Scuola e Covid-19, i contagi interni e il nuovo scenario

 

Gilda Venezia

dal blog di Gianfranco Scialpi, 8.3.202.

Gilda Venezia

Scuola e Covid-19, li contagi si moltiplicano nelle Istituzioni. L. Ricolfi suggerisce il lockdown totale. La sua efficacia però è legata a due condizioni.

Scuola e Covid-19, i contagi sembrano certi

Scuola e Covid-19, lo scenario è cambiato. La variante inglese ha fatto saltare lo scudo Azzolina, costruito e reso efficace contro la versione cinese (febbraio-marzo 2020).
Il quotidiano ItaliaOggi pubblica i dati dei contagi nelle scuole. Si legge: “Volano i contagi in età scolare, soprattutto tra i bambini tra 0 e 9 anni: +32,8% di positivi in poco più di un mese, pari a 101.388 nuovi contagi tra 0 e 19 anni, cioè circa un quarto di tutti i 410.746 under 19 infettati dall’inizio della pandemia. Non solo. Di tutti i nuovi casi dal 27 gennaio ben il 28,22% si sono concentrati nell’ultima settimana, dal 1 al 7 marzo. Con un picco martedì scorso di +10.491 positivi in un solo giorno, pari addirittura al 62,8% di tutti i 17.083 nuovi positivi registrati quella giornata. E aumentano anche i focolai scolastici, che già nelle settimane di febbraio avevano ormai superano di misura il picco di ottobre…I monitoraggi settimanali e quotidiani dell’Iss parlano chiaro. La fascia di età tra 0 e 19 anni rappresenta il 22,5% di tutti i contagi, con un incremento di quasi il +33% in poco più di un mese: era, infatti, il 14,1% del totale il 27 gennaio, per poi aumentare al 15,7% il 3 febbraio (+11,3%) e proseguire costantemente il trend di crescita nelle settimane successive. Arrivando al 17% il 10 febbraio (+8,3%), al 17,9% il 17 febbraio, al 18,1% il 24 febbraio, un mese dopo. Per diventare il 17,7% il 3 marzo e, appunto, il 22,5% domenica.

Esiste la soluzione dura, ma con alcune condizioni

A questo punto occorre cambiare strategia. Le varie chiusure applicate in questi mesi hanno rincorso il virus. Sono convinto che questo aprire e chiudere continuamente le regioni non permette di ridurre i contagi, tali da consentire di rendere efficace la vaccinazione. A questo aggiungo che questo stress non fa bene agli esercenti o fornitori di servizi con inevitabili danni sul tessuto economico del nostro paese. In un mio contributo dichiaravo: “la strategia della colorazione dinamica delle Regioni non mi convince. Assomiglia all’immagine delle ninfee proposta da L. Ricolfi. che partendo dalla loro capacità  di aumentare  esponenzialmente ogni giorno  e quindi di soffocare la vita animale e vegetale di uno stagno, scrive: “Il governo è perplesso. Quando inizia a vedere un pò troppe ninfee, vorrebbe ripulire lo stagno, ma per ripulirlo deve interdire la pesca (attività economiche e sociali. Mia nota) per un certo temo. I pescatori sono contrarissimi, preferiscono pescare zigzagando tra le ninfee piuttosto che stare fermi. Il governo esita, pensando: vediamo come va domattina.”
Ritengo che la strategia da attuare sia un lockdown totale per alcune settimane, come ha fatto l’Inghilterra. L’aggettivo totale significa che non ha senso chiudere parzialmente alcuni settori o servizi come la scuola  e mantenerne aperti altri. Occorre, inoltre un lockdown coincidente con la disponibilità dei vaccini da distribuire. Solo questa doppia condizione permetterà alla chiusura di risultare efficace, permettendoci di riprendere a breve la nostra vita.

.

.

.

.

 

Scuola e Covid-19, i contagi interni e il nuovo scenario ultima modifica: 2021-03-09T18:57:21+01:00 da Gilda Venezia
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com

GILDA VENEZIA - Associazione Professionale GILDA degli INSEGNANTI - Federazione Gilda Unams

webmaster: Fabio Barina



Sito realizzato da Venetian Navigator 2 srl