Si devono recuperare i giorni di scuola non effettuati a causa della chiusura per neve?

Fabrizio De Angelis, La Tecnica della scuola  26.1.2017

– In questo periodo, dopo le tante chiusure delle scuole dovute alla neve o alle precipitazioni eccessive, molti fra docenti e personale Ata si chiedono se tali giorni di chiusura saranno recuperati.

Ricordiamo, intanto, che a determinare il calendario scolastico sono le Regioni, in base a quanto disposto dal decreto legislativo 112 del 31 marzo 1998 che prevede che ogni singola giunta regionale fissi il calendario scolastico, fermo restando il numero minimo di 200 giorni obbligatori di lezione necessari per la validità dell’anno scolastico.

Esiste a tal proposito la circolare ministeriale 1000 del 22 febbraio 2012, che fornisce indicazioni alle scuole sulla validità dell’anno scolastico e sugli eventuali adeguamenti dei calendari scolastici a seguito degli eccezionali eventi atmosferici delle ultime settimane.

In tale circolare si asserisce che i giorni di chiusura derivanti dagli eventi atmosferici non dovranno essere recuperati dalle scuole, anche se si dovesse scendere sotto la soglia minima dei 200 giorni previsti.

Alle scuole spetta il compito, esercitando la propria autonomia in ambito didattico e organizzativo, di valutare le specifiche situazioni e necessità in rapporto all’apprendimento ed alla valutazione degli alunni.

Quindi, sostanzialmente, è il Consiglio di istituto di ogni scuola che sarà chiamato a prendere le decisioni necessarie tenendo conto delle esigenze che emergono dagli organi (consigli di classe e interclasse e Collegio dei docenti) responsabili della programmazione e realizzazione dell’attività didattica e della valutazione.
Bisogna sottolineare che ogni modifica del calendario delle attività didattiche è legata alle prestazioni e agli orari di lavoro dei docenti e del personale ATA, che quindi richiede la verifica del contratto integrativo di istituto ed il confronto con le parti sindacali che lo hanno sottoscritto, per non intaccare gli accordi.

Infine, la nota esplicita anche che l’eventuale riduzione dei giorni di sospensione dell’attività didattica andrà condivisa con gli enti locali interessati, considerato l’evidente riflesso che tale decisione ha sull’organizzazione dei trasporti e sul funzionamento degli edifici scolastici.

.

Si devono recuperare i giorni di scuola non effettuati a causa della chiusura per neve? ultima modifica: 2017-01-26T13:09:11+01:00 da Gilda Venezia
Gilda Venezia

Leave a Comment
Share
Pubblicato da
Gilda Venezia

Recent Posts

Vaccino: finalmente anche ai docenti con più di 65 anni!

dalla Gilda degli insegnanti di Venezia, 5.3.2021. Dopo la richiesta della Gilda degli insegnanti di…

5 ore fa

Studenti e ministro sono d’accordo: l’89% dei ragazzi preferisce una verifica solo orale

Il Sole 24 Ore, 5.3.2021. Per una volta studenti e ministro sono d'accordo: in queste condizioni,…

8 ore fa

Il Covid è cambiato, ora più contagi nella scuola primaria e d’infanzia

di Alessandro Giuliani,  La Tecnica della scuola, 5.3.2021. Ogni Regione risponde a modo suo. Il…

9 ore fa

Svolgimento della prestazione lavorativa in modalità agile

Sinergie di scuola, 4.3.2021. Con nota n. 325 del 3/03/2021 il MI ha fornito indicazioni…

9 ore fa

Il primato della teoresi

di P. Di Remigio e F. Di Biase, Roars, 4.3.2021. L’articolo dedicato alle “competenze” da Francesco…

9 ore fa

Vincolo quinquennale: un altro incontro il 5 marzo, ma puramente tecnico e forse non si deciderà nulla

di Reginaldo Palermo,  La Tecnica della scuola, 4.3.2021. E’ in programma domani alle ore 15…

9 ore fa

Questo sito contiene cookie tecnici, analitici e terze parti per la migliore fruizione dei contenuti del sito anche mediante tracciamento delle attività nel sito. Per visualizzare la cookie policy e disabilitare i cookie diversi da quelli tecnici, clicca sul link sotto. Chiudendo questo banner e navigando sulla pagina, acconsenti all'uso dei cookie.

Clicca qui per visualizzare la cookie policy