dalla Gilda degli insegnanti di Venezia, 22.9.2019

– Venerdì 27 settembre è stato indetto uno sciopero generale nel nostro Paese da parte di alcune sigle sindacali in appoggio alle mobilitazioni mondiali del Friday for Future. Anche nel comparto della scuola lo sciopero è stato proclamato a sostegno dei movimenti ecologisti per imporre ai governi del mondo una politica economica che sappia combattere i cambiamenti climatici in atto, cambiamenti derivati dall’uso indiscriminato delle risorse fossili e naturali.

La Gilda degli Insegnanti non ha proclamato lo sciopero nella scuola per il semplice fatto che i suoi effetti sono del tutto irrilevanti. Anzi, restare a scuola e fare lezione sui temi dell’ambiente e dello sviluppo sostenibile è, a nostro avviso, più importante ed efficace che interrompere l’attività didattica “regalando” allo Stato-datore di lavoro un centinaio di euro di stipendio.

I temi dell’economia circolare e dello sviluppo cosiddetto sostenibile devono diventare essenziali nel contesto educativo del nostro sistema di istruzione, ma ciò deve essere accompagnato da una seria riflessione su tali problematiche senza farle scadere a semplici slogan e prese di posizione del tutto ideologiche prive di fondamenti scientifici e senza una profonda analisi critica rispetto al sistema economico liberista che innerva l’attuale sistema capitalista.

Il lavoro da fare nella scuola è imponente e a nulla valgono le imposizioni dall’alto sull’introduzione dell’”educazione civica” quando contestualmente il sistema di istruzione tende a curvarsi ai bisogni immediati del sistema produttivo con progetti quali iPercorsi per le Competenze Trasversali e per l’Orientamento(ex alternanza scuola-lavoro).

La Gilda degli Insegnanti di Venezia confida che la Scuola, a partire dalle capacità e dalla sensibilità degli insegnanti, sappia essere uno dei motori per immaginare e progettare un futuro sostenibile in termini ambientali e di sviluppo per i nostri allievi e per le nostre allieve e per le generazioni future. Con la consapevolezza che sviluppo non è sempre calcolo aritmetico di aumento del PIL.

Gilda degli Insegnanti della Provincia di Venezia

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

Sullo sciopero del 27 settembre ultima modifica: 2019-09-22T21:28:11+01:00 da Gilda Venezia
Gilda Venezia

Share
Pubblicato da
Gilda Venezia

Recent Posts

Maturità: torna tema Storia, via buste orale/ Fioramonti, come cambia Esame di Stato

di Silvana Palazzo, il Sussidiario, 21.11.2019 - Maturità 2020: torna il tema Storia, addio alle buste per la prova orale. Miur,…

6 ore fa

Il piano dei sindacati per rovinare quel poco di buono che è rimasto

di Antonino Petrolino, il Sussidiario, 21.11.2019 - Non si può fare piazza pulita dei requisiti minimi. Governo e Parlamento devono fermare…

7 ore fa

Circolare Inps n. 140/2019 – Congedo parentale del padre nel caso di maternità della madre lavoratrice autonoma

dalla Gilda degli insegnanti di Venezia, 21.11.2019 Pubblichiamo la circolare dell'Inps che fornisce istruzioni amministrative in materia di diritto alla…

19 ore fa

Infortuni alunni, quando è responsabilità della scuola? Alcuni casi pratici

 Orizzonte Scuola, 20.11.2019 - Formazione dirigenti scolastici: quando l’infortunio auto-cagionato dell’alunno è responsabilità dell’istituto scolastico? Alcuni esempi. Per trattare la…

20 ore fa

Malore in gita, il prof è tenuto solo ad accompagnare lo studente in ospedale

  di Andrea Alberto Moramarco,  Il Sole 24 Ore, 21.11.2019 - La sentenza della Cassazione. Il docente che accompagna in pronto…

21 ore fa

Stipendi docenti: con il nuovo contratto aumenti modesti e niente arretrati

di Reginaldo Palermo,  La Tecnica della scuola, 20.11.2019 - Le notizie che provengono dal Ministero e dal Parlamento sulle risorse…

23 ore fa

Questo sito contiene cookie tecnici, analitici e terze parti per la migliore fruizione dei contenuti del sito anche mediante tracciamento delle attività nel sito. Per visualizzare la cookie policy e disabilitare i cookie diversi da quelli tecnici, clicca sul link sotto. Chiudendo questo banner e navigando sulla pagina, acconsenti all'uso dei cookie.

Clicca qui per visualizzare la cookie policy