Ruolo del tutor per i docenti neoassunti, vale come formazione obbligatoria. Come farselo riconoscere

di Katjuscia Pitino, Orizzonte Scuola, 21.3.2018

– E’ vero che la Nota n.33989 del 2017, nella parte dedicata al ruolo dei tutor dei docenti neo-assunti durante il periodo di formazione e prova, indica la possibilità di valorizzare e riconoscere la figura del tutor per il ruolo rivestito nell’ambito della funzione assegnata; la nota ministeriale afferma infatti che le attività svolte (progettazione, osservazione, documentazione) potranno essere attestate e riconosciute dal Dirigente Scolastico come iniziative di formazione previste dall’art.1 comma 124 della L.107/2015.

Anche nel Piano per la formazione dei docenti (2016/2019), emanato con D.M. 797 del 2016 tra i percorsi formativi possibili che le scuole possono riconoscere, come esternazione della professionalità docente, sono indicati i ruoli di tutoraggio svolti per i docenti neoassunti (cap.6 del Piano). Pertanto il lavoro del tutor, impegnato nel supporto alla formazione dei docenti neoassunti, potrà determinarsi come unità formativa.

Tuttavia alla base del riconoscimento delle attività svolte per la funzione di tutor è importante precisare che il Piano triennale di formazione, deliberato a livello di istituzione scolastica, contempli anche la valorizzazione di tali attività.

Peraltro tutto ciò è ribadito dal Piano Nazionale: ogni unità formativa, dovrà indicare la struttura di massima del percorso formativo, in modo che lo si possa riconoscere e documentare relativamente alle attività e all’impegno. Preme sottolineare che l’unità formativa, come erroneamente si crede, non equivale automaticamente all’acquisizione di 24 crediti formativi, comparabili al sistema de CFU universitari e professionali.

Le attività svolte dal tutor possono essere riconosciute, ma alla base del riconoscimento del lavoro, stando a quello che dice il PN, deve esserci la strutturazione di un percorso, definito a priori che informi e documenti sull’intero iter formativo compiuto e che si inserisca nel più ampio quadro progettuale della scuola.

.

.

.

Ruolo del tutor per i docenti neoassunti, vale come formazione obbligatoria. Come farselo riconoscere ultima modifica: 2018-04-07T06:48:01+02:00 da Gilda Venezia
Gilda Venezia

Leave a Comment
Share
Pubblicato da
Gilda Venezia

Recent Posts

Decreto scuola, verso l’approvazione con alcune novità

di Andrea Carlino, La Tecnica della scuola, 4.4.2020 - La didattica a distanza diventa obbligatoria -…

2 ore fa

Le economie del FIS possono essere destinate anche a finalità diverse da quelle originarie

dall'ARAN, 31/03/2020 - E’ possibile, nell’anno scolastico in corso, destinare le economie del fondo d’istituto…

6 ore fa

DAD: firmando il registro elettronico si rischia il reato di falso ideologico?

di Aldo Domenico Ficara, Regolarità e Trasparenza nella Scuola, 5.4.2020 - La Corte di Cassazione,…

7 ore fa

“Tutti Promossi”?

inviata da Claudio Mordenti, 5.4.2020 - Lettera aperta alla Ministra dell’Istruzione Lucia Azzolina e agli organi di…

9 ore fa

Coronavirus, a settembre servirà un altro modello di scuola

dal blog di Gianfranco Scialpi, 4.4.2020 - Coronavirus, probabilmente l’anno scolastico 2019-20 si è concluso…

12 ore fa

Coronavirus, scuola: tutti promossi? “No, mortifica chi s’è impegnato” “Sì, è ragionevole”

Bergamo News, 5.4.2020 - “No, mortifica chi s’è impegnato” - “Sì, è ragionevole” - Tutti…

14 ore fa

Questo sito contiene cookie tecnici, analitici e terze parti per la migliore fruizione dei contenuti del sito anche mediante tracciamento delle attività nel sito. Per visualizzare la cookie policy e disabilitare i cookie diversi da quelli tecnici, clicca sul link sotto. Chiudendo questo banner e navigando sulla pagina, acconsenti all'uso dei cookie.

Clicca qui per visualizzare la cookie policy