Categorie: PrecariSupplenze

Supplenti, 50 mila in più per la riapertura

di Fabrizio De AngelisLa Tecnica della scuola, 2.8.2020.

 Ma in caso di lockdown saranno licenziati e non avranno indennità.

Circa un miliardo per assumere a tempo determinato 50 mila lavoratori, circa 40 mila docenti e 10 mila ATA. E’ la dotazione organica annunciata anche dal Ministro Gualtieri e che è stata anche illustrata alle organizzazioni sindacali dal Ministero dell’Istruzione. Ma se dovesse scattare il lockdown, questi supplenti sarebbero licenziati e non avrebbero alcun beneficio di indennità di disoccupazione, come previsto generalmente per tutti i lavoratori a tempo determinato.

Supplenti “usa e getta” o “a cottimo”

Infatti, in fase di conversione, il decreto rilancio prevede una norma che in caso di nuova chiusura delle scuole, questi supplenti, circa 40 mila docenti e 10 mila ATA, potranno essere licenziati per giusta causa. Il testo prevede infatti che, le scuole possono “attivare ulteriori posti di incarichi temporanei di personale docente e amministrativo, tecnico e ausiliario (Ata) a tempo determinato”. Tuttavia, “in caso di sospensione dell’attività in presenza, i relativi contratti di lavoro si intendono risolti per giusta causa, senza diritto ad alcun indennizzo”.

Quindi, tali supplenti, quantomeno i docenti, non farebbero parte della possibile nuova “didattica a distanza” in caso di nuovo lockdown.

Avevamo già parlato dei supplenti “usa e getta“, come li hanno ribattezzati alcune sigle sindacali. Anche il sottosegretario De Cristofaro ha espresso perplessità sulla misura prevista del decreto rilancio. Nelle ultime ore anche il deputato leghista Rossano Sasso torna sull’argomento: “È ufficiale. Il Ministro Azzolina ha introdotto una nuova figura di insegnante, prevedendo una nuova forma contrattuale per chi intende intraprendere la carriera del professore: quella a cottimo, o come in molti stanno osservando in queste ore, quella del docente “usa e getta”

Che l’abuso nella reiterazione dei contratti a termine fosse una triste realtà nella scuola italiana, purtroppo lo sapevamo da tempo, continua Sasso. Ma che un Ministro della Repubblica si spingesse, dall’alto delle sue due lauree, dell’esperienza come sindacalista e del sedicente titolo di giurista di diritto scolastico, oltre ad un smisurato ed autoreferenziale ego, fino al punto di assumere “a progetto” degli insegnanti, non potevamo immaginarlo“.

La Azzolina sogna una scuola senza diritti, senza tutele, senza indennità di disoccupazione, senza contribuzione in caso di malattia, e con licenziamento in caso di Covid – 19.Anni di battaglie e di conquiste per i diritti dei lavoratori, bruciati dall’arroganza di una donna senza scrupoli, che riporta il diritto del lavoro agli anni ’50“, conclude il deputato della Lega.

Come verrà distribuito l’organico aggiuntivo

Nei prossimi Viale Trastevere comunicherà la suddivisione del contingente straordinario.
Il MI ha anche precisato che verrà data priorità alla scuola dell’infanzia e al primo ciclo, con particolare riferimento alla scuola primaria.

Ma quali sono i criteri che porteranno i supplenti aggiuntivi nelle scuole? Le risorse economiche, dice ancora il MI, saranno ripartite tra gli Uffici Scolastici Regionali con decreto del Ministro dell’Istruzione, di concerto con il Ministro dell’Economia e delle Finanze, sulla base di due criteri:

  • il numero degli alunni presenti sul territorio
  • le richieste avanzate dagli Uffici scolastici regionali che stanno vagliando le esigenze delle scuole.

Ma da dove viene questo organico aggiuntivo di supplenti

Verosimilmente, per quanto riguarda i docenti, per inserire nelle scuole questi nuovi supplenti, si attingerebbe dalle nuove graduatorie provinciali e di istituto, le cui domande di inserimento scadono il 6 agosto.

Anche qui però le perplessità sono tante: dato e considerato l’enorme difficoltà che stanno avendo gli aspiranti ad inserire la domanda, non è difficile pensare ad una proroga delle domande oltre il 6 agosto.

Quindi, ipotizzando una chiusura delle domande a cavallo con il ferragosto, le nuove graduatorie saranno pronte in poche settimane, per l’avvio delle lezioni dal 14 settembre?

.

.

.

.

.

.

.

.

Supplenti, 50 mila in più per la riapertura ultima modifica: 2020-08-03T05:58:34+02:00 da Gilda Venezia

Gilda Venezia

Leave a Comment

Recent Posts

Decalogo della legalità uguale

dalla Gilda degli Insegnanti della Provincia di Venezia, 21.9.2020. Ecco le effettive facoltà del dirigente anche…

7 ore fa

Galimberti, la ricetta: “Docenti selezionati con test personalità, genitori espulsi da scuola e 12 alunni a classe”

di Marco Barone, Orizzonte Scuola, 21.9.2020. “Bisogna estendere la filosofia a tutte le scuole e inserirla…

10 ore fa

Il sostegno dei disabili in crisi

TuttoscuolaNews, n.963 del 21.9.2020 158 mila alunni in attesa di docente. È crisi profonda per…

11 ore fa

I presidi chiedono di reintrodurre l’obbligo del certificato dopo l’assenza per malattia

Il Sole 24 Ore, 21.9.2020. La legge non prevede attualmente un obbligo di certificazione per rientrare…

12 ore fa

Pensione anticipata, come funziona la quota 100

di Noemi Secci, La legge per tutti, 19.9.2020 Che cos’è la pensione quota 100 e chi…

12 ore fa

Vivalascuola. Che fatica la vita da ministra! E figuriamoci da governati (male)

di Giovanna Lo Presti, Vivalascuola, La poesia e lo spirito, 14.9.2020. Curiamo la scuola. Che dura…

12 ore fa

Questo sito contiene cookie tecnici, analitici e terze parti per la migliore fruizione dei contenuti del sito anche mediante tracciamento delle attività nel sito. Per visualizzare la cookie policy e disabilitare i cookie diversi da quelli tecnici, clicca sul link sotto. Chiudendo questo banner e navigando sulla pagina, acconsenti all'uso dei cookie.

Clicca qui per visualizzare la cookie policy