Categorie: Insegnanti

Si festeggia la giornata mondiale dell’insegnante, ma gli stipendi sono al palo

di Reginaldo Palermo, La Tecnica della scuola, 2.10.2018

– Il 5 ottobre si celebra, come ogni anno, la Giornata internazionale dell’insegnante.
La ricorrenza serve a ricordare la sottoscrizione delle Raccomandazioni  sullo status di insegnante volute nel 1966 dall’Unesco, la principale  struttura di riferimento per i diritti e le responsabilità dei docenti su scala mondiale.
L’iniziativa ha come obiettivo fondamentale quello di suscitare riflessioni sul ruolo dei professionisti della formazione, sulle sfide che affrontano quotidianamente, sulle difficili condizioni di lavoro a cui sono spesso sottoposti.
Di recente le Nazioni Unite hanno richiamato la funzione dell’insegnante nell’obiettivo 4 della Agenda 2030 per lo Sviluppo sostenibile.
Con questo obiettivo, denominato “Istruzione di qualità”, gli insegnanti vengono riconosciuti come soggetti chiave per l’attuazione dell’Agenda 2030.

“Il loro impegno – si legge nel sito dell’Unesco dedicato al tema – è fondamentale per fornire un’educazione di qualità, equa ed inclusiva e opportunità di apprendimento per tutti, con l’obiettivo di incrementare il livello di alfabetizzazione globale e ridurre l’abbandono scolastico precoce, contribuendo a migliorare la vita delle persone e a raggiungere lo sviluppo sostenibile”.

A fronte di un ruolo così rilevante riconosciuto anche da importanti organizzazioni internazionali resta però, nel nostro Paese (e non solo) un trattamento economico molto modesto se non addirittura inaccettabile.

Neppure la legge di bilancio che sta per essere varata sembra andare nella direzione che i docenti italiani aspettano. Come abbiamo già avuto modo di scrivere più volte c’è anzi il rischio molto concreto che a partire dal prossimo gennaio lo stipendio dei docenti subisca addirittura una riduzione.
Non sarebbe quindi del tutto fuori luogo se venerdì 5 il Ministro dell’Istruzione, anzichè limitarsi a fare gli auguri al milione dei docenti italiani, annunciasse anche misure concrete finalizzate a rivalutarne stipendi e prestigio sociale.

.

.

.

 

Si festeggia la giornata mondiale dell’insegnante, ma gli stipendi sono al palo ultima modifica: 2018-10-03T06:28:56+02:00 da Gilda Venezia
Gilda Venezia

Leave a Comment
Share
Pubblicato da
Gilda Venezia

Recent Posts

Ruoli. Tutti i numeri

dalla Gilda degli insegnanti di Venezia, 8.8.2020. Immissioni in ruolo 2020/21, le tabelle dei contingenti…

2 ore fa

Graduatorie provinciali supplenze, 753.750 domande: boom in Lombardia, Lazio e Campania

di Alessandro Giuliani, La Tecnica della scuola, 8.8.2020. Non hanno superato le attese, superiori al milione…

2 ore fa

Veneto penalizzato nella assegnazione di nuovi docenti e ata?

di Gianni Zen, La Tecnica della scuola, 8.8.2020. “Chiedete ma non troppo”. Questa la sintesi fatta…

4 ore fa

Immissioni in ruolo 2020/21, il contingente per provincia e classe di concorso

di Vittorio Borgatta, InfoDocenti.it, 8.8.2020. Ecco la distribuzione dei posti per provincia per le immissioni in ruolo…

6 ore fa

Scuola, da CdM via libera a 97mila assunzioni (ma molte cattedre resteranno vuote)

di Claudio Tucci, Il Sole 24 Ore,  8.8.2020 Disco verde dal governo ad assumere a tempo indeterminato…

7 ore fa

Immissioni in ruolo docenti 2020/21, ecco come si compila la domanda

Orizzonte Scuola, 8.8.2020 Presentazione Istanza Informatizzazione Nomine In Ruolo a.s. 2020/21: come si scelgono le…

9 ore fa

Questo sito contiene cookie tecnici, analitici e terze parti per la migliore fruizione dei contenuti del sito anche mediante tracciamento delle attività nel sito. Per visualizzare la cookie policy e disabilitare i cookie diversi da quelli tecnici, clicca sul link sotto. Chiudendo questo banner e navigando sulla pagina, acconsenti all'uso dei cookie.

Clicca qui per visualizzare la cookie policy