Scontro nel governo (e fuori) sulla chiusura delle scuole in Puglia

Il Sole 24 Ore, 30.10.2020.

La chiusura delle scuole in Puglia, decisa dal presidente Emiliano, dopo quella in Campania per mano del governatore De Luca, non è piaciuta affatto alla ministra dell’Istruzione Lucia Azzolina che ha assunto una ferma presa di posizione e attaccato, senza nominarlo, il governatore pugliese. Al suo fianco la ministra ha trovato il commissario per l’emergenza Domenico Arcuri: «Non risulta – ha detto – che la scuola faccia crescere i contagi». Ma in maggioranza sono arrivate bordate dai dem, pronti a difendere Emiliano.

Il post di Azzolina

«La Regione Puglia – ha scritto la ministra sui social – ha sospeso le attività didattiche in presenza definendo ‘impressionante’ il numero dei contagi. Eppure si tratta di 417 studenti risultati positivi su una popolazione studentesca di 562 mila. La stessa Regione ha poi ammesso che il problema in realtà non è la diffusione del virus all’interno delle scuole ma l’organizzazione del lavoro della Sanità regionale. Si riaprano al più presto le scuole, evitando conseguenze gravi, presenti e future, per gli studenti e per le famiglie». Per la titolare del ministero di viale Trastevere, «pensare di risolvere il problema chiudendo le scuole è una mera illusione. Perché i ragazzi escono, anzi usciranno di più e rischieranno di contagiarsi. A scuola invece, non solo ci sono misure di sicurezza, ma anche protocolli che permettono controllo e tracciamento. La scuola non è “un problema” come qualcuno ha scritto. La scuola è futuro e speranza».

La replica del governatore

Dal canto suo Emiliano, senza mai nominare la ministra ma chiaramente rivolgendosi a lei, ha risposto in modo duro: «Sospendendo la didattica in presenza ho esercitato le mie legittime prerogative previste dalla legge, come il presidente del Consiglio ha esercitato le sue con i vari Dpcm che ha emesso. Se ho qualcosa da dire al Governo o al presidente Conte lo faccio nella sede competente in riservatezza e senza polemizzare pubblicamente». Per tutta la giornata sono girate notizie sul ritiro dell’ordinanza di chiusura delle scuole da parte di Emiliano ma il governatore ha smentito: «È falso». Da oggi, dunque, oltre mezzo milione di alunni pugliesi rimarrà a casa, con quasi 24 mila classi che rimarranno chiuse.

Lo scontro a livello nazionale

Accanto ad Emiliano sono scesi in campo il vicesegretario del Pd Andrea Orlando ( «ll Dpcm, ha detto, prevede che le Regioni debbano assumere ulteriori misure necessarie, rispetto a quelle già previste, a contenere la pandemia. I ministri che criticano l’esercizio di questi poteri evidentemente non hanno letto il Dpcm o non lo condividono) e il ministro della Cultura, Dario Franceschini. Mentre Italia Viva invece è sulla linea della ministra dell’Istruzione: «La chiusura della scuola – ha scandito la ministra dell’Agricoltura, Teresa Bellanova – è un disastro enorme e dovrebbe far tremare le vene ai polsi, la scelta della Puglia è scellerata. Credo che il governo debba impugnare queste delibere, la scuola non si può chiudere sapendo che non è la fonte della diffusione del Covid: bisogna affrontare il problema dei trasporti».

.

.

.

.

.

 

Scontro nel governo (e fuori) sulla chiusura delle scuole in Puglia ultima modifica: 2020-10-30T06:14:19+01:00 da Gilda Venezia
Gilda Venezia

Leave a Comment

Recent Posts

Covid, la bozza delle linee guida Ue per Natale

di F.Q.  Il Fatto Quotidiano, 1.12.2020. “Allungare le vacanze scolastiche per evitare la diffusione dei…

2 ore fa

Ammalarsi costa fatica ed anche denaro

di Antonio Marchetta, Orizzonte Scuola, 1.12.2020. La decurtazione dello stipendio in caso di malattia fino a…

11 ore fa

Ricambio d’aria contro il Covid, le scuole ferme alle finestre aperte

di Carlo Forte,  ItaliaOggi 1.12.2020. Studio multidisciplinare sulla ventilazione. Scarsa ventilazione delle aule e sovraffollamento rischiano…

12 ore fa

Anno di prova e giorni di servizio: cambia qualcosa con il covid?

di Vito Carlo Castellana, InfoDocenti.it, 1.12.2020. Molti docenti neo immessi si chiedono se cambi qualcosa ai tempi…

13 ore fa

Cds: l’emergenza Covid-19 giustifica la stretta sulla scuola

di Carlo Forte,  ItaliaOggi 1.12.2020. Il diritto alla salute prevale sul diritto all'istruzione La suprema magistratura…

14 ore fa

La nuova medicina INVALSI per la scuola in difficoltà: i test a uso locale

di Rossella Latempa, Roars, 30.11.2020. In pieno spirito natalizio, tenendo fede alla parola data durante la…

16 ore fa

Questo sito contiene cookie tecnici, analitici e terze parti per la migliore fruizione dei contenuti del sito anche mediante tracciamento delle attività nel sito. Per visualizzare la cookie policy e disabilitare i cookie diversi da quelli tecnici, clicca sul link sotto. Chiudendo questo banner e navigando sulla pagina, acconsenti all'uso dei cookie.

Clicca qui per visualizzare la cookie policy