Sospensione didattica in presenza, ordinanza Regione Puglia: perché il Tar Lecce conferma e il Tar Bari no?

di Rosalba Sblendorio, Reti di Giustizia, 25.11.2020.

Gilda Venezia

La Regione Puglia con ordinanza n. 407 del 28 ottobre 2020 aveva disposto la didattica integrata per tutte le scuole di ogni ordine e grado sul territorio regionale, ad eccezione dei servizi per l’infanzia. La previsione in questione era stata giustificata dal registrato aumento dei contagi Covid-19. Tale ordinanza, in particolare, prevedeva che «a decorrere dal 30 ottobre sino al 24 novembre 2020 “1. le Istituzioni Scolastiche di ogni ordine e grado (scuola primaria, scuola secondaria di primo grado e scuola secondaria di secondo grado) adottano la didattica digitale integrata riservando alle attività in presenza esclusivamente i laboratori (ove previsti dai rispettivi ordinamenti dal ciclo didattico) e la frequenza degli alunni con bisogni educativi speciali. 2. Le Istituzione Scolastiche di ogni ordine e grado devono comunicare, ogni lunedì della settimana, all’Ufficio Scolastico Regionale e al Dipartimento della Salute (scuola.salute@regione.puglia.it) il numero degli studenti e il numero del personale scolastico positivi o in quarantena, nonché tutti i provvedimenti di sospensione dell’attività didattica adottati a causa dell’emergenza covid”».

È accaduto che, contro detta ordinanza, alcuni genitori degli studenti interessati dalla sospensione della didattica in presenza hanno adito, ciascuno in ragione della competenza territoriale, rispettivamente il Tar Puglia Lecce e il Tar Puglia Bari.

  • in Puglia molte scuole e molti studenti non sono sufficientemente attrezzati per la didattica digitale a distanza».

Queste ultime circostanze costituirebbero, ad avviso de Tar, ulteriore valido motivo per sospendere l’esecutività dell’ordinanza impugnata. In particolare l’inadeguatezza di alcune scuole pugliesi a organizzarsi con la didattica a distanza si configurerebbe in una sostanziale interruzione delle attività didattiche e dei servizi all’utenza scolastica.

Alla luce delle considerazioni suesposte, pertanto, i Giudici amministrativi hanno accolto le istanze cautelari dei ricorrenti.

La decisione del Tar Lecce

Con decreto n. 695 del 6 novembre 2020, il Tar Lecce ha confermato la sospensione della didattica in presenza disposta dall’ordinanza. Le motivazioni di quest’orientamento contrario rispetto a quello seguito dal Tar Bari, si rinviene nel fatto che il Tar Lecce parte con l’effettuare un contemperamento tra diritto alla salute e diritto allo studio; diritti, questi, entrambi tutelati a livello costituzionale. Orbene, secondo il Tar Lecce, nella attuale situazione epidemiologica, deve prevalere il diritto alla salute su quello allo studio; un diritto, quest’ultimo, che, in ogni caso, resterebbe compresso solo parzialmente data la possibilità di essere soddisfatto, seppur non totalmente, attraverso la didattica a distanza. A parere dei Giudici amministrativi, infatti, in ragione del numero dei contagi,occorre dare priorità a tutte quelle misure di contenimento del rischio di diffusione del virus, anche tenendo conto della capacità di risposta del sistema sanitario regionale. Per tal verso, secondo il Tar Lecce, essendo questo tipo di esigenze idoneo a giustificare un temporaneo sacrificio, sul piano organizzativo, delle famiglie coinvolte dall’attività didattica a distanza, ha respinto la richiesta cautelare dei ricorrenti.

.
.
.
.
.
.
.
.
Sospensione didattica in presenza, ordinanza Regione Puglia: perché il Tar Lecce conferma e il Tar Bari no? ultima modifica: 2020-11-25T21:43:25+01:00 da Gilda Venezia
WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com

GILDA VENEZIA - Associazione Professionale GILDA degli INSEGNANTI - Federazione Gilda Unams

webmaster: Fabio Barina



Sito realizzato da Venetian Navigator 2 srl