Categorie: Stampa

Sorpresa: la spesa per l’istruzione cala fino al 2040

di Claudio Tucci, Il Sole 24 Ore, 12.4.2019

– L’istruzione si conferma un “capitolo di spesa” poco attrattivo anche per il governo giallo-verde: Nel 2020, è scritto a pagina 99 del «Def», appena approvato dal governo, la spesa per questo settore rispetto al Pil scende al 3,5 per cento. Nel 2025 si passa al 3,3; nel 2030 al 3,2; nel 2035 al 3,1. Una lieve risalita avviene solo dal 2045 (3,2). A pesare sono essenzialmente i mancati stanziamenti sull’istruzione.

Le riforme annunciate
Poche novità anche scorrendo il corposo «Pnr», Programma nazionale delle riforme. Qui c’è un capitoletto dedicato all’istruzione, ma le novità inserite sono scarse. Nel settore scolastico, si legge nel documento, «è necessario procedere alla redazione di un Testo Unico che sistematizzi in maniera organica le molte norme che riguardano la scuola e consenta un’opera di semplificazione legislativa complessiva».

Ai fini dell’ampliamento dell’offerta formativa, poi, il governo evidenzia come saranno intraprese «misure per assicurare il reclutamento dei docenti con titoli idonei all’insegnamento della lingua inglese, della musica e dell’educazione motoria nella scuola primaria anche utilizzando, nell’ambito delle risorse di organico disponibili, docenti abilitati
all’insegnamento per la scuola primaria in possesso di competenze certificate». Saranno dunque oggetto di valutazione nuove classi di concorso e i requisiti per accedere all’insegnamento di dette discipline nella scuola primaria.

Capitolo Its
Nel «Pnr» trova spazio un paragrafetto dedicato agli Its. Anche qui però poche parole. Essenzialmente di intenti. «Sono una realtà su cui il Governo intende puntare in maniera decisa, avendo dimostrato chiaramente la loro efficacia nell’assicurare uno sbocco lavorativo ai propri diplomati. Verranno incentivati nuovi percorsi di Istruzione Tecnica Superiore in sinergia con le scuole superiori tecniche e professionali, il mondo del lavoro, le imprese, le micro realtà locali, le università, le filiere produttive. La creazione di nuovi Its sul territorio nazionale permetterà un raccordo mirato al mondo del lavoro e darà nuovo impulso alla ricerca».

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

 

Sorpresa: la spesa per l’istruzione cala fino al 2040 ultima modifica: 2019-04-12T06:12:25+02:00 da Gilda Venezia
Gilda Venezia

Leave a Comment
Share
Pubblicato da
Gilda Venezia

Recent Posts

Esami di stato e compenso per il docente in regime di part-time

 Obiettivo scuola, 21.6.2021. IL PART-TIME Il rapporto di lavoro a tempo parziale (part-time) si caratterizza…

4 ore fa

Concorso docenti. USR Veneto

dalla Gilda degli insegnanti Venezia, aggiornamento del 21.6.2021. Tutti gli esiti delle prove svolte in…

4 ore fa

Il calcolo del punteggio delle utilizzazioni

di Giuseppe de Tullio, InfoDocenti.it, 21.6.2021. La valutazione del punteggio nella mobilità annuale segue criteri differenti a seconda che…

9 ore fa

Concorso STEM: calendarizzate le prove scritte su cui incombe il rischio di bocciature

TuttoscuolaNews, n. 999 del 21.6.2021. Nella prima decade di luglio gli oltre 60mila candidati che…

11 ore fa

Sono queste le idee del ministro sulla maturità?

Astolfo sulla luna, 20.6.2021. Si potrebbe dire che la misura è colma, solo se si…

12 ore fa

Assunzioni dopo 3 anni e assegnazioni provvisorie per tutti, si fa dura

di Alessandro Giuliani,  La Tecnica della scuola, 21.6.2021. Solo un emendamento a partito al Sostegni-bis.…

13 ore fa

Questo sito contiene cookie tecnici, analitici e terze parti per la migliore fruizione dei contenuti del sito anche mediante tracciamento delle attività nel sito. Per visualizzare la cookie policy e disabilitare i cookie diversi da quelli tecnici, clicca sul link sotto. Chiudendo questo banner e navigando sulla pagina, acconsenti all'uso dei cookie.

Clicca qui per visualizzare la cookie policy