Categorie: Riforma-News

Rientro in classe, i nodi e le novità: dal panino a scuola al test di inglese in terza media

di Valentina Santarpia, Il Corriere della sera, 8.9.2017

La questione del pasto da casa resta non definita. Il Miur è in attesa della sentenza della Cassazione. Intanto però si aprono nuovi fronti di battaglia. Arriva in terza media il test d’inglese all’interno dell’Invalsi. E resta il nodo delle reggenze dei dirigenti scolastici

Torino ha fatto da capofila, Firenze l’ha seguita, Genova si sta accodando e un nuovo fronte si sta aprendo nel Lazio e in Puglia. La battaglia della «schiscetta» a scuola, ovvero del pasto domestico al posto della mensa, sta avanzando in tutta Italia a suon di sentenze di tribunale. Il ministero dell’Istruzione finora ha solo emesso una circolare per equipararlo a un pasto speciale, ma attende una sentenza definitiva della Corte di cassazione per pronunciarsi. In Senato c’è un disegno di legge che vorrebbe bloccarlo: «È stato scritto dalle ditte di ristorazione», protesta l’avvocato Guido Vecchione, che difende migliaia di famiglie. Che dovranno barcamenarsi tra presidi, tribunali e uffici scolastici per difendere il panino da casa.

Un test di lingua straniera alla fine delle medie che entra nel curriculum
Alla fine della scuola media i ragazzi dovranno dimostrare di avere almeno un livello di conoscenza A2 dell’inglese: e lo faranno con i nuovi test Invalsi, che saranno somministrati in aprile, in date diverse nelle varie scuola. I risultati non saranno parte dell’esame di terza media, ma segnati nel curriculum. «Chiederemo un posizionamento sul reading e sul listening e valuteremo l’use of English incrociando i risultati», anticipa la presidente dell’Istituto di valutazione, Annamaria Ajello. «I test saranno realizzati con i computer e corretti automaticamente». La novità entrerà in vigore dalla primavera alle scuole medie. E l’anno prossimo (2018-2019) per i maturandi. Gli alunni della primaria effettueranno ancora i test cartacei.

La babele delle reggenze. Il concorso per i presidi è stato ancora rinviato
Mancano 799 presidi all’appello per completare la pianta organica, ci sono attualmente 1.133 reggenze, ovvero un preside che gestisce più scuole, e a settembre 450 posti si libereranno per i pensionamenti, ma ci saranno solo 259 assunzioni. E il bando per il nuovo concorso per presidi, annunciato mesi fa, è stato rinviato ancora una volta. Ora manca la pubblicazione in Gazzetta ufficiale del regolamento. «In totale stimo in 3.000 le presidenze che andranno a reggenza l’anno prossimo», dice Giorgio Rembado, presi-dente dell’associazione nazionale presidi, che da maggio si batte per un riconoscimen-to, anche economico, dei 7.273 dirigenti scolastici italiani. Le situazioni più critiche? In Lombardia e Veneto.

.

.

Rientro in classe, i nodi e le novità: dal panino a scuola al test di inglese in terza media ultima modifica: 2017-09-08T15:08:43+02:00 da Gilda Venezia
Gilda Venezia

Share
Pubblicato da
Gilda Venezia

Recent Posts

Tfa sostegno. Scheda sintetica

di Antonietta Toraldo, dalla Gilda degli insegnanti di Napoli, 16.2.2020 — Numero posti — Pubblicazione…

36 minuti fa

100 euro netti tra taglio del cuneo e contratti»

di Lorena Loiacono, Il Messaggero,  17.2.2020 - Uno sciopero imminente da scongiurare e le richieste…

57 minuti fa

Contratti insegnanti, bassi aumenti. Di chi la colpa?

Informazione scuola, 15.2.2020 - Il problema vero é quello di sganciarsi dal pubblico impiego, altrimenti…

1 ora fa

Secondaria di I grado. Le bozze dei programmi d’esame

dalla Gilda degli insegnanti di Venezia, 17.2.2020 Pubblichiamo gli stralci (non ancora definitivi) della bozza…

1 ora fa

Collaboratori dirigente scolastico, una risorsa indispensabile per la scuola?

di Reginaldo Palermo, La Tecnica della scuola, 16.2.2020 - Valorizzare e promuovere la professionalità del personale…

2 ore fa

Fornero: in Italia non si ha rispetto per le opinioni altrui

di Alessandro Giuliani, La Tecnica della scuola, 16.2.2020 - “Vediamo un paese che non ha più…

2 ore fa

Questo sito contiene cookie tecnici, analitici e terze parti per la migliore fruizione dei contenuti del sito anche mediante tracciamento delle attività nel sito. Per visualizzare la cookie policy e disabilitare i cookie diversi da quelli tecnici, clicca sul link sotto. Chiudendo questo banner e navigando sulla pagina, acconsenti all'uso dei cookie.

Clicca qui per visualizzare la cookie policy