Scuola. Giannini “I presidi saranno i primi a essere giudicati. Riforma storica”.

tribunapoliticaweb_logo1

Tribunapoliticaweb,  14.12.2015.  

Giannini-libri2

Il meccanismo di assunzione degli insegnanti che scatterà dal prossimo anno non è un’autonomia arbitraria e fuori da ogni controllo. È un’autonomia molto vigilata e responsabilizzata: i primi che saranno giudicati sono i presidi, finora fuori da ogni radar di valutazione. E poi, se vogliamo dirla tutta, non è che finora gli insegnanti sono andati a lavorare nelle scuole con un sorteggio. Ci sono andati sulla base di graduatorie locali gestite, come sappiamo, in maniera non sempre trasparente e talvolta non rendicontabile in modo immediato. Regole chiare e valutazione di chi assume mi sembrano strumenti molto efficaci contro i cattivi costumi“. Lo afferma il ministro dell’Istruzione Stefania Giannini in un’intervista alla Sicilia in merito ai ‘superpoteri’ dei presidi nelle assunzioni. In tema di università, “io ho formulato una proposta che mi auguro sia presto discussa e approvata dal governo.Bisogna restituire alle università, attraverso il ministero, le competenze sul diritto allo studio, per assicurare agli studenti meritevoli e bisognosi le borse di studio“, dice Giannini. “In molte regioni questo, oggi, non avviene. E la Sicilia è un caso eclatante. Tanto più che è un paradosso che le realtà territoriali più in difficoltà non riescano ad adempiere a un dovere previsto dalla Costituzione. È un’assurdità, un’ingiustizia a cui intendo rimediare”. “Io credo che lo sforzo che abbiamo fatto di assumere questi 100 mila insegnanti, in tre mesi, sia una cosa storica che il Paese non aveva mai visto“. Lo ha detto la ministra all’Istruzione, Stefania Giannini, a margine in un incontro alla scuola Angelo Musco di Catania. “Sfido a trovarne un altro – ha aggiunto – che abbia potuto fare una cosa di questa portata. Del ritardo ce ne faremo carico e sicuramente sarà risolto a breve. Penso che la garanzia della stabilità del lavoro, la possibilità di progettare il loro futuro su un percorso lineare e con il concorso che partirà nelle prossime settimane darà 63 mila opportunità ad una platea di 200 mila persone“. “Quindi statisticamente – ha osservato Giannini – uno su tre potrà essere stabilizzato in ruolo dal prossimo anno scolastico. Credo che sia un’operazione che non ha precedenti”. “Contestazioni? Dove? Non mi pare”. Lo ha detto la ministra ministro dell’Istruzione, Stefania Giannini, commentato gli slogan di alcune decine di giovani contro la riforma della scuola e il governo Renzi. “Se misuriamo la contestazione che c’era normalmente negli anni passati – ha aggiunto – siamo abbastanza soddisfatti del percorso fatto con la ‘buona scuola’ che comincia a fare vedere i suoi risultati concreti“.

Scuola. Giannini “I presidi saranno i primi a essere giudicati. Riforma storica”. ultima modifica: 2015-12-15T05:57:39+01:00 da Gilda Venezia
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com

GILDA VENEZIA - Associazione Professionale GILDA degli INSEGNANTI - Federazione Gilda Unams

webmaster: Fabio Barina



Sito realizzato da Venetian Navigator 2 srl