Categorie: Stampa

Scuole chiuse, la riapertura potrebbe essere graduale per fasce d’età

di Alessandro Giuliani, La Tecnica della scuola, 29.3.2020

– Prima le superiori, poi primaria e infanzia –

Sulla data di ritorno a scuola, quando sarà superata l’emergenza Coronavirus e comunque probabilmente non prima del 5 maggio, si sta facendo largo l’ipotesi di far tornare sui banchi prima gli studenti della secondaria superiore; poi gli alunni delle medie; solo in un terzo momento, toccherebbe agli alunni del primo ciclo.

Perchè un ritorno graduale

La differenza sarebbe legata alla necessità, espressa in modo chiaro dagli epidemiologi, di salvaguardare la salute delle fasce di popolazione più fragile. E i bambini più piccoli, anche se non particolarmente vulnerabili rispetto al virus Covid-19, potrebbero risultare tra quelle più da salvaguardare.

Inoltre, la procedura graduale permetterebbe di non far uscire fuori casa in contemporanea, lo stesso giorno, oltre dieci milioni di persone, se si considerano gli alunni, le famiglie che li accompagnano almeno fino al termine della primaria, il corpo insegnante e il personale Ata.

Pregliasco: tempi differenti per tornare alla vita sociale

Proprio di queste esigenze, domenica 29 marzo ne ha parlato il virologo Fabrizio Pregliasco: le attuali misure di rigore ed isolamento, ha detto all’Ansa, “saranno necessarie ancora per settimane, ma quando si avrà la riapertura del Paese sarebbe opportuno effettuarla gradualmente per quanto riguarda le aziende, sulla base dell’utilità sociale delle produzioni”.

“Opportuno sarebbe anche prevedere una tempistica differenziata per il ritorno alla vita sociale e l’uscita da casa, con le fasce anziane e fragili che andrebbero protette in modo particolare“.

La riapertura di aziende, attività e scuole, ha continuato Pregliasco, “va naturalmente pianificata e non potrà essere da un giorno all’altro; non si potrà cioè tornare istantaneamente alla vita normale”.

“Scaglionamento per fasce di età”

Secondo il virologo, sarà importante “considerare uno scaglionamento per fasce di età con l’obiettivo di avere maggiore precauzioni per le fasce di popolazione più anziana o fragile. Queste categorie dovrebbero essere le ultime ad abbandonare la misura dell’isolamento sociale”.

Quindi, “bisognerà immaginare la riapertura del Paese con gradualità, valutando le singole tipologie di attività e facendo in modo che le aziende possano organizzarsi anche da un punto di vista di precauzioni sanitarie e di procedure di distanziamento”.

Allo stesso modo, ha concluso Pregliasco, dovranno cambiare le nostre abitudini ed atteggiamenti: “In casa, insieme ai cerotti, dovremo avere anche le mascherine e nella vita di tutti i giorni non potremo non considerare il distanziamento sociale”.

I virologi: massima cautela e misure complementari

Sulla necessità di avere la massima cautela sulla riapertura, anche rispetto alla data del 4 maggio avanzata dal leader di Italia Viva, Matteo Renzi, in un’intervista ad Avvenire, si sono espressi diversi epidemiologi.

Pierluigi Lopalco, dell’Università di Pisa e presidente del patto trasversale per la scienza, ha detto che “dobbiamo essere cauti: come facciamo a riaprire le scuole se non abbiamo dati né certezze? Non diamo false illusioni e speranze”.

Per il virologo Fabrizio Pregliasco, rimane “giusto pensare al futuro ma serve molta attenzione. Questo virus non ce lo toglieremo dai piedi velocemente, ma in questa fase è necessario agire per poter arginare la dimensione dei morti che c’è stata in Lombardia”. 

Anche l’epidemiologo Gianni Rezza, direttore del dipartimento Malattie Infettive dell’Istituto superiore di sanità, ammette che “non possiamo tenere l’Italia chiusa per sempre, ma occorre vedere prima gli effetti delle misure importanti messe in campo dal governo. Poi si possono studiare provvedimenti magari ‘stop and go’ o misure complementari”. 

Ed una di queste misure complementari potrebbe essere proprio il ritorno graduale sui banchi di scuola.

.

.

.

.

.

.

.

.

Scuole chiuse, la riapertura potrebbe essere graduale per fasce d’età ultima modifica: 2020-03-29T21:34:51+02:00 da Gilda Venezia
Gilda Venezia

Leave a Comment
Share
Pubblicato da
Gilda Venezia

Recent Posts

Gilda Venezia. Orari estivi

dalla Gilda degli insegnanti di Venezia,  giugno 2020. La Gilda degli insegnanti di Venezia informa…

30 minuti fa

Assegnazioni provvisorie e utilizzi per l’a.s. 2020/21

Gilda degli insegnanti di Venezia, giugno 2020. Servizio di consulenza. Le guide  new  Le norme   MIUR…

48 minuti fa

Speciale concorso docenti

dalla Gilda degli insegnanti della provincia di Venezia. Link per l'iscrizione ai concorsi. Corsi di…

1 ora fa

Assegnazioni e utilizzi. La modulistica

Per l’a.s. 2020/21 il personale docente ed educativo potranno presentare le domande dal 13 al…

21 ore fa

Utilizzazioni e assegnazioni, domande dal 13 luglio al 24 luglio 2020

dalla Gilda degli insegnanti, 10.72020. L’area Istanze On Line per la presentazione delle domande sarà…

24 ore fa

Educazione civica, illustrato il piano per la formazione

dalla Gilda degli insegnanti, 10.72020. Netta contrarietà della Gilda: la totale mancanza di risorse finanziarie…

1 giorno fa

Questo sito contiene cookie tecnici, analitici e terze parti per la migliore fruizione dei contenuti del sito anche mediante tracciamento delle attività nel sito. Per visualizzare la cookie policy e disabilitare i cookie diversi da quelli tecnici, clicca sul link sotto. Chiudendo questo banner e navigando sulla pagina, acconsenti all'uso dei cookie.

Clicca qui per visualizzare la cookie policy