Scuola, apertura a singhiozzo. “Un istituto su quattro avrà problemi”

di Corrado Zunino,  la Repubblica, 13.9.2020.

Dodici regioni mantengono l’avvio dell’anno scolastico per domani, ma nel Lazio un terzo dei plessi resterà chiuso e in Sicilia via solo alle superiori. In Emilia Romagna autorizzate le mascherine di stoffa. La Cisl: il 25 per cento parte senza certezze. La ministra Azzolina: “Piccole criticità”.

Gilda Venezia

ROMA – La ministra Lucia Azzolina le chiama, da settimane, “piccole criticità”. La Cisl calcola: “Una scuola su quattro non partirà  normalmente”. Molti istituti scolastici italiani, semplicemente, non aprono. Sette regioni su venti rinviano l’avvio dell’anno scolastico 2020-2021 e anche nei territori in un cui la partenza legale è prevista per domani, lunedì 14 settembre, le piccole criticità sono montagne da scalare.

Dice l’assessore alla Scuola del Lazio, Claudio Di Berardino, in un’intervista pubblicata oggi su Repubblica: “Nella nostra Regione un istituto su tre non ce la fa e deve rimandare l’apertura, sedicimila studenti sono ancora senza un’aula”. In Sicilia, altra regione con il calendario fissato su lunedì, in verità aprono soltanto le scuole superiori. Per primarie e medie mancano sedie, banchi, docenti.

Delle sette regioni che hanno posticipato, la Campania è quella in maggiore difficoltà. Il presidente Vincenzo De Luca fa sapere: “Non so se riusciremo a farcela neppure per il 24 settembre”.

Ogni territorio ha a che fare con problemi simili e distinti. La Spezia in Liguria– nella città militare i contagi sono ancora alti – e Viterbo nel Lazio si sono arrese: partenza posticipata. La Flc Cgil sostiene che, per ora, sono arrivati 200.000 monobanchi dei 2,4 milioni previsti, che, comunque, il contratto del bando Arcuri si è impegnato a consegnare entro fine ottobre. Mancano anche le mascherine promesse gratis per studenti, professori e bidelli. I presidi di tutta Italia, a partire dal Lazio, lo ribadiscono, Domenico Arcuri assicura che entro domani tutti avranno scorte sufficienti per affrontare la prima settimana. L’Ufficio scolastico per l’Emilia Romagna ha autorizzato preventivamente l’utilizzo in classe delle protezioni di stoffa. A Bari il sindaco Antonio Decaro rivela: “I soldi per l’affitto di locali extra scolastici sono arrivati solo due giorni fa e sono pochi, 70 milioni per trecento richieste”.

Il capitolo supplenti è delicato ed emergenziale. Non si sono ancora chiuse le nomine attraverso il contestato sistema Gps. A Torino e a Milano, per esempio, e in quest’ultima città metropolitana i sindacati hanno chiesto formalmente al prefetto di occuparsi della questione. Restano vuoti preoccupanti sul sostegno. La mancanza di 250.000 cattedre di ruolo in tutta Italia – sarebbe un primato dell’era moderna se i numeri fossero confermati – rende la partenza un vero e proprio problema didattico.

.
.
.
.
.
.
.
.
Scuola, apertura a singhiozzo. “Un istituto su quattro avrà problemi” ultima modifica: 2020-09-14T05:11:11+02:00 da Gilda Venezia
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com

GILDA VENEZIA - Associazione Professionale GILDA degli INSEGNANTI - Federazione Gilda Unams

webmaster: Fabio Barina



Sito realizzato da Venetian Navigator 2 srl