Scuola, a giugno debutta il nuovo esame di terza media: per l’ammissione prova Invalsi d’inglese

– Per essere ammessi al nuovo esame di terza media, che debutterà a giugno, bisognerà «aver partecipato» (a prescindere, però, dal voto ottenuto) alle prove nazionali Invalsi in italiano, matematica e – è un’altra novità – inglese (la prova Invalsi viene così anticipata in corso d’anno – si svolgerà ad aprile – ed esce definitivamente dall’esame). È pronto il decreto che, in 18 articoli, attuando la legge 107, modifica gli esami di terza media. Le novità entreranno subito in vigore: interesseranno i circa 550mila studenti che, da pochi giorni, hanno iniziato l’ultimo anno delle medie.

I requisiti d’ammissione: almeno tre quarti del monte ore
L’ammissione alle prove finali, oltre all’aver partecipato alle prove Invalsi, resta subordinata pure alla frequenza di almeno tre quarti del monte ore annuale; e in più alla valutazione globale. L’eventuale non ammissione all’esame (nei casi di insufficienza in una o più discipline) dovrà essere motivata dal consiglio di classe.
Meno prove per l’esame
Il nuovo esame si semplifica. Gli scritti diventano tre: italiano, matematica, lingue straniere (inglese e seconda lingua comunitaria), più il colloquio orale (per accertare le competenze trasversali). Si torna, poi, a dare più valore al percorso scolastico.

Tre tracce per la prova d’italiano
La commissione predisporrà tre tracce, che potranno spaziare da un testo narrativo, argomentativo, relazione su un argomento di studio (attinente alle discipline citate dalle Indicazioni nazionali), analisi o sintesi di un testo letterario, divulgativo, scientifico. La prova potrà essere strutturata in più parti per consentire la verifica delle competenze di comprensione e produzione di un testo.

La prova di matematica
Anche per le competenze logico-matematiche (numeri, spazio e figure, relazioni e funzioni, dati e previsioni) la commissione predisporrà almeno tre tracce, che punteranno su: problemi articolati, quesiti a risposta multipla, o quesiti a risposta aperta. Poi se ne sceglierà una.

La prova di lingue: accertare il livello A2 per l’inglese
La prova scritta di lingue straniere dovrà invece accertare il Livello A2 per l’inglese, e il Livello A1 per la seconda lingua comunitaria. La prova sarà articolata, quindi, in due sezioni distinte: inglese e seconda lingua. Si potranno proporre agli studenti questionari, completamenti di un testo, elaborazione di un dialogo (su una traccia definita); ma anche lettere o mail, o sintesi di un testo scritto.

Il colloquio: dal pensiero critico al collegamento fra le materie
L’orale infine viene condotto collegialmente da parte della commissione. Qui si accerteranno anche pensiero critico e capacità di collegamento tra le varie discipline di studio.

Votazione finale non inferiore a sei decimi per essere promossi
L’esame di terza media si supera con una votazione finale non inferiore a sei decimi. La lode si potrà assegnare con decisione all’unanimità della commissione.

.

.

 

Scuola, a giugno debutta il nuovo esame di terza media: per l’ammissione prova Invalsi d’inglese ultima modifica: 2017-09-23T15:36:02+02:00 da Gilda Venezia
Gilda Venezia

Share
Pubblicato da
Gilda Venezia

Recent Posts

Coronavirus, viaggi di istruzione: diritto recesso e rimborsi

Orizzonte Scuola, 26.2.2020 - Pubblicato, come riferito, il DPCM  del 25 febbraio 2020, recante misure…

6 secondi fa

Pensione, arriva il cedolino su web spiega-tutto

di Alessandro Giuliani, La Tecnica della scuola, 26.2.2020 - Arriva un nuovo servizio Inps: è il…

4 ore fa

Concorso straordinario: legittima la mancata equiparazione tra servizio svolto presso le scuole paritarie e statali

di Rosalba Sblendorio, Reti di Giustizia, 25.2.2020 - Con sentenza n. 45 del 15 gennaio 2020 il…

4 ore fa

L’insegnante specializzato nella scuola dell’inclusione

di Giovanni Maffullo,  Superando, 25.2.2020 - «Nel corso di venticinque anni – scrive Giovanni Maffullo, insegnante…

5 ore fa

Didattica inclusiva ed esclusione sociale. Analisi di un paradosso

di Carlo Scognamiglio,  Roars, 25.2.2020 1. Con una nota del 3 aprile scorso il Ministero dell’Istruzione…

5 ore fa

«Scuola, basta bufale sui social Lezioni perse? Le faremo online»

 Leggo, 25.2.2020 - Lucia Azzolina, ministro dell'Istruzione: negli ultimi giorni ha dovuto smentire più volte…

5 ore fa

Questo sito contiene cookie tecnici, analitici e terze parti per la migliore fruizione dei contenuti del sito anche mediante tracciamento delle attività nel sito. Per visualizzare la cookie policy e disabilitare i cookie diversi da quelli tecnici, clicca sul link sotto. Chiudendo questo banner e navigando sulla pagina, acconsenti all'uso dei cookie.

Clicca qui per visualizzare la cookie policy