Categorie: Senza categoria

Ritorno a scuola, i docenti non sono obbligati a fare didattica nei nuovi locali esterni. Rusconi (Anp): troppe responsabilità

di Alessandro Giuliani, La Tecnica della scuola, 5.7.2020.

In vista del rientro a scuola a settembre, non c’è solo il problema dei tempi ristretti per l’individuazione e degli adattamenti dei nuovi spazi – 70 mila nuove aule o tensostrutture – dove collocare gli alunni in eccesso delle classi numerose dove non si rispetterebbe la distanza minima, oltre che dell’incremento adeguato di docenti e Ata: a rendere la situazione ancora più complicata per la gestione dei locali esterni, ci sono ora delle considerazioni dei sindacati sulle responsabilità dei dirigenti scolastici, sulla sicurezza, sulle mancate certificazioni, sui problemi della pulizia, sui banchi monoposto da acquistare, sui trasporti da utilizzare per raggiungere le sedi. Infine, non vi sarebbe alcun obbligo contrattuale da parte di docenti nello svolgere attività didattica ordinaria al di fuori della sede di servizio. Si tratta di diverse criticità oggettive sulle quali fino ad oggi non si sono mai soffermati nemmeno i promotori politici più fervidi delle attività scolastiche anche nei musei e nelle biblioteche, a partire dalla viceministra Anna Ascani (Pd) e dal presidente della VII commissione della Camera Luigi Gallo (M5S).

Rusconi (Anp Lazio): non rientra nelle loro competenze

Ad evidenziare i vulnus sulla didattica fuori scuola è stato il Consiglio Regionale dell’Anp Lazio, che il 3 luglio si è riunito a distanza per un confronto sulle criticità connesse con la ripresa delle attività didattiche in presenza a settembre.

“I dirigenti scolastici – sostiene Mario Rusconi, presidente Anp Lazio – non intendono andare alla ricerca di locali, in quanto tale azione non rientra nelle loro competenze”.

Inoltre, continua Rusconi, i presidi “non possono assumere le responsabilità connesse con la sicurezza e il DVR di ambienti che non conoscono e su cui non hanno margini di azione.”

Il sindacalista si sofferma, quindi, su mancato “obbligo”, poiché “non è previsto nel CCNL del comparto scuola né in altra fonte normativa, dei docenti di recarsi a svolgere attività didattiche in essi, con relative responsabilità nella vigilanza degli studenti e senza supporto di collaboratori scolastici”.

In pratica, Rusconi sostiene che i docenti potrebbero puntare i piedi, contratto alla mano, e sostenere di non essere tenuti a recarsi nei locali individuati, adducendo motivi legati alla mancata sicurezza e sorveglianza degli alunni.

Banchi introvabili e trasporti in alto mare

Un altro punto spinose è quello dei banchi monoposto: “sono già ora introvabili sul mercato – dice il leader di Anp Lazio – e la produzione non potrà mai soddisfare la richiesta su scala nazionale. Si chiede di capire come debbano muoversi i DS rispetto a questa accertata indisponibilità”.

Rusconi ha anche sollevato il problema dei trasporti da utilizzare per recarsi a scuola a settembre: “nelle province del Lazio è tutto fermo da parte degli enti locali nell’attivazione di tavoli di confronto e di rimodulazione degli orari dei trasporti pubblici”.

 

 

.

.

.

.

.

.

.

.

Ritorno a scuola, i docenti non sono obbligati a fare didattica nei nuovi locali esterni. Rusconi (Anp): troppe responsabilità ultima modifica: 2020-07-05T16:27:05+02:00 da Gilda Venezia
Gilda Venezia

Leave a Comment
Share
Pubblicato da
Gilda Venezia

Recent Posts

Fine ingloriosa della DAD, da salvifica a “gravemente dannosa”

di Anna Maria Bellesia,  La Tecnica della scuola, 21.1.2021. Nata con il lockdown della primavera 2020…

9 minuti fa

Maturità 2021: date, novità, prove, commissioni e come si calcola il voto

di Laura Pellegrini, Money.it, 21.1.2021. Tutto quello che occorre sapere sulla Maturità 2021: data di…

2 ore fa

L’ordine del giorno degli organi collegiali

Avv. Marco Barone, Orizzonte Scuola, 21.1.2021. Norma, scopo, trasparenza, quando si rischia procedura penale. È uno…

6 ore fa

Graduatorie di Istituto, II fascia: no a equipollenza dottorato di ricerca e abilitazione all’insegnamento

di Rosalba Sblendorio, Reti di Giustizia, 19.1.2021. Si torna a discutere sulla questione del mancato riconoscimento del titolo…

8 ore fa

Scuola obbligatoria a 5 anni, se ne parla da molto tempo ma per ora non si muove nulla

di Carmelina Maurizio,  La Tecnica della scuola, 20.1.2021. In Italia si discute da tempo sull’inizio dell’obbligo…

10 ore fa

Scuola digitale, ecco la piattaforma del Ministero per la formazione sulla DDI

di Lara La Gatta,  La Tecnica della scuola, 20.1.2021. È on-line la nuova piattaforma del Ministero…

10 ore fa

Questo sito contiene cookie tecnici, analitici e terze parti per la migliore fruizione dei contenuti del sito anche mediante tracciamento delle attività nel sito. Per visualizzare la cookie policy e disabilitare i cookie diversi da quelli tecnici, clicca sul link sotto. Chiudendo questo banner e navigando sulla pagina, acconsenti all'uso dei cookie.

Clicca qui per visualizzare la cookie policy