Scuola: ore più corte per gli alunni nell’a.s. 2020/2021

di Marco Della Corte, Scuola in Forma, 1.8.2020.

Sembra che la didattica a distanza continuerà a essere utilizzata, per evitare assembramenti di alunni nelle classi.

La scuola, nel corso dell’a.s. 2020/2021, sarà caratterizzata da ore più corte. Come fa notare TgCom24 all’interno di un recente articolo, la riapertura della scuola in data 14 settembre può essere considerata una certezza. Probabilmente una delle poche sicurezze rispetto a tanti dubbi che caratterizzeranno il nuovo anno scolastico fra pochi mesi.

Si vocifera, ad esempio, che la didattica a distanza, metodologia di insegnamento tanto discussa nel corso del secondo quadrimestre dell’A.S. 2019/2020, non dovrebbe essere abbandonata del tutto, bensì ancora utilizzata, seppur parzialmente, nelle scuole superiori, almeno una volta alla settimana. Questo, al fine di garantire giuste limitazioni di assembramento nella varie aule. Secondo il ministero sarebbero bozze già superate.

Scuola: gli studenti torneranno in classe a rotazione

Secondo le ultime linee guida riportate da Repubblica, gli studenti entreranno nelle proprie classi a rotazione. Sembra che si formeranno due gruppi: il primo andrà a scuola per 5-6 giorni, mentre il secondo rimarrà a casa e viceversa a partire dalla settimana seguente. I docenti, quindi, dovranno fare in modo che chi non si trova in aula fisicamente, possa comunque seguire le lezioni in diretta. In alternativa, ai ragazzi fisicamente assenti bisognerà garantire il recupero del materiale in un secondo momento.

Le lezioni on-line che ruolo avranno?

Anche la durata delle lezioni on-line dovrebbe cambiare. Sembra che esse saranno utilizzate all’incirca per 45 minuti, nel corso di cui bisognerà garantire le “giuste pause”. Sembra che le interrogazioni a distanza saranno in tutto e per tutto lecite. Con la nuova scuola post-Covid cambieranno anche le abilità dei docenti, i quali dovranno formarsi opportunamente per andare incontro alle nuove esigenze che la loro professione richiederà a partire dal prossimo anno scolastico.

Cosa accadrà in caso di nuovo lockdown?

Sembra che, nel caso di un nuovo lockdown, ci sarà una quota minima di Dad che dovrà essere garantita settimanalmente. Nel caso delle superiori la soglia minima sarà pari a 20. Per le elementari, invece, 15 ore, che scenderanno a sole 10 per le prime classi. Al momento non risultano esserci indicazioni per le medie.

.

.

.

.

.

.

.

.

Scuola: ore più corte per gli alunni nell’a.s. 2020/2021 ultima modifica: 2020-08-02T04:32:25+02:00 da Gilda Venezia

Gilda Venezia

Leave a Comment

Recent Posts

Decalogo della legalità uguale

dalla Gilda degli Insegnanti della Provincia di Venezia, 21.9.2020. Ecco le effettive facoltà del dirigente anche…

7 ore fa

Galimberti, la ricetta: “Docenti selezionati con test personalità, genitori espulsi da scuola e 12 alunni a classe”

di Marco Barone, Orizzonte Scuola, 21.9.2020. “Bisogna estendere la filosofia a tutte le scuole e inserirla…

10 ore fa

Il sostegno dei disabili in crisi

TuttoscuolaNews, n.963 del 21.9.2020 158 mila alunni in attesa di docente. È crisi profonda per…

11 ore fa

I presidi chiedono di reintrodurre l’obbligo del certificato dopo l’assenza per malattia

Il Sole 24 Ore, 21.9.2020. La legge non prevede attualmente un obbligo di certificazione per rientrare…

12 ore fa

Pensione anticipata, come funziona la quota 100

di Noemi Secci, La legge per tutti, 19.9.2020 Che cos’è la pensione quota 100 e chi…

12 ore fa

Vivalascuola. Che fatica la vita da ministra! E figuriamoci da governati (male)

di Giovanna Lo Presti, Vivalascuola, La poesia e lo spirito, 14.9.2020. Curiamo la scuola. Che dura…

12 ore fa

Questo sito contiene cookie tecnici, analitici e terze parti per la migliore fruizione dei contenuti del sito anche mediante tracciamento delle attività nel sito. Per visualizzare la cookie policy e disabilitare i cookie diversi da quelli tecnici, clicca sul link sotto. Chiudendo questo banner e navigando sulla pagina, acconsenti all'uso dei cookie.

Clicca qui per visualizzare la cookie policy