Scuola, niente multe per chi è senza green pass ma niente stipendio fino alla fine del contratto di supplenza

Il Corriere della sera, 16.10.2021.

Le novità: chi viene sospeso dal lavoro perché sprovvisto di certificazione verde non può rientrare fino alla fine del contratto di supplenza, che può durare anche 15 giorni.

Gilda Venezia

Il ministero dell’Istruzione ha inviato oggi ai presidi degli oltre ottomila istituti scolastici italiani una nota in cui chiarisce alcune novità contenute nella legge di conversione del decreto 111 con cui lo scorso 6 agosto è stato introdotto l’obbligo del green pass per tutto il personale scolastico: docenti, amministrativi e bidelli. Le principali novità sono due: chi viene sospeso dal lavoro al quinto giorno di assenza ingiustificata perché sprovvisto di certificazione verde non può rientrare prima della scadenza del contratto di supplenza stipulato con il sostituto, la cui durata è fissata per legge a un massimo di 15 giorni, anche se nel frattempo ha provveduto a vaccinarsi o comunque a fare il tampone. Spiega la nota ministeriale firmata dal capo dipartimento Stefano Versari che «la sostituzione del personale assente» è necessaria per «garantire il diritto allo studio e la continuità del servizio». Ma poiché i supplenti non lavorano gratis, il lavoratore assente non prenderà lo stipendio per tutto il periodo in cui verrà sostituito. In compenso però non dovrà pagare nessuna sanzione amministrativa, come invece era previsto nel testo del decreto di agosto. Nel caso particolare in cui un lavoratore pur essendo stato vaccinato si ritrovi ancora sprovvisto di green pass, può bastare la presentazione all’ingresso della scuola di un certificato rilasciato dall’autorità sanitaria che attesti l’avvenuta immunizzazione.

Niente multe neanche per tutti i lavoratori esterni, per esempio i fornitori: qualora accedano a scuola sprovvisti di green pass a essere multato sarà il loro datore di lavoro a cui spetta di controllare il possesso del green pass, che le scuole fanno solo «a campione». Per quanto riguarda il personale scolastico invece la nota ministeriale chiarisce che l’accertamento quotidiano del green pass tramite l’apposita app messa a punto dal ministero resta in capo al dirigente scolastico ma può essere delegato al personale amministrativo. In caso di omesso controllo, restano confermate le sanzioni da 400 a mille euro già previste.

.

.

.

.

.

.

.

 

Scuola, niente multe per chi è senza green pass ma niente stipendio fino alla fine del contratto di supplenza ultima modifica: 2021-10-17T05:45:19+02:00 da Gilda Venezia
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com

GILDA VENEZIA - Associazione Professionale GILDA degli INSEGNANTI - Federazione Gilda Unams

webmaster: Fabio Barina



Sito realizzato da Venetian Navigator 2 srl