Scrutini esami

Si può bocciare anche se le attività scolastiche di recupero sono state inadeguate

di Pietro Alessio Palumbo, Il Sole 24 Ore, 6.5.2021.

La poca comunicazione scuola-famiglia nel corso dell’anno scolastico e la scarsa attivazione di corsi di recupero da parte della scuola non incidono sulla legittimità del giudizio finale di non ammissione dello studente alla classe successiva. Giudizio che deve essere formulato esclusivamente sulla base della preparazione e della “maturità” raggiunte dallo studente all’esito dell’anno scolastico. Come chiarito dal Tar Campania con la recente sentenza 1571/2021, la “bocciatura” dell’alunno si basa soltanto su questi elementi di “crescita” personale, che sono propri e necessari per accedere con serenità e corretta preparazione alla successiva fase di studi; “in pari” con i compagni di scuola.

Per l’alunno “immaturo” la bocciatura è un vantaggio

Le eventuali carenze della scuola nel predisporre tutti gli strumenti idonei a consentire il recupero dell’alunno con conseguente inserimento dello stesso in livelli di preparazione pari o prossima a quella degli altri studenti, non incidono sull’autonomia di giudizio di non promozione dell’alunno alla classe successiva. A ben vedere ciò scaturisce dal fatto che l’inclusione dello studente immaturo nella classe superiore potrebbe costituire, anziché un vantaggio, un vero e proprio svantaggio per lui.

Le (ragionevoli) probabilità di risultati migliori

In ogni caso, ha evidenziato il Tar partenopeo, senza una dimostrazione oggettiva e concreta delle “potenzialità” dello studente da parte della famiglia, nessun nesso logico può ritenersi automaticamente esistente tra l’eventuale mancanza dell’attività di recupero e il risultato scolastico negativo conseguito dall’alunno. È infatti specifico onere della famiglia dello studente fornire la prova, anche in via presuntiva o probabilistica, che qualora vi fosse stata una più ampia copertura e intensificazione della didattica di miglioramento da parte della scuola, i risultati scolastici dell’allievo sarebbero stati proficui fino a permettere l’ammissione del ragazzo alla classe maggiore.

.

.

.

.

Si può bocciare anche se le attività scolastiche di recupero sono state inadeguate ultima modifica: 2021-05-06T06:47:16+02:00 da Gilda Venezia

Gilda Venezia

Leave a Comment
Share
Pubblicato da
Gilda Venezia

Recent Posts

Concorso docenti. USR Veneto

dalla Gilda degli insegnanti Venezia, aggiornamento del 24.6.2021. Tutti gli esiti delle prove svolte in…

3 ore fa

Riapertura scuole e trasporti, il monito di Draghi per il nuovo anno scolastico

di Daniele Di Frangia,  La Tecnica della scuola, 24.6.2021. Segnali di ripresa dall’economia nazionale ed…

5 ore fa

Concorso STEM: risultato immediato

Orizzonte Scuola,  24.6.2021. Concorso discipline scientifiche STEM, il risultato della prova scritta sarà immediato. Bisognerà…

12 ore fa

Immissioni in ruolo 2021/22: in modalità telematica, possibile partenza il 28 giugno; prima le operazioni in surroga

 Obiettivo scuola, 23.6.2021. Si svolgeranno in modalità telematica le immissioni in ruolo per l’anno scolastico…

14 ore fa

Lauree abilitanti, la Camera approva. Ma non valgono per insegnare a scuola

di Alessandro Giuliani,  La Tecnica della scuola, 23.6.2021. L’assemblea della Camera ha approvato la proposta di…

14 ore fa

Immissioni in ruolo, quale procedura per l’a.s. 2021/22?

di Salvatore Pappalardo,  La Tecnica della scuola, 23.6.2021. “Stiamo lavorando affinché ogni professore sia al suo…

15 ore fa

Questo sito contiene cookie tecnici, analitici e terze parti per la migliore fruizione dei contenuti del sito anche mediante tracciamento delle attività nel sito. Per visualizzare la cookie policy e disabilitare i cookie diversi da quelli tecnici, clicca sul link sotto. Chiudendo questo banner e navigando sulla pagina, acconsenti all'uso dei cookie.

Clicca qui per visualizzare la cookie policy