Scuola e quota 100: altro che superamento della legge Fornero

lettera inviata a   La Tecnica della scuola, 24.12.2018

– Sono un docente e alla fine di quest’anno scolastico (31/08/2019) avrò 64 anni e 8 mesi di età, 41 anni e 7 mesi di contributi e una quota di 106 e 3 mesi. Ho maturato la quota 100 ben 3 anni fa.

Nella scuola si ha una sola finestra che è il 1° settembre di ogni anno.

Dalle ultime notizie che si hanno, per i lavoratori pubblici, la prima uscita si realizzerà solo il 1° ottobre (sei mesi dopo a partire dal 1° Aprile).

Una misura che taglia fuori il personale della scuola che sarà costretto ad andare in pensione il 1° settembre 2020 (qualche anno fa è successa la stessa cosa con la famosa quota 96).

Nonostante la mia età anagrafica e contributiva, il proclama a tutte le ore: “Tutti i lavoratori potranno andare in pensione con la quota 100, 62 anni di età e 38 anni di contributi”, non corrisponde alla realtà.

I docenti, il personale Ata e i Dirigenti Scolastici andranno in pensione ben 17 mesi dopo e non 6 mesi dopo come tutti i lavoratori della Pubblica Amministrazione.

Al di là dei proclami, tutto il personale della scuola, che si trova nella mia situazione, andrà in pensione 4 anni dopo aver maturato la quota 100.

Altro che superamento della legge Fornero!

Filippo 

.

.

.

.

Scuola e quota 100: altro che superamento della legge Fornero ultima modifica: 2018-12-25T05:01:05+01:00 da Gilda Venezia
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com

GILDA VENEZIA - Associazione Professionale GILDA degli INSEGNANTI - Federazione Gilda Unams

webmaster: Fabio Barina



Sito realizzato da Venetian Navigator 2 srl