dello psicologo: “L’idea fa rabbrividire, è come vedere i bimbi al guinzaglio”

di Andrea Carlino, La Tecnica della scuola, 5.6.2020. Fa discutere l’idea del governo di inserire barriere…

6 ore fa

Barriere di plexiglass a scuola, l’idea è del comitato tecnico scientifico

di Andrea Carlino, La Tecnica della scuola, 5.6.2020. Le barriere di plexiglass a scuola per il…

6 ore fa

Ritorno a scuola subito, in Veneto esami in presenza per gli studenti dei professionali

di Alessandro Giuliani, La Tecnica della scuola, 5.6.2020. Non toccherà solo ai 500 mila studenti della…

6 ore fa

Questo sito contiene cookie tecnici, analitici e terze parti per la migliore fruizione dei contenuti del sito anche mediante tracciamento delle attività nel sito. Per visualizzare la cookie policy e disabilitare i cookie diversi da quelli tecnici, clicca sul link sotto. Chiudendo questo banner e navigando sulla pagina, acconsenti all'uso dei cookie.

Clicca qui per visualizzare la cookie policy