Scuola, come si diventa insegnanti di sostegno?

di Luigi Rovelli, Scuola in Forma, 27.3.2021.

Andiamo a vedere quali sono i requisiti necessari e i passaggi per arrivare all’insegnamento.

Scuola, come si diventa insegnanti di sostegno? Andiamo a vedere quali sono i requisiti necessari e i passaggi da effettuare per arrivare all’insegnamento.

Come si diventa docenti di sostegno?

Innanzitutto, occorre conseguire il titolo di specializzazione su sostegno: una volta conseguito, questo rappresenterà il principale requisito d’accesso per i concorsi su posti di sostegno.

Tfa sostegno infanzia e primaria

Quali sono i requisiti necessari per gli insegnanti della scuola primaria e della scuola dell’infanzia? Questi sono:

  • L’abilitazione all’insegnamento conseguita presso i corsi di laurea in scienze della formazione primaria o analogo titolo conseguito all’estero e riconosciuto in Italia ai sensi della normativa vigente.
  • Il diploma di magistrale abilitante e il diploma sperimentale a indirizzo linguistico o analogo titolo conseguito all’estero e riconosciuto in Italia ai sensi della normativa vigente, in tutti i casi conseguiti entro l’anno scolastico 2001\2002.

Tfa sostegno scuola secondaria

Per poter avere accesso ai corsi TFA per la scuola secondaria di primo e secondo grado, occorre possedere un titolo di studio utile a insegnare una classe di concorso ai sensi della normativa vigente (DPR 19/2016 così come modificato dal DM 259/2017) oltre al possesso dei 24 CFU nelle discipline antropo-psico-pedagogiche e nelle metodologie e tecnologie didattiche.

I candidati devono, quindi, essere in possesso di uno dei seguenti requisiti:

  • Titolo di abilitazione nello specifico grado (I grado, II grado).
  • Titolo di studio in una classe di concorso dello specifico grado (laurea + eventuali esami\CFU richiesti per accedere alla classe di concorso) + 24 CFU.
  • Titolo di studio in una classe di concorso dello specifico grado + 3 anni di servizio svolti negli ultimi 8 anni indipendentemente che siano stati svolti su sostegno o su posto comune (solo in prima applicazione, cioè esclusivamente per il prossimo ciclo di specializzazione). I 3 anni di servizio possono essere stati prestati nelle scuole statali, paritarie e nei centri di formazione professionale limitatamente ai corsi per l’assolvimento dell’obbligo scolastico.

Tfa sostegno per gli insegnanti tecnico pratici (ITP)

Gli ITP possono concorrere alle selezioni del corso pur senza possedere i 24 CFU. L’articolo 5 del DM 92/2019 (disposizioni transitorie e finali) prevede, infatti, che fino all’anno scolastico 2024\2025, restino fermi i requisiti previsti dalla vigente normativa. Tale normativa, infatti, indica come titolo di accesso alla classe di concorso unicamente il possesso del diploma di maturità previsto dalla tabella B allegata al DPR n. 19/2016.

Corso di specializzazione TFA, com’è strutturato?

Il DM 30 settembre 2011 ha definito la struttura e l’organizzazione del corso di specializzazione per le attività di sostegno. Il Ministero dell’Istruzione e il Ministero dell’Economia e delle Finanze autorizzano i corsi che vengono organizzati dalle università. I corsi sono a numero programmato sulla base della programmazione regionale degli organici docenti e del fabbisogno specifico di insegnanti specializzati oltre che sulla base della capacità di accoglienza di ciascuna università.

Ogni ateneo provvede all’emanazione del bando all’interno del quale sono indicati il numero dei posti disponibili per ciascun percorso, le tipologie dei titoli culturali e professionali valutabili e il punteggio ad essi attribuibile, comunque non superiori a 10 punti complessivi, i programmi su cui vertono le prove di accesso e le modalità di presentazione delle domande di partecipazione alle procedure selettive.

Inserimento nelle GPS e concorsi

Una volta ottenuto il titolo di specializzazione, il docente potrà inserirsi nelle Graduatorie Provinciali per le Supplenze di prima fascia e nelle relative graduatorie d’istituto di I fascia: le supplenze su posti di sostegno verranno assegnate con priorità da tali graduatorie.

Inoltre, il possesso del titolo di sostegno consente di ottenere un ulteriore punteggio per le graduatorie relative alle varie CDC, pari a 9 punti per ogni titolo di specializzazione posseduto (anche su gradi\ordini diversi di scuola).
Ai concorsi per posti di sostegno possono partecipare in via esclusiva i docenti in possesso del titolo di specializzazione. Si distinguono i concorsi straordinari riservati ai docenti con più di 3 anni di servizio di cui almeno uno specifico su sostegno e i concorsi ordinari, dove non sono richiesti requisiti relativi al servizio.

.

.

.

.

 

Scuola, come si diventa insegnanti di sostegno? ultima modifica: 2021-03-28T07:01:29+02:00 da Gilda Venezia
Gilda Venezia

Leave a Comment

Recent Posts

L’elaborato di terza media e quello che il ministero non dice

di Corrado Bagnoli, il Sussidiario, 11.5.2021. Esame di terza media, elaborato finale. Parafrasando Eliot, è…

39 minuti fa

Permessi L. 104/92 – Fruibilità oraria anche per i lavoratori in smart working

di Maria Carmela Lapadula,  La Tecnica della scuola, 11.5.2021. L’ Ispettorato Nazionale del Lavoro, con…

3 ore fa

Scuola d’estate, quali risorse e modalità per ottenerle

di Lara La Gatta,  La Tecnica della scuola, 11.5.2021. Con una faq pubblicata sul portale…

4 ore fa

Scuola: riduzione mobilità e aumento stipendi nel patto tra Miur e sindacati

di Teresa Maddonni, Money.it, 11.5.2021. Scuola: la riduzione degli anni per la mobilità, l’aumento degli…

5 ore fa

Patto per la scuola, concorsi, esami di stato. Assemblea della Gilda degli insegnanti

Gilda degli insegnanti della provincia di Venezia,  10.5.2021. La Gilda degli insegnanti del Veneto organizza…

6 ore fa

Gli stipendi dei docenti gridano vendetta, stanziare risorse adeguate

dalla Gilda degli insegnanti, 11.5.2021. Di Meglio: "Non è più tollerabile questo scivolamento costante verso…

6 ore fa

Questo sito contiene cookie tecnici, analitici e terze parti per la migliore fruizione dei contenuti del sito anche mediante tracciamento delle attività nel sito. Per visualizzare la cookie policy e disabilitare i cookie diversi da quelli tecnici, clicca sul link sotto. Chiudendo questo banner e navigando sulla pagina, acconsenti all'uso dei cookie.

Clicca qui per visualizzare la cookie policy