Riforma Pensioni 2017 – L’interrogazione sull’aspettativa di vita (ultime notizie)

sussidiario_logo3

di Lorenzo Torrisi,  il Sussidiario, 18.11.2017

Riforma pensioni 2017, oggi 18 novembre. L’interrogazione sull’aspettativa di vita. Tutte le novità e le ultime notizie sui principali temi previdenziali.

INTERROGAZIONE SULL’ASPETTATIVA DI VITA

È sempre più probabile che l’età pensionabile verrà portata a 67 anni a partire dal 2019. Il Governo ha ribadito la volontà di non fermare l’aumento dei requisiti pensionistici in virtù dell’aspettativa di vita se non per alcune categorie di lavoratori, partendo dai cosiddetti lavori gravosi. Non è da escludere tuttavia che il confronto con i sindacati, atteso oggi, non porti alla fine ad aumentare la platea degli “esonerati”. Maurizio Bianconi però non ci sta e critica l’Istat, che ha fornito il dato sull’aspettativa di vita che serve da base per l’incremento futuro dell’età pensionabile. Il deputato del gruppo misto ha quindi deciso di presentare un’interrogazione urgente al Premier Gentiloni e al ministro Poletti “per sapere come intendano dipanare l’imbroglio dei conteggi fasulli sull’età media della, mai abbastanza vituperata, Legge Fornero”.

Nel testo dell’interrogazione Bianconi fa notare che all’inizio del 2017 l’Istat “rendeva noto che la speranza di vita media per gli italiani si era abbassata di 6 mesi e veniva notato che ciò accadeva per la prima volta, dopo gli esiti della Prima guerra mondiale”. Per il deputato  è importante “mettere in luce come oggi inopinatamente si parli di un dato statistico di segno completamente opposto, al fine dell’ innalzamento dell’età pensionabile”. Bianconi aggiunge che “la questione appare di rilevante gravità perché ci fa interrogare – quantomeno – sulla oggettiva attendibilità dei dati statistici recenti, peraltro funzionali ad un risparmio di spesa pubblica”. Vedremo quale sarà la risposta degli esponenti del Governo.

RIZZETTO “PROMUOVE” QUOTA 41

Fratelli d’Italia ha organizzato a Viterbo una serie di incontri al Caffè letterario, cui ha partecipato anche Walter Rizzetto. tusciaweb.it riporta alcune delle parole del vicepresidente della commissione Lavoro della Camera riguardo il tema delle pensioni. “Dopo 41 anni di lavoro le persone non ce la fanno più, ma non possono andare in pensione, perché rispetto alla Fornero e all’aspettativa di vita, non è ancora il momento. È una manovra, da abbattere totalmente”, ha spiegato Rizzetto, chiarendo che a suo modo di vedere quando c’è stato il passaggio dal sistema retributivo a quello contributivo si è commesso un errore: si sarebbe dovuto stabilire un limite minimo di contributo con il quale poter decidere di andare in pensione, prendendo un po’ meno. Il deputato di Fratelli d’Italia ha anche ricordato che le carriere discontinue che sta caratterizzando questi anni porterà a pensioni basse nel futuro specialmente dei più giovani.

BOCCIA: PIÙ ATTENZIONE AI GIOVANI

Vincenzo Boccia non ha dubbi: bisogna mettere al centro dell’attenzione il lavoro, in particolare dei giovani. Durante l’assemblea pubblica degli industriali in corso A Salerno, il Presidente di Confindustria ha detto di non comprendere bene “perché da un lato si mettono sul piatto 300 milioni di euro per le pensioni, mentre non si riescono a trovare 5 milioni per raddoppiare la dotazione degli Its, che rappresentano il futuro, la scuola, la formazione”. Secondo quanto riporta Il diario del lavoro, Boccia ha spiegato che occorre “equità generazionale e noi lavoreremo anche per questo”. Dal suo punto di vista è necessario “far intervenire i nativi digitali nel mondo del lavoro e costruire un progetto di vita per i nostri giovani, in particolare quelli del Mezzogiorno”. Già in passato il leader degli industriali si era espresso contro interventi sulle pensioni nella Legge di bilancio.

.

.

Riforma Pensioni 2017 – L’interrogazione sull’aspettativa di vita (ultime notizie) ultima modifica: 2017-11-18T06:55:16+01:00 da Gilda Venezia
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com

GILDA VENEZIA - Associazione Professionale GILDA degli INSEGNANTI - Federazione Gilda Unams

webmaster: Fabio Barina



Sito realizzato da Venetian Navigator 2 srl