Categorie: Precari

Scuola, sindacati e Miur firmano l’accordo salva-precari: cattedra per 24mila insegnanti, abilitazione per altri 30mila

di Lorenzo Vendemiale, Il Fatto Quotidiano, 1.10.2019

– Dopo le promesse della Lega e la caduta del governo gialloverde, il concorso straordinario per i non abilitati è salvo, solo leggermente modificato, proprio in direzione delle richieste del M5S (condivise anche dal Pd).

Il decreto salva-precari per i non abilitati si farà. Voluto dalla Lega, annunciato dall’ex ministro Bussetti a due giorni dalle Europee e poi bloccato dalla caduta del governo gialloverde, è stato ripristinato dal nuovo ministro Lorenzo Fioramonti: riguarderà circa 55mila professori che hanno alle spalle almeno tre anni di servizio. I primi 24mila, scelti per titoli e una prova scritta al pc, riceveranno una cattedra, gli altri avranno comunque l’abilitazione, titolo che garantisce una corsia preferenziale per l’assegnazione delle supplenze. Parallelamente dovrebbe partire anche il concorso ordinario, per circa altri 25mila posti, atteso da tre anni, ma con tempi forse un po’ più lunghi.

Questo nuovo concorso straordinario è un’idea soprattutto dei sindacati, che lo chiedono da circa un anno per far fronte alla carenza cronica di vincitori e dare una risposta alle esigenze dei precari. La Lega, il senatore Pittoni e il ministro Bussettiin particolare, ne avevano sposato la causa e questa è stata anche la ragione principale del destino incerto del provvedimento: prima l’accelerazione improvvisa sotto elezioni, poi lo stop, dovuto alla perplessità del Movimento 5 stelle che chiedeva più attenzione al merito, mentre la procedura ipotizzata dalla Lega avrebbe promosso tutti, senza sbarramento.

Dopo settimane di trattative il ministro Fioramonti ha trovato una nuova intesa coi sindacati: il concorso straordinario è salvo, solo leggermente modificato, proprio in direzione delle richieste del M5S (condivise anche dal Pd). La novità rispetto alla precedente bozza è l’inserimento di una prova scritta, comunque semplificata e da svolgere al computer: si passa col punteggio minimo di sette su dieci. Quelli che risulteranno nelle prime 24mila posizioni della graduatoria formata con la valutazione dei titoli (in particolare dell’anzianità di servizio) saranno assunti: dovranno comunque svolgere al termine dell’anno di prova un orale, la simulazione di una lezione davanti a una commissione, ma di solito è una formalità. Gli altri, che hanno raggiunto l’idoneità del punteggio ma non rientrano fra i vincitori, potranno accedere a dei corsi universitari e ricevere l’abilitazione, titolo prezioso per lavorare nella scuola. Il Ministero ha dunque deciso di riunire il concorso straordinario e i cosiddetti Pas (Percorsi abilitanti speciali) in un’unica procedura, per snellire i tempi.

Per certi versi si tratta a tutti gli effetti di una sanatoria: ne beneficeranno docenti che non sono abilitati, ma negli anni passati hanno avuto la possibilità di partecipare a concorsi e Tirocini (senza passare); mentre andrà inevitabilmente a discapito dei neolaureati, per cui ci saranno meno posti a disposizione nel prossimo bando ordinario. Di sicuro però la procedura servirà a rispondere alla mancanza di docenti nelle scuole: una vera e propria emergenza, visto che anche quest’anno oltre 30mila assunzioni delle 53mila autorizzate sono andate a vuoto, per mancanza di docenti nelle graduatorie, che specie su alcune materie e in alcune Regioni settentrionali sono esaurite (mentre sono decisamente più ingolfate al Sud, ad esempio). Proprio il flop delle immissioni in ruolo è una delle ragioni che ha sbloccato l’intesa e per cui il provvedimento dovrebbe avere tempi rapidi: approvazione il prima possibile, bando e poi subito la prova, forse addirittura già in autunno. L’obiettivo è stilare le graduatorie a inizio 2020 così da poter assumere la prossima estate i vincitori e sopperire all’emergenza, come spiega proprio Fioramonti: “L’obiettivo è chiudere il percorso del concorso straordinario entro l’inizio del prossimo anno scolastico: il 1° settembre 2020 voglio avere almeno 24mila insegnanti in ruolo”. Poi sarà la volta del concorso ordinario.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

Scuola, sindacati e Miur firmano l’accordo salva-precari: cattedra per 24mila insegnanti, abilitazione per altri 30mila ultima modifica: 2019-10-02T05:45:54+02:00 da Gilda Venezia
Gilda Venezia

Share
Pubblicato da
Gilda Venezia

Recent Posts

Cpia, il Miur detta le indicazioni operative per il funzionamento nel 2019/2020

di Amedeo Di Filippo, Il Sole 24 Ore, 13.12.2019 - Circolare n.22805 del 11 novembre 2019. Istruzione degli adulti e apprendimento permanente -…

8 ore fa

Pensioni 2020, circolare e decreto. Scadenza 30 dicembre

dalla Gilda degli insegnanti, 12.12.2019 - Il 30 dicembre 2019 è il termine finale per la presentazione delle domande - Il…

9 ore fa

Galli della Loggia: “Il collasso della scuola inizio’ 50 anni fa”

di di Gaia Curci, La Provincia Pavese, 12.12.2019 - Lo storico domani al collegio Borromeo presenta il saggio "L'aula vuota"…

9 ore fa

Decreto scuola ultime notizie: ecco come si proverà a cambiare il ‘salvaprecari’

di Luigi Rovelli, Scuola in Forma, 12.12.2019 - Sono diversi gli emendamenti al Decreto Scuola che avranno l’obiettivo di migliorarne i contenuti.…

10 ore fa

Decreto scuola ultime notizie: fa discutere il comma 17-octies dell’articolo 1

di Luigi Rovelli, Scuola in Forma, 12.12.2019 - Una delle principali novità del Decreto Scuola, tra quelle indubbiamente meno gradite, è…

10 ore fa

Scuola, Nota Miur del 9 dicembre: nuove indicazioni su consumazioni pasti a scuola

di Luigi Rovelli, Scuola in Forma, 11.12.2019 - Il Ministero dell’Istruzione ha provveduto a pubblicare, in data 9 dicembre, una nota riguardante…

10 ore fa

Questo sito contiene cookie tecnici, analitici e terze parti per la migliore fruizione dei contenuti del sito anche mediante tracciamento delle attività nel sito. Per visualizzare la cookie policy e disabilitare i cookie diversi da quelli tecnici, clicca sul link sotto. Chiudendo questo banner e navigando sulla pagina, acconsenti all'uso dei cookie.

Clicca qui per visualizzare la cookie policy